Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

venerdì 7 ottobre 2005

Un po' di estate per sopravvivere a questa grigia giornata londinese

"Devo sempre, sempre avere fiori. Mi occorrono piu' di ogni altra cosa".
- CLAUDE MONET

6 Comments:

Blogger kit said...

La bouganvillea fa proprio estate, vero.
Nella mia futura cucina/salotto, non mancherà mai un singola gerbera arancione o rosa Barbie in un vasetto trasparente. Tu che fiori preferisci in casa Fabio?

venerdì, 07 ottobre, 2005

 
Blogger Fabio said...

Io amo molto le piante fiorite, mentre trovo un po' tristi i fiori recisi. Non vedo l'ora di fare un giretto al mercato dei fiori di Columbia Road (sei stata? E' un modo fantastico di colorare grigie mattinate domenicali qui a Londra) e comprare un po' di azalee, gerbere, gardenie (cosa che succedera' questa primavera mi sa).

A proposito, nella casa nuova ho un terrazzo dove posso tenere piante anche abbastanza "importanti" e un balcone per le erbe aromatiche.

Qualche lettore sa quali piante sopravvivono all'inverno inglese (quindi clima umido ma raramente temperature sotto zero) stando all'aperto? Oleandri? Raglie? Lauro? Altre?

venerdì, 07 ottobre, 2005

 
Anonymous Kit said...

Io non ho molto il pollice verde purtroppo. Ho un piccolo balcone nella casa nuova, tenterò di far crescere dei girasoli in vaso come a casa dei miei, quello sì. Oltre alle piante aromatiche da cucina ma non valgono, mi sa. :-)
A Columbia Road sono stata in un bel sabato di sole, è splendido quel mercato, mette in pace con l'universo.

venerdì, 07 ottobre, 2005

 
Blogger Fabio said...

Vero, e li' vicino c'e' questo caffe' delizioso che si chiama Jones Dairy Cafe, in una vietta tranquilla, con le panchette fuori dove mettersi a osservare le bici cariche di fiori. Un posto troppo Robert Wyatt. Hai fatto bene a specificare erbe aromatiche *da cucina*, prima che qualcuno pensi male! :-)

venerdì, 07 ottobre, 2005

 
Anonymous Kit said...

La prossima volta che torno a Londra ci voglio tornare al Columbia Market e quel caffè con le panchine fuori mi sembra un'ottimo punto d'osservazione, anche fotografica.
(A me fa venire in mente "Perfect" dei Fairground Attraction, se dovessi abbinarci una canzone).

venerdì, 07 ottobre, 2005

 
Blogger Fabio said...

Concordo. Direi anche "The sprout and the bean" di Joanna Newsom (molto da Domenica mattina).

venerdì, 07 ottobre, 2005

 

Posta un commento

<< Home