Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

venerdì 8 giugno 2007

Mi sono svegliato ascoltato il disco nuovo di Christian Fennesz e Ryuichi Sakamoto stamattina, e la mia giornata da quel momento ha avuto un andamento liquido, lento, meditativo, tranquillo.

Cendre (Touch 2007) e' uno degli album piu' belli usciti quest'anno. Le gymnopedie di Satie che incontrano l'ambient music di Eno sotto un cielo stellato. Musica che esalta vuoti e silenzi, astratta, magica, fragilissima.

Stamattina presto lo ascoltavo con le finestre aperte, mentre entrava il suono del vento tra gli alberi e il canto di un usignolo. Tutto cosi' naturale e perfetto.

Ma ditemi, a proposito di Sakamoto, sono l'unico a commuovermi, da anni, ogni volta che ascolto questo suo brano?

[Lo ammetto: non riesco a decidere se preferisco la versione strumentale o quella con il divino Sylvian alla voce...].

[Resta il fatto che in questo periodo sono queste le cose alle quali do istintivamente piu' importanza quando penso alla qualita' del vivere: lentezza, silenzio, spazio, vuoto. Sento sempre maggiormente il bisogno di isolarmi da un mondo che ne' capisco ne' mi piace. Oggi ho ordinato un paio di dischi di musica per liuto e un doppio album di silenzio meditativo suonato dalla sublime ricercatrice buddista zen Elaine Radigue. Indicativo che questa musica la si deve ordinare online dalle etichette, nemmeno si trova su Amazon. I negozi debordano di spazzatura, qui e' tutto un caisercifarticmanchisfranzferdinandoesis stomachevole. Sono tornati i rivoltanti anni '80. Via, via, alla larga: lentezza, silenzio, spazio, vuoto].

[Settimana prossima sono nel regno dei pistoleri paranoici, ricordate? Cerco di scrivere comunque qualcosa da li', ma non riusciro' a postare molto regolarmente].

[Ho letto che il pistolero cagasotto non va a Trastevere. Ha paura poverino, lui che per tutta la vita ha fatto sterminare e torturare innocenti. Naturalmente, con tutto il fiato che posseggo, come fossi a Roma, da questo blog si alza un urlo roboante: BUSH GO HOME!!!].

11 Comments:

Blogger lophelia said...

il "doppio album di silenzio meditativo" non riesco proprio ad immaginarmelo, me lo spiegherai se ci vedremo da queste parti!
e se vieni in Toscana prometto di non portarti in una disco anni '80.

sabato, 09 giugno, 2007

 
Blogger Myriamba said...

uh..sakamoto e fennesz ..gli uomini piu' belli di tutto l'universo :)

domenica, 10 giugno, 2007

 
Blogger Myriamba said...

ma tu my space "murdoch" non ce l'hai? e' molto utile per ricevere tutte le informazioni dei tuoi gruppi preferiti..li metti tra i tuoi amici e tutti i giorni ti arrivano i bollettini..dell'uscita del disco di uno, del concerto dell'altro..ovviamente il loro my space e' gestito dalle case discografiche..ma e' utile :)
anche se murdocchiano

domenica, 10 giugno, 2007

 
Blogger Kina said...

...no, non sei l'unico a commuoverti per quel brano di Sakamoto, e se in più c'è anche la voce di Sylvian rischio il delirio mistico.
Kina

lunedì, 11 giugno, 2007

 
Anonymous Anonimo said...

Se si tratta di "Forbidden colours" sei in buona compagnia. q.

lunedì, 11 giugno, 2007

 
Blogger Fabio said...

Lophelia -

Certo che verro' in Toscana quest'estate! Sembra la prima decade di Agosto al momento, perche' a Luglio sono inchiodato qui in Inghilterra per lavoro. Se Enrico mi invita ancora, altro che disco anni '80. Stiamo ad ascoltare la musica meditativa di Eliane Radigue e a prendere il fresco cotto gli ulivi. Per capire di cosa si tratta, qualche info la trovi qui: http://www.lovely.com/.

Myriamba -

Ma ti ricordi quando andammo a sentire Fennesz al Tunnel anni fa e alla fine del concerto siamo arrivati in 5?

Su Murdoch ho parecchie riserve, preferisco avere il minimo livello di contatto possibile con i suoi media, e lavarmi bene le mani subito dopo. Pero' il tuo commento mi fa pensare alla quantita' di informazione alla quale abbiamo accesso, sempre di piu', sempre di piu'. Il vero problema oggi non e' accedere all'informazione, ma filtrarla dando all'informazione un senso.

Kina -

E sono anni che e' sempre la stessa storia quando ascolto quel brano, direi una ventina.

Q. -

Esatto, e' quel brano. Colri proibiti da alternare alla chitarra rossa.

lunedì, 11 giugno, 2007

 
Blogger cassandra said...

io confesso, sakamoto da solo è meraviglioso, ma la voce di David Sylvian mi fa sempre venire la pelle d'oca e il groppo in gola. Forbidden colours, poi, una specie di coperta di Linus. Anch'io me la porto dietro da un bel pezzo...

un saluto
C.

lunedì, 11 giugno, 2007

 
Blogger Fabio said...

Ricordo di averla ascoltata molti anni fa, mentre ero a letto con un virus che non riuscivano a capire cosa fosse. Mi commossi, piansi, ma poi sentii che quella musica mi stava dando forza.

mercoledì, 13 giugno, 2007

 
Anonymous Anonimo said...

Ho ascoltato su radio3 un brano di questo disco nuovo di Sakamoto ed hai, ragione, è veramente bello. Ciao. q.

giovedì, 14 giugno, 2007

 
Anonymous kimala said...

Beh io preferisco la versione con la voce di Sylvian,che tra l'altro verrà a Milano a settembre.
Riguardo myspace avevo delle riserve,invece mi ha regalato delle belle sorprese.
Grazie per avermi fatto conoscere
Bill Callahan,Ciao

venerdì, 15 giugno, 2007

 
Blogger Fabio said...

Q -

Contento ti piaccia. Sono tracce brevi, ma l'andamento dell'album e' privo di reali stacchi. Eccellente Radio 3: averlo alla BBC un programma fantastico come Battiti (peccato solo per l'ora troppo tarda).

Kimala -

Anche qui Sylvian a Settembre, il 17 alla Royal Festival Hall. Il suo ultimo concerto londinese, sempre alla RFH qualche anno fa, era stato davvero deludente, ma ho intenzione di confermargli la mia fiducia.

sabato, 16 giugno, 2007

 

Posta un commento

<< Home