Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

venerdì 7 settembre 2012

Ora, le assunzioni di base di questo post e di molti che lo hanno preceduto recentemente sono fondamentalmente tre. La prima e' che questo blog non lo legge piu' nessuno ed avrei fatto piu' bella figura a chiuderlo tre anni fa. La seconda e' che tutto quello che non viene pubblicato in Facebook resta privato (e quindi basta avere un profilo in Facebook e non usarlo e poi in rete puoi pubblicare qualsiasi cosa). La terza e' una combinazione del fatto che tutti quanti con Instagram ci stiamo divertendo come non succedeva da quando eravamo bambini e che Londra in questa stagione e' bellissima. Ma insomma, tutto questo per dire che di la' in Flickr di foto ne ho inserita qualcuna. Qualcuna eh, che ne sto facendo circa 100 al giorno da quando ho riposto la reflex e mi sono convertito all'iPhone.

Se poi passasse di qui qualche vecchio lettore affezionato a quando in questo blog si esprimevano e discutevano cose e concetti, se volete diciamo che questa foto mi fa pensare al fatto che in questi tempi di crisi tutto e' precario, che in fondo e' la condizione umana, e che bisogna apprezzare cio' che si ha, perche' i tempi stanno cambiando in peggio, e quello che abbiamo oggi quasi sicuramente domani non lo avremo piu'. Finale positivo, come sempre.

Etichette:

30 Comments:

Anonymous borguez said...

caro Fabio,
io che di fotografia ne capisco quanto un caprone e che di viaggi (triste pecunia) da un poco non se ne parla, io dicevo, continuo a farmi bastare letture ed ascolti, ascolti e letture. e su queste sponde, per mia fortuna, letture ed ascolti non sono mai mancati.
mi candido a sfidare quel nessuno che si ostina a non volerti più leggere preferendo le sirene di facebook.
a presto,
borguez

venerdì, 07 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Facebook e' come andare al bar perche' non si ha niente di meglio nella vita. Noi invece preferiamo la nostra infinita ricerca di nuove parole e nuovi suoni caro Marco.

Quello che noto, io che da sempre per Facebook nutro una viscerale antipatia, e' quanto povere sono le passioni intellettuali in quello che e' il network globale (e quindi il riflesso di quello che la popolazione globale pensa e fa).

Ci sara' pure qualche gruppo di lettori e attenti ascoltatori, ma soffocato dalle erbacce. Come, ahime', accade nella vita, spesso (seconda conclusione positiva della giornata, e sono da poco passate le 2).

venerdì, 07 settembre, 2012

 
Blogger CICCILLO said...

anche se non commento passo sempre, continua!

F.

venerdì, 07 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

L'intenzione e' quella di continuare, ma sarebbe bello se oltre a noi, che siamo pure amici nella vita, si aggiungesse qualcuno di nuovo, no?

venerdì, 07 settembre, 2012

 
Blogger orsonmic said...

Ciao.
Seguo il blog e le trasmissioni (su Radio Pop).
Il blog lo seguo da qualche mese.
Però ammetto di non essere il tipo di pubblico che tu cerchi.
Sono,tra le varie cose, un lettore di tanti blog.
Cerco informazioni e "Prospettive" su argomenti di mio interesse.
Trovo il tuo blog molto interessante ma non sono un lettore attivo.
Mi dispiace ma sappi che quello che fai lo trovo utile e mi ripeto interessante.

