Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

sabato 30 marzo 2013

Victoria & Albert Museum.

venerdì 29 marzo 2013

Flaubert e la vita


Non sono un grande fan del cinema di Ozon, ma questo suo ultimo Dans la maison (di grande successo in Francia) tratta con profondita' e contemporaneamente con leggerezza temi importanti, dalla crisi della famiglia borghese alle provocazioni elitarie che hanno progressivamente rinchiuso molta arte contemporanea in una torre d'avorio per iniziati.

Germain e' un professore di letteratura in un liceo, scrittore mancato.  E' sempre piu' deluso, anno dopo anno, dalle capacita' espressive dei suoi studenti. Sempre piu' innamorato di Flaubert, sempre piu' immerso nei suoi libri e sempre meno a suo agio con la realta' che lo circonda.

Claude e' un suo studente diverso da tutti gli altri. Ama scrivere, scrive decisamente bene, e il professore lo incoraggia, anche rompendo regole profesionali, a introdursi in una casa e in una famiglia borghesi e a descriverne le dinamiche, le abitudini, le relazioni.

Pagina dopo pagina, le contraddizioni, le finzioni, i giochi di ruolo della famiglia borghese diventano sempre piu' evidenti. Ma Claude, da spettatore diventa attore principale, e la sua presenza nella famiglia si fa sempre piu' ingombrante.

Il rapporto tra letteratura e vita si fa complesso, fino a un finale un po' esagerato nei toni, che forse rappresenta il punto debole di tutto il film.

mercoledì 27 marzo 2013

Living in the ice age

Ho appena finito di scrivere una mail a una cara amica che non sento da qualche settimana. Rileggendo, ho trovato una frase uscita di getto dalla mia tastiera, ma che mi piacerebbe condividere con voi perche' e' sufficientemente generica e universale per discuterne insieme, e contemporaneamente e' un pensiero cosi' angosciante, che scrivendolo e condividendolo, parlandone insieme, magari assumera' una dimensione piu' affrontabile. Tenere un blog serve anche a questo, no?

"Ora che il padronato ha sentito l’odore del sangue, si appresta a spolpare la preda. Avevamo ereditato un bel mondo, pieno di diritti diffusi, e ne lasceremo uno con una casta ristretta di padroni globali e invisibili e un esercito di lavoratori precarizzati e parcellizzati, quindi debolissimi".

Se volete parlarne (perche' e' un'angoscia anche vostra, perche' pensate che esageri, perche' meglio pensare allo smartphone e annichilirsi in Facebook, perche' sperate di non ricevere mai una mail da me, ecc.) io ci sono.

giovedì 21 marzo 2013

So unplug the jukebox and do us all a favour

Yo La Tengo, ieri sera al Barbican. Palco decorato con alberi finti e fiori veri. Prima un set acustico, poi il delirio elettrico controllato del quale solo loro sono capaci. Inizio a pensare che dopo lo scioglimento della gioventu' sonica siano rimasti i piu' bravi nel loro genere.

"Non possiamo lasciare Londra senza prima avere suonato questo pezzo" dice Ira. Prende un rullante, lo porta di fianco alla batteria di Georgia e si mettono a battere un ritmo tribale. James inforca la chitarra e inizia a strillare una di quelle canzoni che piu' di 30 anni fa facevano saltare questo blogger per la sua cameretta come una molla impazzita.

Subito dopo, con questa cover, si passa dalla nostalgia direttamente alla commozione.

martedì 19 marzo 2013

Dopo Prospettive Musicali

Il vecchio tram 19 che dopo il programma mi raccoglie in Piazza Firenze e mi porta dritto sotto al piumino al capolinea di Porta Genova (cosi' se chiudo gli occhi non perdo la fermata) dopo mezzanotte e' regolarmente vuoto. Attraversa sferragliando la citta' deserta saltando tutte le fermate, eppure a velocita' ridotta, come se si trovasse in mezzo al traffico. Ogni volta che torno a Milano quel percorso fa parte dei rituali della mia domenica sera. E domenica scorsa, con la neve che cadeva silenziosa sulla citta', le strade particolarmente vuote, il rumore ritmico a strappi cadenzati del tergicristallo che si andava ad aggiungere ai consueti cigolii di ogni curva, quel viaggio mi e' sembrato proprio bellissimo.

