Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

venerdì 5 agosto 2005

Ma perche' l'autobus non va?



Ci sono persone di una bellezza davvero sconvolgente. Oggi stavo saltando al volo sul 56 per andare a Islington, in comune, a dare un'occhiata ai piani edilizi attorno alla casa che sto comprando. Ho sentito chiamare il mio nome e c'era questa ragazza che mi sorrideva e mi salutava e, caspita, era cosi' bella, e se conosceva il mio nome dovevamo esserci visti da qualche parte, dovevamo esserci parlati, le devo aver detto "Io mi chiamo Fabio e tu?" prima di perdermi nei suoi occhi. E mi sono fermato a guardarla, le ho detto "Hi!" sperando che in qualche modo uno scatto d'orgoglio della mia mente mi permettesse in un microsecondo di ricordare dove quando perche' ci eravamo incontrati e di aggiungere a quell'"Hi!" il suo nome. Lei deve aver capito che stavo riavvolgendo alla massima velocita' il nastro magnetico della mia memoria degli ultimi anni, ma che proprio non mi ricordavo di lei, e ha detto "See you this Sunday at Noah's pic-nic" e cosi', con quell'indizio, mi sono ricordato che e' la ragazza spagnola che ora vive dove viveva Noah, e che avevo conosciuto al suo house warming.

Mentre tutto questo accadeva, sono rimasto con un piede sull'autobus e uno a terra, perche' improvvisamente avrei voluto che il 56 non fosse mai arrivato e che non partisse piu', e che tutti scendessero, e che i piani edilizi arrivassero loro con un altro 56 proveniente da Islington apposta per me, perche' io volevo restare li' tutto il pomeriggio. C'era questa temperatura ideale, il Sole, la tipa della quale per altro ho poi dovuto chiedere il nome a Noah perche' me l'ero completamente dimenticato (e non chiedetemi come ho fatto a dimenticarmelo perche' non lo so). Ero li' sorridente, con un piede a terra, che tenevo fermo l'autobus, osservato dall'autista e dagli altri passeggeri, che si domandavano perche' l'autobus stazionasse tanto a quella fermata dove di solito non sale e non scende nessuno.

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

bello, ma la vedi ancora o no? non puoi mica lasciarci in sospeso così...
Auro

lunedì, 08 agosto, 2005

 
Blogger Myriamba said...

allora l'hai incontrata al picnic

lunedì, 08 agosto, 2005

 
Blogger Fabio said...

Che curiosi! Certo che l'ho incontrata al pic-nic. Bel pic-nic tra l'altro, il secondo in due giorni, forse ancora migliore del primo. Nel quale pero' la musica era scelta da Giles Peterson. Ah l'Estate londinese. Sunshine, everybody loves the sunshine.

lunedì, 08 agosto, 2005

 
Blogger MoMo said...

Ma come hai fatto a dimenticartelo?!?!!!!
;-)

Simo

mercoledì, 10 agosto, 2005

 
Blogger Myriamba said...

Perche' c'e' stata un estate in Inghilterra? Io non l'ho vista..giro sempre in maglione e giacca

mercoledì, 10 agosto, 2005

 
Blogger Fabio said...

Simo -

Qui a Londra ti presenti o vieni presentato a decine e decine di persone ogni settimana, sapendo che il 90% non le vedrai mai piu'. Se ci pensi e' terribile, tutto e' superficiale, le persone che conosci davvero sono pochissime, pochissimi attori, moltissime comparse...

giovedì, 11 agosto, 2005

 
Blogger Fabio said...

Myriam -

Se non l'hai vista tu a Margate, figurati noi a Londra...

giovedì, 11 agosto, 2005

 

Posta un commento

<< Home