Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

lunedì 9 gennaio 2006

La colonna sonora del fine settimana e' stata davvero spooky, chissa' perche'

Ascoltata davvero tanta musica questo fine settimana. Anche tante cose che mi hanno regalato o portato, da Bright Eyes ai Death Cab for Cutie, ma soprattutto...

le atmosfere oscure di Bianca e Sierra, quell'arpa, quei suoni misteriosi che sono proprio perfetti quando la luce del giorno lascia spazio alla sera che avanza. Qualcosa che qui a Londra succede in questo periodo attorno alle 4 del pomeriggio (e sto parlando solo di virare dal grigio al nero, perche' la poca luce che riesce a passare e' comunque filtrata da molti strati di nubi fitte e minacciose). E ogni tanto comparivano Antony e Devendra, come fantasmi simpatici che si aggiravano per la casa. Suoni molto pigri. Voglia di stirarsi come gatti.


e in tutto il grigio del cielo la sua voce aspra ci stava proprio bene. Album bellissimo"Ghetto bells", il suo "Astral weeks" e' stato definito. Si sentono davvero tanto le radici blues, ma questa volta avvolte in una confezione piu' preziosa del solito. Grandissime canzoni, come sempre, ma in questo caso arricchite dagli arrangiamenti di Van Dyke Parks e dalla chitarra di Bill Frisell. Triste, certo, ma di una tristezza che quando si e' proprio se stessi finisce per venire fuori con naturalezza e chiede carezze e comprensione.


e poi un classico della mia vita, da condividere, e non ho mai capito se preferisco "You're living all over me", "Bug" o "Green mind". Tutti dischi che ho amato follemente nei miei 20 anni e che continuo ad ascoltare dopo tutto questo tempo. Chitarre che urlano, Neil Young prima che conoscessi Neil Young, andamento stancamente slack. Ricordo un loro concerto visto a Chicago, volume impossibile, rumore bianco prossimo al dolore, un'esperienza fisica e spirituale insieme, free rock acidissimo e spaventoso.

A pensarci abbiamo scelto di ascoltare cose davvero spooky, chissa' perche'. O forse solo dischi molto invernali, adatti a queste giornate cortissime che avrei voluto non finissero mai.

37 Comments:

Blogger ele said...

ehm. si potrebbe dire molto, con tutte le cose che hai scritto.. ma l'unica cosa che mi viene dal cuore, almeno per adesso, è.. cavoli, che artwork *orripilante* quello di noah's ark.
mamma mia! :P

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Mi sono domandato che cosa volessero significare. Forse nulla del tutto, magari volevano solo attirare l'attenzione, non passare inosservate. Certo che la copertina non ha proprio nulla in comune con la musica. Il disco starebbe bene in una delle copertine dei Mazzy Star (She hangs brigtly direi) o di Kendra Smith (Five ways of disappearing) o in un altro artwork 4AD. Molto d'accordo con te.

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

potrebbe essere l'innocenza e l'infanzia spezzata..oppure che nel mondo fatto di fantasie infantile c'e' sempre il male..non so..

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Anonymous Kit said...

L'artwork delle Cocorosie è tipo una fiaba che finisce male? :-P
(mah, loro sì che sono spokky, mica le ho apprezzate io. E Antony come fantasma, hehe :-)
Vic Chesnutt lo ascoltavo tarda primavera 2005, grande atmosfera e belle belle canzoni, hai ragione.
Sui Dinosaur Jr no comment, ma capisco che fossero carismatici per i ragazzini alternativi degli anni '80 :-)

Bright Eyes e i Death Cab ruleZ invece, oh yeah!

["Suoni molto pigri. Voglia di stirarsi come gatti" è tenerissima...]

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Myriam -

Continuo a pensare che sia un modo per colpire chi ravana nelle vaschette dei CD dei vari Sister Ray (ex Selectadisc: a proposito, qualcuno ha notato che da quando ha cambiato nome non e' piu' il negozio indie piu' economico di Londra?) e Fopp (che amo ogni giorno di piu' e, lo dico per tutti i lettori londinesi che non vanno spesso a Camden, ha aperto un punto vendita bello grande tra la stazione della metro e il canale).

