Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

giovedì 14 ottobre 2004

La mamma ha sempre ragione

Mia madre mi regala sempre libri interessanti, che regolarmente metto da parte e riscopro dopo mesi. A Natale dell'anno scorso, per esempio, mi ha regalato una raccolta dei corsivi scritti per l'Unita' da Marco Travaglio. Ieri sera ho trovato quel libro in una pila di volumi ancora da leggere e mi ha davvero catturato. Non so se si trovi ancora, ma spero di si'. Si intitola "Bananas", usciva per Garzanti e il prezzo non lo so perche' mia madre l'ha cancellato. Straordinaria la serie di corsivi intitolata "Hanno la faccia come il Polo".

Qui a Londra sta avendo molto successo un libro intitolato "Change the world for a fiver". Lo hanno scritto i ragazzi di "We are what we do", una charity che invece di raccogliere fondi a scopi benefici (come fanno tutte le charities), si propone di cambiare il mondo partendo da piccole azioni quotidiane, piccoli cambiamenti di abitudini che, se adottati collettivamente, possono generare cambiamenti radicali: risparmio di risorse naturali, un migliore equilibrio personale, migliori relazioni interpersonali.

Alcuni esempi:

Action 5: "Smile and smile back"
Action 6: "Take public transport when you can"
Action 11: "Walk more"
Action 17: "Try watching less TV"
Action 25: "Use a mug not a plastic cup"
Action 28: "Be the change you want to see in the world" (citazione dal Mahatma Gandhi)
Action 31: "Turn off the tap whilst brushing your teeth"
Action 38: "Don't overfill your kettle"
Action 41: "Hug someone"
Action 46: "Use both sides of every piece of paper".

Sono un po' tutte cosi', facili facili. Niente di nuovo lo so, ma il libro illustra bene gli effetti positivi del nuovo paradigma che propone. E poi e' graficamente interessante. Puo' ricordare un po' il linguaggio di Adbusters, solo meno aggressivo, piu' amichevole e sorridente.

We Are What We Do ha un sito che vi invito a visitare: http://www.wearewhatwedo.org.

Non c'entra niente ma oggi sono stato a pranzo con un mio collega il cui fratello era compagno di scuola di Ian Curtis. Il piccolo Ian giocava sempre col mio collega. Il mondo e' piccolo.

1 Comments:

Blogger MoMo said...

"Smile and smile back" ... la mia preferita, un'azione molto semplice ... e così meravigliosa ... sorridere..
:-)

giovedì, 14 ottobre, 2004

 

Posta un commento

<< Home