venerdì, 07 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Fabio,
come sai per discussioni precedenti ho resistito su FB per poche settimane e poi ho tolto le tende.
Non sento peraltrodi essere escluso da alcunché di rilevante o imprescindibile. Se e quando mi sento escluso mi accorgo (confessione) che dipende eminentemente da me e dalla mia difficile personalità che mi rende sempre più arduo trovare condivisione e interesse negli altri.
Se però la conditio sine qua non per avere una vita sociale e dei legami è quella di far parte di un network, ho deciso da tempo che mi manterrò fedele al mio percorso, pur se poco popolare, e ne sconterò le conseguenze.
Io ho sempre trovato e trovo prezioso e ricco e stimolante il tuo spazio, in tutte le varianti e le declinazioni cui ho assistito in questi anni (e stanno diventando molti).
Ti seguo anche quando sono silente e non commento.
Attraverso e grazie a te ho conosciuto suoni, visto luoghi, apprezzato artisti.
Ho scambiato idee e ascoltato quelle di altre menti, persone che non conosco ma che per un attimo mi sono parsi amici con cui mi trovavo a conversare com d'abitudine.
Ti esorto a continuare, per quanto mi riguarda.
E se troverai un'ora per me a Londra (ho intenzione di venire a ottobre) te lo ribadirò a voce.
Nicola

sabato, 08 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Non sto ad esortarti a continuare (l'ho gia fatto) ma le scalette di prospettive Musicali, poi, dove le troviamo? Il sito di Radiopop è piuttosto lento ad aggiornarsi. ;-)

Massimo

sabato, 08 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Insomma ci stai dicendo che dovremmo leggerti (e guardare) su Flickr invece che sul blog? Tanto i commenti, se caso, si possono lasciare anche là. Insomma alla fine qual'è la differenza? che vengono meglio le foto? ((come disse Laura al prete, che le chiedeva "perchè vi sposate in chiesa?". Suppongo non fosse la risposta che si aspettava))
Sempre fedele
Auro

domenica, 09 settembre, 2012

 
OpenID 52libri said...

Ciao Fabio, sono una taciturna anche nella vita, figuriamoci in internet!;) Penso che il blog dovresti continuarlo, sia per Prospettive, che per altri contenuti. Capisco però che dopo anni magari tu senta il bisogno di un altro "mezzo" che non sia quel flusso di chiacchiericcio di FB. Instagram è precluso a chi non ha Iphone o Android (spero solo nella pubblicazione...)e quindi mi sta un po'antipatico ;) quindi al limite ti seguirò su flickr! a presto, Elena

domenica, 09 settembre, 2012

 
Anonymous arte said...

Anch'io mi sono fissata con Instagram, quindi ti capisco.
Però non chiudere. Saremo anche quattro gatti, ma siamo gatti affezionati e London Calling ci è caro. Io ti seguo anche su flickr, ma non è la stessa cosa, anche se si può commentare - non so, io ho bisogno di un testo, la foto non mi basta.

domenica, 09 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Orsonmic -

Benvenuto, e grazie per aver lasciato un segno del tuo passaggio.

Nicola -

Ci terrei molto a conoscerti. Credo tu abbia la mia mail, altrimenti fammi sapere. La prima parte di ottobre la passo sicuramente a Londra.

Massimo -

Le scalette le troverete qui, almeno fino alla fine di Prospettive Musicali (non ancora confermato nel palinsesto invernale, peraltro).

Auro -

A me Flickr continua a essere molto simpatico, e come dice Elena non è precluso se non hai uno smartphone (come Instagram). E' un luogo silenzioso ma pieno di forme e colori.

Elena -

Il flusso di chiacchiericcio non è il principale problema di Facebook. Il problema è che se scrivi una cosa in Facebook, finisce nei feed di: amici veri che frequenti nella vita, vicini di casa, colleghi di lavoro, compagni di tutto il ciclo scolastico dalla prima elementare alla laurea, persone viste una volta per caso, ascoltatori di Radio Popolare, amici di amici di amici, ecc. E non ho assolutamente nulla da dire a tutti loro (nè desidero leggerne i commenti, positivi e no). Io mi trovo bene qui e nel mio Flickr.

Arte -

Ma secondo te, chiuderanno mai Pioggia Blu e London Calling? Quando succederà, sarà un triste giorno.