Kit -

Credo che "La maison de mon reve" Iil primo disco delle Coco Rosie) ti piacerebbe, e' molto meno spooky e piu' cantautorale (in un certo senso). I Dinosaur Jr. che rifanno "Just like Heaven" mi sembrava che ti piacessero pero'. E dei primi dischi di Bright Eyes non ci dici niente?

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Anonymous Kit said...

Just Like Heaven è quella dei Cure. Punto. Non riesco ad associarla a nessuna altro gruppo. E comuqnue l'hanno rifatta *uguale*. Il bello delle cover è personalizzarle no? A questo punto sono quasi curiosa di sentire la versione sull'lp di Katie Melua.
Uhm sui primi dischi di B.E. non posso dire nulla, quando avrei avuto tempo di ascoltarli? Questa settimana va così, tra recensioni e traduzioni di altro. Dalla prossima posso diventare esperta mondiale degli esordi di Bright Eyes ;-)

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Uguale dici? Non ti sembra molto piu' chitarrosa e drammatica e approssimativa da cameretta disordinata con la moquette rancida quella dei Dinosaur Jr? E poi il finale troncato e' bellissimo e confonde ogni volta. Detto tutto questo, la versione dei Cure resta una spanna al di sopra, con quella gioia triste che ti fa venire voglia di saltellare per casa, tipo giornata di Sole primaverile.

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Byron said...

Kit - mi stavo appunto chiedendo di chi fosse la teribbile versione piano-soul di "Just Like Heaven", ma se è di Katie Melua si spiegano molte cose...

Il fantasma di Antony - doh! Però me lo immagino che ulula ciancicando catene. E poi mi ci vedo come il Signor Otis del Fantasma di Canterville a proporgli un olio lubrificante per catene ;-)

Ma allora gli Arcade Fire proprio no? Sono spooky pure loro...e poi dai piacciono anche a Harry Potter.

Mio fratello Conor Bright Eyes bisogna a questo punto che mi passiate un CD di mp3, chè io ho il Bittorrent bloccato a furia di scaricare West Wing e roba per il PhD...

Fabio - prenditi i biglietti per i Sigur Ros il 28!

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger ele said...

daniel radcliffe aveva dichiarato in un'intervista di essere un gran fan dei clap your hands say yeah e dei we are scientists.. che amasse anche pixies, arcade fire e antony (......) non lo sapevo. ma vabeh. meglio per lui.. :)

kit, ma l'amore per i death cab prevede anche la *rivalutazione* del buon ben gibbard? mi ricordo che non era proprio la tua simpatia.. anche se non ho mai capito se il pollice verso fosse per lui, o per i postal service, o per 'entrambi'.. :)

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Irene -

No dai, gli Arcade Fire no. Sono la brutta, bruttissima versione dei Godspeed e di tutto l'oscuro mondo Constellation, tolta la poesia. Ci credo che gli U2 li hanno usati per aprire i loro concerti in qualche stadio canadese (mi pare di ricordare). Ma perche' piacciono proprio a tutti? Disco dell'anno ovunque ti volti qua.

I Sigur Ros li sto ascoltando proprio adesso e poi decido. Una volta che la rimuginazione avra' dato qualche frutto la signorina di Stargreen si rammarichera' di informarmi che il concerto e' sold out, al che provero' a barattare un biglietto con la mia rara maglietta con la copertina di () (rara fino a un certo punto poi, e' pure stinta). Augurami buona fortuna.

E proprio, l'ho detto alla Kit che nelle foto di Sabato sera sembri la sorella gemella di Conor Oberts (ci avete pure la stessa eta': separati alla nascita!).

Ele -

Sai che sono dovuto andare a battere su Google Daniel Radcliffe per sapere chi e'? Che disastro sono. Ma davvero ascolta i Pixies? E Antony? Pero' Antony in un prossimo Harry Potter un po' me lo vedo, in versione spettrale fantasmatica ovvio, che canta "For today I am a child, for today I am a boy" ovvio. Belle le foto tue e di Paso sul tuo blog (ho scoperto oggi per caso che nel sito degli Zu la mia recensione per il Manifesto compare immediatamente prima della sua per il Mucchio).

