Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

lunedì 2 settembre 2013

# 1439

Hanno ragione il professor Vattimo, Erri De Luca, Giorgio Cremaschi.

Scrive quest'ultimo: "Nella storia del movimento operaio gli atti contro le cose che simboleggiano o materializzano lo sfruttamento del lavoro ci sono sempre stati. Dalle campagne alle fabbriche. A volte erano giustificati altre no, ma nulla avevano a vedere con quello che oggi si definisce come terrorismo".

E poco piu' avanti: "Vengono dolore e rabbia quando si va in Valle e si vede la montagna scarnificata, le migliaia di alberi secolari abbattuti e tutto nel nome di una opera che non serve a niente, se non a chi la fa e a chi costruisce su di essa notorietà politica.

La Tav in valle Susa è come gli F-35, si va avanti nonostante tutto solo per non ammettere di aver sbagliato.

E a proposito di aerei ricordo quel pacifista cristiano che si mise a martellare la carlinga di un aereo da guerra, era un terrorista? Non credo proprio".

La guerra dei macellai Assad e Obama va fermata, la Tav va fermata, l'acquisto degli F-35 va fermato. Tre batttaglie civili importanti, un'agenda di giustizia per l'autunno che sta arrivando.