E adesso, in onda!

domenica, 09 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Ciao Fabio.
Io sono una di quelle che non fa parte della tua cerchia di amici, ma che segue il tuo blog da, credo, 7/8 anni (Ti seguivo su Zoe quando ancora vivevo a Milano).
In passato, se non mi sbaglio fino a 2/3 anni fa, leggevo e talvolta commentavo anche i tuoi post, mossa da un curiosita' che andava al di la' del semplice interesse per il topic.
Se ci penso ora non so' darti una precisa motivazione per cui ho cominciato a seguire meno il tuo blog e a non commentare piu', ma visto che mi pare che ci tiene a capire che cosa ci puo' essere dietro questa mancanza di partecipazione nel tuo blog, mi permetto di dirti che ad un certo punto ho trovato i tuoi post...come dire...impersonali. Mi ricordo avevo cominciato a rileggere i tuoi post vecchi: lunghi, articolati, pieni di informazioni e curiosita'. Non era semplicemente descrivere un libro, parlare di un album, di un articolo, per me era principalmente parlare di altro: emozioni, eventi, pensieri, sentimenti...ricordo che quando decisi di trasferirmi qui' a Londra usai il tuo blog come una guida turistica e uno dei primi posti che visitai fu il Barbican Center, cercando di aprezzare qualcosa di nuovo che pero', paradossalmente, io gia' conoscevo.
Io non so' dirti se e' il caso che tu non tenga piu' questo blog, perche' magari l'impersonalita che io ho trovato ad un certo punto e' stata una tua scelta consapevole, ma nel contempo, da tua lettrice "affezionata", mi e' mancata ( e in parte tuttora mi manca) la parte piu' umana e sentita di questo blog.

Un abbraccio
Elena



domenica, 09 settembre, 2012

 
Anonymous hrundi v. bakshi said...

Come sempre!

lunedì, 10 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Elena -

La tua e' una critica costruttiva, e ti ringrazio, prima di tutto.

Non sono sicuro che le emozioni siano scomparse da London Calling, anche se sicuramente si sono nascoste meglio.

Nella vita si attraversano tante fasi, alcune delle quali le capisci solo quando sono terminate. In mezzo ti sembra tutto normale, perche' e' cosi' che ci difendiamo a volte.

Ci sono momenti nei quali non provi emozioni forti e riconoscibili. Vivi un giorno dopo l'altro. Poi improvvisamente succede qualcosa e i colori si trasformano e li vedi come la prima volta.

Non mi dilungo, ma credo ci siano ragioni anche abbastanza evidenti per le quali il mio blog abbia cambiato nome, facendo riferimento a un posto dove non ero, idealizzato quindi. E poi sia ritornato a casa, dove sono.

Torneranno le emozioni al centro di questi scritti? Non lo so e non ti prometto niente. Magari parliamone tra un po' insieme, se continuerai a seguirmi.

La tua critica costruttiva e' utilissima, e ti ringrazio se, nonostante la parziale delusione, torni qui comunque ogni tanto.

(Il Barbican comunque mi emoziona sempre, per mille ragioni).

Hrundi V. Bakshi -

Forever and ever :) grazie!

lunedì, 10 settembre, 2012

 
Anonymous rose said...

Ma allora le foto delle vacanze sono "instagrammate"? te lo volevo chiedere!
Immagino tu tenga un profilo privato solo per elaborarle (senza farle inghiottire dal flusso incessante) e conservarle.
chiedo perché mi interessano i vari modi personali che ci sono per usare tutto ciò.
Baci e buona settimana,
a

lunedì, 10 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Guarda, io mi sto un po' chiarendo le idee solo adesso.

La segmentazione piu' semplice dei social network e': Facebook vs. tutto il resto.

Facebook e' il flusso incessante. Pubblichi un post e ti arrivano in 20 minuti 20 commenti di una riga e 20 mi piace, poi tutto finisce li'. Va benissimo, nel mio caso, per pubblicizzare il fatto che sto per entrare in studio, 5 minuti prima che inizi la diretta del programma.

Di dare in pasto a Facebook le mie foto e i miei appunti musicali non mi va, per svariate ragioni. Di musica mi piace parlare con altri appassionati, di lettura con altri lettori, di arte con chi frequenta gallerie: solo cosi' si genera uno scambio positivo.