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Anonymous Kit said...

Irene -
la versione melensa di Katie Melua voglio ascoltarla una volta nella vita però, sono curiosa. E il fantasma di Antony potrebbe essere un personaggio niente male per le tue imitazioni: "For todayyyy I aaam a ghost")
Di Bright Eyes ormai ho *quasi tutto*, che provvederò a passarti appena possibile. (E sì, somigli molto. Specie il ciuffo sugli occhi :-)
Comunque NON VALE spacciare il link su Daniel Radcliffe che ti ho passato IO, marrana :-D

Ele -
la rivalutazione è per Ben Gibbard in toto nella sua incarnazione Death Cab For Cutie. Per citare Rachele, "I testi, signori, i testi". Al punto che vedo di prendere il biglietto per il concerto al più presto, che il locale è piccolo.
(Ma i Postal Service no, mai :-P )

Fabio -
questo blog è oKKupato dai lettori. Rassegnati. ;-)

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger ele said...

aaaaaaaaaaaaaaahh!
aaaaaaaaaaaaaaahh!
aaaaaaaaaaaaaaahh!

ma come! detesti gli arcade fire?
ma no. ma no. ma come.
secondo me in quel disco ci sono molta poesia, e molta passione.

d'altra parte, io ho (abbastanza) detestato cripple crow..

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Byron said...

Kit - lo so, ho riciclato il link. Però guarda che la notiziona di Daniel Radcliffe e i suoi gusti musicali inusuali è stata lanciata in anteprima addirittura dal Venerdì di Repubblica! Proprio accanto all'intervista con Ralph Fiennes in cui la Aspesi dibatteva del suo (di Ralfe) "masochismo estetico"...son cose che non passano inosservate ;-)

Fabio - nell'ultimo HP film c'erano Phil Selway, Jonny Greenwood, Steve Mackey e addirittura Jarvis Cocker, vedi mai che la prossima colonna sonora non includa un brano originale di Antony in duetto con Alan Rickman!

Okkupazione! Okkupazione! Okkupazione!

martedì, 10 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

non so non ho mai capito i Death Cab e nemmeno i Cursive...Katie Melua quella che ha 21 anni e si sente pazza come se ne avesse 17? MADONNA!! Ma allora se i Cure le hanno dato l'autorizzazione per la cover, sono andati veramente in basso no? Grandissima la versione dei Dinosaur Jr che ha accompagnato molte delle mie serate di giovane donna ..mi ricordo ancora che l'avevo registrato su una cassetta di colore arancione ..:) ..ah benedetti i tempi delle cassette..certo che i Dinosaur Jr erano proprio da vinile e da cassetta, no? Non ho mai capito le Cocorosie,pero' se il nuovo disco e' piu' spooky magari gli do un ascolto..Fabio, pensi proprio che gli Arcade Fire azzecchino molto con i Godspeed, nemmeno in brutta copia..sono pop, carini e basta. Non capisco che la gente impazzisca per questo gruppo..ma sono almeno fisicamaente fighi come i Godspeed?
Grandi i Calp your Hands say Yeah..mi piacciono un casino..anche se dovrei ascoltarli di piu'..e anche i postal service non sono male..li vidi in un concerto tempo fa ma mi fanno sempre venire in mente gli Analog Set Time " I am a post man..I am a post man" ..e anche al mio amico postino..Daniel Red Cliff e Ben Gibbard..non li conosco..moh vado a vedere ...e di Jose Gonzalez, che ne pensi? Ciao, Myriam

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

toh non sapevo che Ben Gibbard fosse il cantante dei Death Cab e che ci fosse una relazione con i Postal Service..quante cose s'imparano sul blog..e poi si non sapevo che Daniel whatever fosse Harry Potter..visto che non ho mai visto i suoi film, ed e' noto solo per quello, vero? Hey sto ascoltando uno dei pezzi che Tortoise ha fatto con Bonnie Prince Billy.....che figata! Altro che Harry Potter! Una dritta per tutti i londoniani: domani c'e' Dj Vadim con DJ Food all'Herbal! ! ..chi va a vedere Giovedi prossimo i Coldcut? Io ho gia' i biglietti :)

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

Penso che sia la notizia del giorno..

