Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

martedì 9 febbraio 2010

File urbani


Nel fine settimana ho passato un po' di tempo a esplorare la zona che si estende tra King's Cross e Shoreditch, passeggiando, con calma, senza una precisa direzione, con la macchina fotografica (un terzo occhio sempre attento a cogliere particolari che, senza, a me spesso sfuggono).

E' una zona davvero ricca di gallerie d'arte, alcune ben nascoste, come se accettassero di rivelarsi solo a occhi attenti e disposti a dedicare tempo e pazienza alla ricerca.

La Cubitt si trova solo entrando in un cortile che si affaccia su Pentonville Road (la strada che collega King's Cross e Angel) e all'inizio non si nota nemmeno: sembra un piccolo garage, non fosse per l'insegna bianca, gallery & studios.

E' una galleria davvero piccola, una sola sala, gestita da una comunita' locale di una trentina di artisti che promuovono a rotazione i propri lavori. Ogni tanto, come in questo periodo, ospitano mostre di artisti internazionali, ma sempre emergenti, mai famosi.

Wolfgang Breuer e' un installation artist tedesco che lavora con oggetti che appartengono al paesaggio urbano. Ricreando spazi urbani all'interno della galleria, si propone di farci riflettere sui contesti nei quali transitiamo quotidianamente, i non luoghi che attraversiamo spesso pensando a tutt'altro, non riflettendo abbastanza (parlo per me) sul loro significato.

Le pareti della galleria sono state ricoperte con le barriere che vengono usate per impedire l'accesso di eventuali squatters in edifici abbandonati. L'effetto e' volutamente opprimente, e dice molto piu' su temi come controllo e sorveglianza di quanto si potrebbe esprimere a parole.

L'idea di portare all'interno delle gallerie d'arte oggetti simbolici quotidiani non e' certamente nuova, come sappiamo parte almeno da Duchamp, ma quando ci fa riflettere su fenomeni sociali presenti a me sembra ancora fresca e interessante. A mio parere conferma una delle funzioni piu' importanti dell'arte contemporanea, quella di aprirci gli occhi, di andare al di la' della pur importante funzione decorativa - estetica.

1 Comments:

Blogger Myriamba said...

che belli i giri a Londra, eh?
Quando ci si organizza un giretto per le gallerie di Dalsto..il week-end del 20-21,se non piove?

mercoledì, 10 febbraio, 2010

 

Posta un commento

<< Home