Flickr mi piace per la sua non immediatezza. Fai un po' di foto poi dopo un paio di settimane le selezioni e le posti con un piccolo commento. E' un modo per ripensare, riflettere.

Quando ci vediamo pero' mi parli di Instagram, perche' e' un network che ancora non conosco, anche se essendo immediato non so se mi piacerebbe molto...

[E si', le foto delle vacanze sono tutte scattate con un iPhone e quasi tutte instagrammate].

lunedì, 10 settembre, 2012

 
Blogger Paolo Gardinali said...

"Like"
(così impari)

martedì, 25 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

In Facebook pero' i like arrivano tutti nei primi 20 minuti... Un post scritto il 7 settembre sarebbe stato inghiottito nel gorgo (come lo sputo nel lavandino, mi verrebbe da dire :)

martedì, 25 settembre, 2012

 
Anonymous Giancarlo Turra said...

E' un pò che non posto, ma quella foto nella lavanderia è strepitosa. Su FecciaLibro non ci sono e non mi va di stare, siccome è un "social newtwork" e io sono una "asocial person", nel senso che la compagnia e la vita sociale me le scelgo, e se non mi interessa essere "amico" di qualcuno, non lo sono. Che poi, bah, "amico": amico è una persona cui confidi ogni angolo di te e sai di poterlo mettere in cassaforte, e lo stesso vale per lui; amico è qualcuno cn cui scambiare pezzi di vita come spugne e imparare a vivere meglio con ciò che ci si è scambiati; amico è qualcuno che quando ti abbraccia, ti avvolge e non resta sulla soglia dell'abbraccio. Di amici così, su FecciaLibro, trovatene voi, se ne siete capapaci, e io vi offro una cena.

la nostalgia del "retro" creata ad artificio con le foto mi piace per quel minuto e mezzo. Poi penso che a forza di rimpiangere i passato, sprechiamo energie a impedire che il presente vada a farsi friggere. Resta un simpatico giochino, come il 90% della tecnologia che ci fanno usare. Hai visto mai che se imparassimo a usarla in altre maniere, potremmo fargli un mazzo così a chi comanda?

Ciò detto, Fabio, un abbraccio forte. E che il blog possa vivere ancora e prosperare.

g.t.

venerdì, 28 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Ho pensato a te proprio ieri sera, come mi succede spesso quando ascolto un disco di musica rock e ripenso ai vecchi tempi e ai vecchi noi.

Sui social networks continuo a cambiare idea, piu' o meno ogni giorno, come c'e' chi non manca di farmi notare.

E' chiaro che se le relazioni tra due persone si limitano ai contatti via social networks, restano molto in superficie e le dinamiche relazionali profonde che dici non si possono realizzare.

Detto questo pero' i social networks (e un blog come questo ha la sua ragione d'essere nello scambio di idee tra chi lo frequenta e quindi in un certo senso e' un social network) permettono di scoprire affinita' con altre persone.
La lista di persone fantastiche che ho conosciuto grazie a London Calling e' molto lunga.
Altre le ho ri-incontrate, come e' accaduto con te.

Diverso, radicalmente, e' l'uso auto-referenziale dei social networks. L'ostentazione di se', cosi' diffusa in quel generatore di spam che e' Facebook.

Ma anche in quel caso, e' bene distinguere.
Grazie a Facebook sono rientrato in contatto con persone che non incontro da molti anni.
Mi viene in mente ad esempio un compagno di universita' che adesso insegna in California, e che ha commentato anche qui sopra.
Va bene, ci limitiamo a commentare magari superficialmente le rispettive foto.
Pero' dietro a quei commenti ci sono tante cose implicite, ci sono i nostri discorsi di quando avevamo 20 anni, c'e' il dirsi "ci sono ancora e mi ricordo di te".