Tortoise And Bonnie Prince Billy Collaborate
2nd September, 2005
Tortoise and Bonnie Prince Billy have teamed up to record an entire album worth of cover versions.

The CD which is being released by Domino, was intended to come out this October but has now been moved back until January 2006.

The album has the name of The Brave And The Bold and includes 10 cover versions from artists such as Elton John, Don Williams, Lungfish and Bruce Springsteen.

The Brave And The Bold Tracklisting :

01. Daniel (Elton John)
02. The Calvary Cross (Richard Thompson)
03. That's Pep! (Devo)
04. It's Expected I'm Gone (the Minutemen)
05. Cravo e Canela (Milton Nascimento)
06. Some Say (I Got Devil) (Melanie)
07. Pancho (Don Williams)
08. Love Is Love (Lungfish)
09. On My Own (Quix*o*tic)
10. Thunder Road (Bruce Springsteen)

Quella che stavo ascoltando era la cover dei Minutemen...dio, abbiamo gia' uno dei dischi che entrera nelle top ten del 2006!!!!!!!!

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

http://www.atpfestival.com/events/index.php?event=22

Fabio, andiamo quest'anno qui? La line-up non sembra male..

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Kit e Irene -

Ma davvero vi scambiate link su Daniel Radcliffe nella vostra vita privata? I am impressed (e unimpressed by Daniel Radcliffe, ovvio).

A proposito di okkupazioni (formidabili quegli anni!) saluto il mio amico Beppe che ci ascolta dai Territori Occupati in Palestina, dove lavora. Ho visto che si e' collegato stamattina e gli mando un abbraccio (e la prossima volta che passi di qui Beppe mandaci un breve resoconto).

"I testi signori i testi" fino a un certo punto dai. Mi sembrava che la raccolta di Wire ti piacesse parecchio e li' di testi neanche l'ombra. Dopodiche' i testi sono importanti, ma non sono tutto (i Tortoise e i Godspeed, tanto per anticipare un paio di gruppi dei quali scrivero' piu' sotto, sono bravissimi, per dire, e non hanno mai scritto un verso - i Silver Mt. Zion si', lo so, non fate le pulci a tutto quello che scrivo).

Davvero in Harry Potter c'era Johnny Greenwood? Accipicchia, mica lo sapevo. Jarvis Cocker me lo voglio ricordare buon papa' (o zio, non saprei) che spinge il passeggino sul Millennium Bridge, visto in un pomeriggio di Sole primaverile con il vento che gli scarmigliava il ciuffo. Dovevo scriverlo prima o poi, e' una delle poche celebrita' spotted in London dal sottoscritto.

Myriam -

Grazie per la notizia del giorno (2 Settembre 2005, ehm). Non l'ho ancora ascoltato, ma ricordo eccome ricordo di aver visto un disco di Milton Nascimento nel loft di West Chicago (zona cosi' rough che Douglas McCombs mi fece da scorta per un paio di isolati quando li salutai) dove i Tortoise vivevano insieme mentre registravano TNT. John McEntire mi disse che lo avevano lasciato li' i precedenti inquilini, ma lo diceva di ogni disco strano che trovavo nella loro collezione. Springsteen pero' no, mica lo ascoltavano e neanche Elton John (il prossimo che verra' sdoganato e dato in pasto al popolo indie?).

Giovedi' sono a vedere i Mogwai all'Istituto di Arti Contemporanee (grazie Teo!), dopo il concerto vi racconto, quindi niente Coldcut. Peccato perche' ho voglia di vederti dopo secoli. Magari mangiamo qualcosa insieme prima dei concerti? RSVP (in privato).

Dinosaur Jr. molto da vinile e cassetta, concordo. Il CD fa un po' tristezza, le loro copertine si imponevano nell'arredamento della mia cameretta (formidabili quegli anni 2).