domenica 17 marzo 2013

Prospettive Musicali del 17 marzo 2013

SERAFINA STEER
Night before mutiny
da The moths are real
Stolen

GARTH KNOX
Concerto for viola d'amore in d-minor RV 393: Allegro
da Saltarello
ECM New Series

CHARLES LLOYD/ JASON MORAN
Mood indigo
da Hagar's song
ECM

BLACK TWIG PICKERS
Blind man's lament
da Rough carpenters
Thrill Jockey

CAROLIN WIDMANN/ ALEXANDER LONQUICH
Fantasie C-dur op. posth. 159 D 934: Allegretto
da Franz Schubert: Fantasie/ Rondo/ Sonate
ECM New Series

MIKLOS PERENYI
Third suite op. 87: Canto con moto/ Barcarola lento
da Benjamin Britten/ Johann Sebastian Bach/ Gyorgy Ligeti
ECM New Series

EVA QUARTET & HECTOR ZAZOU
Razvivay, dobro
da The arch
Elen

IBRAHIM MAALOUF
Suspicions
da Wind
Mi'ster

EVA QUARTET & HECTOR ZAZOU
Gospodi, pomiluy
da The arch
Elen.



Prospettive Musicali, settimanale di altre musiche di Radio Popolare, va in onda tutte le domeniche alle 22.35 in FM 107.600 e sul web.

Etichette:

domenica 10 marzo 2013

Prospettive Musicali del 10 marzo 2013

YO LA TENGO
Ohm
da Fade
Matador

AL GREEN
Call me
da The legendary Hi records albums, volume 2
Hi/ Edsel

CHRIS POTTER
Wine dark sea
da The sirens
ECM

GARTH KNOX
Black Brittany
da Saltarello
ECM New Series

MIKLOS PERENYI
Third suite op. 87: introduzione lento
da Benjamin Britten/ Johann Sebastian Bach/ Gyorgy Ligeti
ECM New Series

TOMASZ STANKO NEW YORK QUARTET
Wislawa
da Wislawa
ECM

STEFANO BATTAGLIA TRIO
Euphonia elegy
da Songways
ECM.


Prospettive Musicali, settimanale di altre musiche di Radio Popolare, va in onda tutte le domeniche alle 22.35 in FM 107.600 e sul web.

Etichette:

giovedì 7 marzo 2013

Ricominciamo

Un post veloce, solo per confermare (me l'hanno chiesto alcuni di voi) che sto bene. Sono solo stato un po' impegnato negli ultimi mesi, ma insomma presto ricomincero' a postare qui con regolarita'. Diciamo da verso fine marzo, dato che allora dovrebbero concludersi quelle cose che mi hanno tenuto lontano da qui.

Questi mesi lontano dal blog mi hanno fatto un po' riflettere, e di conseguenza London Calling sara' un po' diverso da come lo conoscete.

Intanto ne approfitto per dirvi che domenica prossima e quella successiva, quindi il 10 e il 17 marzo, tocchera' a me selezionare le musiche di Prospettive Musicali, e che quindi mi trovate entrambe le sere dalle 22.35 alla consolle di Radio Popolare, 107.6 in FM e in rete.

La copertina di domenica prossima, inevitabilmente sara' dedicata a Yo La Tengo, che proprio quella sera suoneranno a Milano. Il loro ultimo disco, spero concordiate con me, e' proprio uno dei loro migliori.

Per quelli che li seguono da sempre, Yo La Tengo sono una certezza preziosa, una colonna sonora che accompagna lo svolgere delle nostre vite, lo scorrere del tempo, i nostri cambiamenti e le cose che, fortunatamente, non cambieranno mai.