Insomma, c'e' anche un lato "dolce" dei social networks, certo sepolto in quintali di spam, che pero' con qualche accorgimento si riescono a evitare.

Domani diro' una cosa completamente diversa, preparati.

venerdì, 28 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Come minimo. Del resto, solo i fessi non cambiano mai idea. :)

JC

venerdì, 28 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

In piu' considera che gli Amici (secondo la tua definizione) che si incontrano in una vita sono pochissimi.

Per lo piu', nel corso di una giornata, e quindi di quell'accumulo di giornate che chiamiamo convenzionalmente vita, incontriamo persone che ci sono piuttosto indifferenti e alle quali lo siamo noi.

Tali indifferenti diventano poi magicamente amici in Facebook, il Bar Sport contemporaneo.

E quindi si', trovo abbastanza irritante, come forse la trovi tu, la leggerezza con la quale in Facebook si usa la parola amici, svilendo il termine.

Sempre bello conversare con te.
Le idee che suggerisci ronzano nella testa per tutto il giorno.

venerdì, 28 settembre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Ovviamente, siccome uno a volte predica così e razzola cosà, ecco che - appesi Rickenbacker e Ampeg al chiodo - ora mi do al DJ-ing.
così che, indirettamente, mi sono arreso pure io a FacciaLibro.

Per chi non è Fabio, sono quello ritratto nel remake gardesano di "Wicker Man".

http://www.facebook.com/search/results.php?q=the+foggy+mind&init=quick&tas=0.4778184360296833#!/thefoggyming?fref=ts

JC

lunedì, 01 ottobre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Un uso professionale del mezzo direi. Una versione aggiornata di Myspace.

Ci troveremo podcast da scaricare?

Comunque ti ci vedo bene come DJ, magari genere Sounds of the Universe/ Honest Jons.

E l'importante e' non fermarsi mai, cambiare sempre, guardare avanti sperimentando e stupendosi.

lunedì, 01 ottobre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Dubito che faremo dei podcast, siccome si perde un pò del happening che creiamo, come accendere la lucina a forma di plastic jesus e gridare "gesù ti vede", o metter un cartello con "inoltrate le vostre richieste al buon Gesù". Oltre a mettere roba di qualità, chiaramente.

JC

martedì, 02 ottobre, 2012

 
Blogger Fabio said...

O la Gioconda esposta in mezzo a una strada trafficata col sole a picco di mezzogiorno.

Ho lo stesso problema con i podcast di Prospettive Musicali.

Li posto sperando che a nessuno venga in mente di suonarli in un pomeriggio assolato di agosto.

martedì, 02 ottobre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

L'idea è quella, un pò. Che certe cose siano da fruire nel momento stesso in cui accadono, e non in differita. Come fare radio in registrata e non in diretta: non mi è mai piaciuto, non l'ho mai fatto tranne credo una volta.

Qualcosa è "live" perché dovrebbe essere prima di tutto "alive".

JC

martedì, 02 ottobre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Fare la radio in registrata e' di una noia mortale. L'ultima volta che ho dovuto registrare una puntata, perche' non sarei potuto andare in diretta, appena finito tutto, ho dato un comando sbagliato e mi ha cancellato la puntata.

Quella sera in redazione c'era solo Vito War. Ha fatto tutto il possibile per aiutarmi, lui che di robe tecniche ne capisce, ma niente, non siamo riusciti a ritrovarla.

Now again... Rifatto tutto.

Appena finita la seconda registrazione, e' ricomparsa pure la prima...

mercoledì, 03 ottobre, 2012

 
Anonymous Anonimo said...

Mi piacerebbe sapere in base a cosa decidesti che registrazione usare...

JC

venerdì, 05 ottobre, 2012

 
Blogger Fabio said...

Usai la seconda, ma senza una ragione precisa, dato che entro in studio pieno di carte e appunti, al punto che le due versioni credo alla fine fossero davvero identiche.

Mi sono sentito non troppo smart, comunque.

venerdì, 05 ottobre, 2012

 

Posta un commento

<< Home