Ele e Myriam -

Ho finalmente confessato uno dei problemi che mi ha tenuto sveglio molte notti nel 2005: perche' tutti amano gli Arcade Fire e io no. E' ancora oggi ragione di profonda solitudine questa cosa. La risposta che mi sono dato e' che Montreal, e il Canada in genere, io lo associo con il cartoncino delle confezioni Constellation, e la plastica del packaging degli Arcade Fire mi piace molto meno. Comunque qualcosa ai Godspeed hanno rubato, tipo il senso un po' sinfonico di certi arrangiamenti. Solo quello, d'accordo con te Myriam (mai paragonare i Godspeed a nessun altro se Myriam leggera' il post, dimenticavo la regola # 1 del blog). Resta il fatto che scrivendo queste cose mi sento molto solo ecco. E' che non li capisco gli Arcade Fire, non mi entrano dentro. Li riascoltero', promesso (pero' Ele riascolta "Cripple crow", fallo per me).

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Myriam -

Grazie per la segnalazione, ne parlavamo ieri sera Marco e io di andare. Tu che sei del giro ATP, quanto tempo prima bisogna accaparrarsi il posto? Perche' Maggio e' cosi' lontano che non riesco ancora a pensarci.

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Anonymous Kit said...

Myriam -
il cd che dici esce a brevissimo alla fine.

Fabio -
ho mandato quel link a Irene dopo il suo post di dicembre su perchè detesta Harry Potter (non la leggi! non la leggi! :-)

"I testi signori i testi" è riferito a Ben Gibbard: leggili/leggeteli per darmi ragione (ma devo davvero scriverlo il post apologetico (?) su Ben Gibbard allora...?
La raccolta di Wire è bizzarra e interessante, molto *indietronica* ;-) Me la passerai prima o poi.

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

erhm..in alcuni pezzi dei Godpseed ci sono .registrazioni, cori..ect.. anche quelli sono testi seppure mini

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

boh...bisogna affrettarsi abbastanza per ATP..ma forse sono disoccupata tra 24 ore, quindi ci dovro' pensare un po' anch'io..

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

p.s. concerto di Sigur Ros sold out! Se hai dei posti per Jose Gonzales, fammi sapere
Ciao, Myriam

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger ele said...

beh.. l'idea del post apologetico (!!) su ben gibbard era semplicemente una battuta. non credo ce ne sia bisogno ;) poi chiaro che se lo vuoi scrivere lo scrivi.. ma vabeh, questo è ovvio :)

sugli arcade fire. non so se la cosa del packaging di plastica sia una metafora (nel qual caso mi sa che non ho colto :P).. però, ecco.. di fatto, la confezione di funeral è di cartoncino, esattamente come quelle della constellation.. :)

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

non mischiamo il profano con l'acqua santa..ok? Gli Arcad Fire non sono e non hanno niente a che spartire con i Godspeed ok? Se per questo hanno piu' a che fare con Celien Dion che e' anche lei Canadese ..ok?

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

I Godspeed non avrebbero mai e poi mai fatto uscire i loro dischi su Atlantic Records o V2 come hanno fatto gli Arcad Fire... o Celine Dion

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger ele said...

ehm.. io ho solo detto che la copertina di funeral è di cartoncino. punto. non serve mica scaldarsi tanto..

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Qualcuno mi ha scritto in una mail "urge tuo intervento sdrammatizzante, come padrone di casa, dai".

In effetti ognuno dovrebbe essere libero di esprimere le proprie opinioni, a me piace questo disco a te quello, va bene cosi', e sono d'accordo che non ha senso scaldarsi tanto. Tanto piu' che, per quanto ne so, gli Arcade Fire non sono pubblicati da Atlantic o V2 ma, almeno qui in Inghilterra, da Rough Trade (in digipak).

I Godspeed hanno preso posizioni che mi sembrano qualche volta discutibili. Tipo il fatto di non suonare piu' al South Bank perche' due sale si chiamano Royal Festival Hall e Queen Elizabeth Hall. E Efrim l'ho sentito dire, prima delle ultime politiche USA, che Bush e Kerry sono la stessa cosa, una posizione disfattista con la quale non sono affatto d'accordo. D'altro canto adoro la musica dei Godspeed e la filosofia indipendente della Constellation: nessun altro avrebbe pubblicato dischi di Frankie Sparo e di Elizabeth Anka Vajagic, autentici suicidi commerciali e piccoli capolavori per tutti coloro che hanno la fortuna di conoscerli.

