Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

mercoledì 19 ottobre 2011

Anteprima Prospettive Musicali


Non mi capita spesso di scendere nel seminterrato della radio, che sta al piano sotto rispetto alle redazioni e allo studio dal quale sono solito trasmettere.

E' uno spazio molto grande, dove ci sono alcuni piccoli studi, di quelli che vengono usati per registrare trasmissioni e montare servizi, piu' gli uffici dei tecnici e un bar/ mensa che viene usato dai redattori. E l'auditorium Demetrio Stratos, che domenica scorsa ci e' stato affidato per organizzare il compleanno di Prospettive Musicali. Il decimo compleanno: siamo andati in onda per la prima volta il 14 ottobre 2001.

Nel 2001 abitavo gia' qui a Londra, dove mi ero trasferito a febbraio. Durante quei primi mesi avevo preso l'abitudine di ascoltare regolarmente uno strano programma notturno (un UFO, letteralmente) di BBC Radio 3 chiamato Late Junction (che ha festeggiato da poco il decennale, proprio come noi). Late Junction era il programma che avevo sempre sognato di realizzare e condurre. Una sequenza, costruita con molto gusto, di altre musiche, unite proprio dal fatto di essere altre, diverse, indipendenti nel senso piu' autentico e alto del termine. Provenienti da tutti i luoghi del pianeta e da tutti i tempi della storia della musica, perche' gli outsiders ci sono sempre stati e sono, tuttora, ovunque: basta cercarli, e quando li trovi li riconosci, ed e' sempre un'enorme gioia.

Durante una vacanza italiana, nell'agosto di quell'anno, ispirato proprio da Late Junction scrissi un progetto di trasmissione e presi un appuntamento con Claudio Agostoni, direttore della redazione musicale, per presentarglielo. Con mio grande piacere Claudio mi disse che aveva anche lui in mente qualcosa di simile da inserire nel palinsesto della radio, e che si' c'era spazio per portare avanti il progetto. Ti vorrei presentare un paio di collaboratori storici della radio che potrebbero essere interessati, mi disse. E mi mise in contatto con Alessandro e Gigi, che sarebbero diventati i miei compagni in questo viaggio.

Ci riservarono un'ora, la domenica sera, all'inizio solo in prova. Audiradio scrisse che avevamo, ogni domenica, 23mila ascoltatori. Un'enormita' per una proposta difficile e sfuggente come la nostra. Una bella sorpresa che ha portato il programma a essere confermato, stagione dopo stagione.

Il colpo d'occhio, quando domenica scorsa sono arrivato in radio, era emozionante. Il palco era pronto, il pubblico stava iniziando ad arrivare, i tecnici stavano spiegando a Alessandro e Gigi come usare il mixer dello studio 5, di fianco all'auditorium, da dove noi avremmo presentato il concerto. I piccoli studi erano stati trasformati in altrettante sale prove. Aprivi le porte e trovavi qualcuno dei 18 musicisti della Artchipel Orchestra, che sarebbero saliti sul palco per festeggiare con noi, intenti a prepararsi, accordando e provando i loro strumenti.

Dopo una mezz'ora l'auditorium era gremito. Alcuni hanno portato gentilmente bottiglie di vino e cibarie che sarebbero servite per i festeggiamenti post-concerto. Alle 21.55 tutto era pronto per la diretta, giusto il tempo di dividerci i compiti. Mettiamo lo stacchetto di Wyatt, poi tu Fabio annunci il programma, poi l'orchestra fa uno stacco, e poi Alessandro introduce l'Artchipel. Poche parole, tanta musica, anche per non tediare il pubblico straniero che avevamo invitato a collegarsi via web.

Il risultato lo potete ascoltare qui, e vi assicuro che e' una gioia, come hanno testimoniato l'entusiasmo del pubblico e i complimenti che abbiamo ricevuto al termine del concerto.

Per domenica prossima, invece, vi ho preparato un Prospettive Musicali piu' usuale, da studio, che ho registrato lunedi' sera prima di tornare qui a Londra.

Ascolteremo insieme musiche ispirate dal Rubaiyat di Omar Khayyam, filosofo e poeta persiano dell'undicesimo secolo. Poi un madrigale di Carlo Gesualdo, principe di Venosa, compositore appartenente alla tradizione rinascimentale italiana. E andremo in Mali, a sentire gli ultimi lavori dei Tinariwen e di Vieux Farka Toure'.

Conto, come sempre, sulla vostra compagnia.

Prospettive Musicali, settimanale di altre musiche di Radio Popolare, va in onda tutte le domeniche alle 22.35 in FM 107.600 e sul web.

Etichette:

4 Comments:

Anonymous arte said...

Ma io quello lì lo conosco!!!

venerdì, 21 ottobre, 2011

 
Blogger Fabio said...

Anch'io l'ho conosciuto, e abbiamo speso alte parole sul tram notturno che ci riportava in centro dopo il concerto, parlando di te!

venerdì, 21 ottobre, 2011

 
Anonymous arte said...

Alte parole sul tram notturno! Addirittura. Ora vi immagino e penso che questa è veramente una bella cosa: che la tanto bistrattata rete può fare anche questo.

sabato, 22 ottobre, 2011

 
Blogger Fabio said...

Quella tra la rete e la vita e' una relazione davvero sorprendente. Fa pensare a quella che e' la parola piu' importante di tutte, la congiunzione E, che tra le altre cose racchiude in se' proprio il senso di Prospettive Musicali.

E i tram notturni sono bellissimi nel loro fendere sferragliando la notte.

sabato, 22 ottobre, 2011

 

Posta un commento

<< Home