Il paragone Arcade Fire/ Godspeed l'ho fatto io comunque e me ne prendo la responsabilita', civile e penale. E' solo che la prima volta che ascoltai distrattamente gli Arcade Fire pensai: ecco, questi hanno preso qualche idea estetica e musicale dai Godspeed e ora la rivendono in versione facile facile. Poi magari ai Godspeed gli Arcade Fire piacciono pure e sono amici.

[Myriam io spero che non sia successo quello che annunciavi come possibile, anche se la cancellazione della tua mail di lavoro non mi lascia tranquillo. Non posso spiegare quanto detesto il liberismo inglese. Ma dove sono i sindacati, com'e' possibile che la vacca Thatcher li abbia azzerati? In Italia il nano non c'e' riuscito (ce l'anno fatta i democristiani Fassino e D'Alema a distruggere Cofferati, ma questa e' un'altra storia). C'e' quest'indolenza inglese che non capisco, che permette ai padroni di cancellare posti di lavoro nel giro di 24 ore, di alzare le tasse comunali del 10% l'anno, di quasi raddoppiare le tariffe dei treni e della metropolitana in 4 anni, di alzare affitti e sfrattare. Nessuno dice niente. Facci sapere che sta succedendo].

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Byron said...

Oddio allora mi scuso anche io che ho cominciato con gli Arcade Fire. I Godspeed non li conosco, e sarò felice di procacciarmeli e dare un'opinione informata su altri schermi se necessario, ma a me gli AF piacciono, e non mi ricordano proprio Celine Dion, nè per musica nè per stile, mi sembra un po' una cosa lanciata a caso a gratise...(al limite in quella categoria lì ci mettiamo Katie Melua con la cover suddetta ;-P )

Scusa, per curiosità Fabio, qual è il ragionamento per cui non suonano alla Royal Fest. Hall perchè c'è scritto Royal? Cioè vorrebbero Democratic Festival Hall? The People's Music Room? The Judaean People's Front? The People Front of Judaea?

(Clap Your Hands Say Yeah! Evviva Daniel Radcliffe! Al rogo Harry Potter! Alla Bastiglia!)

Comunque per tornare al tema del post, non so com'è ma anche io sto ascoltando cose piuttosto crepuscolari e invernali. E' proprio vero che la musica, come il cibo, va a stagioni (almeno, il cibo dovrebbe). Io ho una specie di colonna sonora Proustiana ricorrente: in certi periodi dell'anno ascolto certe cose. Tipo Giugno è il mese Beach Boys, America, Creedence. Se sento un qualsiasi pezzo di questi artisti in qualsiasi altro periodo dell'anno, vengo riportata immediatamente a memorie di vari inizi d'estate. Non ho ancora deciso che roba è Gennaio, anche perchè per ora ho tutte cose nuovissime in loop sull ipod ("Cold Roses", "Funeral", Bright Eyes).

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Ecco sei sempre la solita sobillatrice Irene! Ci sei andata vicina, il locale che hanno aperto a Montreal si chiama Casa del Popolo (in italiano: http://www.casadelpopolo.com). Cold roses non proprio nuovissimo, ma ottimo, felice piaccia molto anche a te. E vero, esiste musica stagionale. L'estate e' quando nel mio lettore girano Beck, le raccolte della Soul Jazz (specie quelle di roots reggae) e Belle & Sebastian.

mercoledì, 11 gennaio, 2006

 
Anonymous Kit said...

[E comunque io non ho le casse in ufficio e non l'ho ancora ascoltata ma su Womenfolk c'è la cover di Katie Melua: "Just Like Heaven", signore e signori!]

giovedì, 12 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

si si mi hanno messo alla porta ..meno male, mi stava venendo una crisi depressiva.. ad ogni modo per ritornare al discorso Godspeed-Arcad Fire-Celine Dion- volevo solo dire che gli Arcad Fire musicalmente sono distanti dai Godspeed e che se vogliamo accomunarli per una appartenenza territoriale allora forse hanno piu' a spartire con Celine Dion. Infatti anche lei e' Canadese ed ha a che fare con delle major..con i Godspeed hanno solo il punto comune di essere canadesi ( e si..anche di aver suonato alla Casa del Popolo a Montrela..ok) .si..e' la prima scemenza che mi e' saltata in testa, chiedo scusa lady byron, ovvio che musicalmente non c'e' paragone tra C.D e gli Arc.Fire.Sui Godspeed, come sa Fabio sono molto suscettibile, essendo una delle loro piu' grosse fan del pianeta e ammiro anche la loro linea politica. Hanno fatto anche degli sbagli, da loro riconosciuti, come quella di partecipare alla colonna sonora di quella cagata commerciale di "28 hours" ma Danny Boyle, li aveva fatto vedere solo gli spezzoni del film che potevano intrigarli. Poi hann rifiutato una miriade di jingle pubblicitari dalla BMW, al Martini Rosso.. e anche la colonna sonora di uno dei film di Assayas soltanto perche' una parte di loro era in tour con altri gruppi e non potevano decidere collettivamente. Gia'.. l'idea del collettivo e' quello che sta dietro ai Godspeed. In uno dei loro vinili si trova una delle monetine trovate in un sacco abbandonato sulle rotaie del treno...finite le monetine, a turno i Godspeed comprano le monetine e le mettono sulle rotaie aspettando che un treno passi per includerle nelle loro copertine.. non so sara' un idea un po' balorda..ma c'e' un lavoro immenso dietro l'artwork dei loro dischi..Come il cartoncino usato, lo comprano in una piccola tipografia di Montreal che da del lavoro a delle persone handicappate.. non so se gli Arcad Fire e la V2 facciano le stesse cose.. Per il Royal Festival Hall, si in effetti e' il Royal e il link con la regina che li disturbava e per questo non hanno mai suonato nemmno al Queen Elizabeht Hall o allo Sheperd Bush Empire.. cercano di essere degli anarchici puri un po' come i Crass lo sono stati in passato..E poi ad ogni modo a loro non piace nemmeno la freddezza e distanza che ci possa essere nelle chiese (tipo Union Chapel..detestano il posto) e nei teatri..su questo sono molto rock and roll, amano il contatto con il pubblico e preferiscono suonare in posti di 600/800 persone per 4/5 giorni di filata.. poi gli Arcad Fire..ad ogni modo, sono molto meglio di Franz Ferdinand! Parlando di somiglianze, musicalmente gli Explosion in the Sky sono piu' simili ai Godspeed..

giovedì, 12 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Kit -

Posso dire che mi piace tanto? Rallenta il battito cardiaco e di questo ho bisogno a quest'ora (tra le 7 e le 8pm, le attivita' del giorno che lasciano spazio alla quiete della sera). Non convenzionale, questo e' certo. Bello Womenfolk, tornero', grazie per la segnalazione.

Myriam -

Mi spiace per quello che e' successo, certo che leggendo i tuoi racconti di quell'ufficio, brrr. Molto d'accordo sul confronto Godspeed/ Crass. Ma a proposito, i Godspeed stanno facendo qualcosa? Anche la Constellation mi sembra un po' in letargo, speriamo non sia un brutto segnale.

giovedì, 12 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

hey..ma gli Arcad Fire rassomigliano di piu' ai !!! senza il basso funkettone

martedì, 17 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Sai chi si sta avvicinando molto a quel suono? Archie Bronson Outfit, visti ieri sera al Legion, bravissimi (prossimamente un post su di loro, promesso).

giovedì, 19 gennaio, 2006

 
Blogger Myriamba said...

cos'e il Legion? Un nuovo locale? Dov'e'?

sabato, 21 gennaio, 2006

 
Blogger Fabio said...

Nojn nuovissimo, credo abbia aperto un paio d'anni fa. Old Street, vicino a Hoxton Square.

lunedì, 23 gennaio, 2006

 

Posta un commento

<< Home