Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

mercoledì 28 agosto 2013

# 1437

Firmiamo la petizione per fermare questa nuova scellerata guerra. Si trova qui, e tra i primi firmatari ci sono Stefano Rodotà, Maurizio Landini, Maso Notarianni, Cecilia Strada, Guido Viale, Marco Revelli. Le personalita' italiane che preferisco, in pratica.

# 1436

Milano, luglio 2013 (foto: Gio', fotografa ufficiale di Prospettive Musicali :) Tutto concentrato perche' le prossime due domeniche sara' il mio turno di condurre il programma. Ci si sente alle 22.35 su Radio Popolare.

mercoledì 21 agosto 2013

# 1435

Julia Holter, Cecil Sharp House, agosto 2013. Un concerto di Julia e' un'esperienza di profondita' emotiva offerta con leggerezza, e Loud city song cresce ascolto dopo ascolto.

sabato 17 agosto 2013

# 1434

Mi piace pensare che a espressioni di uso comune tipo "dolce come il miele", "caro come il fuoco", ecc. si aggiungera' presto "idiota come uno del PD".

Sentite l'ultima, ad opera di un esemplare torinese del partito ruota di scorta di Berlusconi, tal Stefano Esposito, definito in questo articolo "strenuo difensore della TAV".

Avrete letto che il professor Vattimo ha recentemente definito, in un intervista al Corriere della Sera, legittime le forme non istituzionali di lotta di chi si oppone allo scempio della Val di Susa.

Una persona normodotata in fatto di intelligenza e' in grado di capire che il professor Vattimo si riferiva alle iniziative di resistenza civile non-violenta che il  popolo No TAV mette in atto, con coraggio, per contrastare un'opera inutile, costosa, con un impatto ambientale inaccettabile. Ma qui stiamo parlando di uno del PD, per cui l'ipotesi di partenza dev'essere rivista molto al ribasso.

Dice infatti questo Esposito commentando l'intervista del professor Vattimo: "è una vergogna che un politico come lui, uno che frequenta le istituzioni democratiche da tempo, rigetti il concetto stesso di democrazia per abbracciare, da teorico ovviamente, le violenze che oggi infestano la Valle di Susa. Le grandi opere come la Tav, sono decise in ambiti e contesti democratici, sono state votate dai diretti rappresentanti del popolo e quindi ampiamente legittimate. E' evidente che Vattimo ambisce a diventare l’ennesimo Mostro Sacro di una Sinistra sempre più in via d'estinzione. Il nostro compito però non è quello di spalleggiare i delinquenti ma sostenere lo sviluppo ed il lavoro».

Che un esponente di un partito nato cadavere, con la sola funzione di far vincere a Berlusconi ogni tornata elettorale senza saltarne nemmeno una, parli di "Sinistra sempre piu' in estinzione" e' davvero esilarante. La comicita' involontaria di queste salme che cercano pateticamente di rinviare le elezioni (che come sanno bene li spazzeranno via definitivamente), tenendo in piedi con ogni accanimento terapeutico questo governo pirLetta di zombie e buffoni, la trovo di una tenerezza commovente.

Se non sapessimo che manca poco a quando il PD sara' solo un brutto ricordo, ci sarebbe da preoccuparsi. Fortunatamente dobbiamo solo pazientare ancora qualche mese.

mercoledì 14 agosto 2013

# 1433

Domani e' Ferragosto. Io lavorero', ma non ho proprio nessuna ragione di lamentarmi: le vacanze mi piace farle a giugno/ luglio, e quest'estate ho fatto un viaggio cosi' bello e cosi' a contatto con la natura (mare trasparente, lunghe camminate in montagna, cibo naturale e buonissimo, condivisione di idee e emozioni) che l'eco di quelle giornate lo portero' con me ancora per molto tempo.

Il mio pensiero di oggi lo dedico ai lavoratori licenziati o in cassa integrazione che passeranno il Ferragosto nelle fabbriche, presiandole anche in questi giorni di festa per impedire alle aziende di smantellarle trasferendo i macchinari. Sono tanti, e meritano tutta la nostra ammirazione, la nostra solidarieta', il nostro sostegno.

mercoledì 7 agosto 2013

# 1432

Guardandola da qui, sono convinto che esista un'altra Italia, vitale e dinamica, che sento vicinissima.

E' costituita da associazioni di cittadini, sindacati (per carita', non quelli ufficiali, pronti a piegarsi a ogni richiesta del padronato), media indipendenti: la FIOM (ricordo che Maurizio Landini e' da 3 anni uomo dell'anno di questo blog), Emergency, Micromega, Liberta' e Giustizia. E da personaggi straordinari, ciascuno nel suo ambito di attivita': padre Alex Zanotelli, Stefano Rodota', Vauro, don Luigi Ciotti, Salvatore Settis.

Leggo di un loro progressivo avvicinamento, e ne gioisco, auspicando la nascita di un soggetto politico che finalmente ci rappresenti, e che metta al centro del dibattito parole d'ordine forti come antimilitarismo, reddito di cittadinanza uguale per tutti, protezione del nostro meraviglioso patrimonio naturale e culturale.

La Gran Bretagna, perduta nel delirio materialista dello shopping e delle celebrities, realta' culturali cosi' non puo' neanche sognarle.

martedì 6 agosto 2013

# 1431


# 1430

Dal Guardian:

“McDonald's has emerged as potentially the biggest zero-hours employer in the private sector after admitting that it employs 90% of its entire workforce in Britain, or 82,800 staff, on the controversial terms”.

Le condizioni di uno zero-hours contract sono semplici: “The employee agrees to be available for work as and when required, so that no particular number of hours or times of work are specified”.

Il rischio d’impresa si sposta cosi’ completamente dal capitale alla forza lavoro. Il lavoratore non sa quante ore lavorera’ quel particolare mese, e di conseguenza non puo’ prevedere il suo guadagno mensile, che potra’ essere anche uguale a zero.

Naturalmente, la chiamata e’ nominativa, e quindi il contratto si presta al massimo grado a ricatti individuali da parte del padrone. Meglio se stai al tuo posto senza dare noia, se no vieni considerato un rompiscatole e non ti chiamano piu'.

Ovvio che non esistono garanzie che il contratto non venga terminato senza preavviso, non esistono ferie, non esiste malattia, non esiste maternita’, ecc.

Questo e’ il capitalismo nel 2013 in uno dei Paesi piu’ ricchi del pianeta. A queste conseguenze, estreme e dolorose per i componenti piu' indifesi della societa', ha portato la tanto decantata flessibilita'.

Sempre secondo il Guardian, i lavoratori britannici con uno zero-hours contract sono gia' un milione.

sabato 3 agosto 2013

# 1429

Dal Corriere della Sera:

"Dopo di lui, ha parlato Angelino Alfano. Si è rivolto al Cavaliere con deferenza dandogli del lei: «Se c’è da difendere i nostri ideali, e la nostra storia, presidente, coincide con la sua, siamo pronti alle dimissioni, a cominciare dai ministri al governo». E ha aggiunto: «Il vero Berlusconi non è quello descritto nelle sentenze, la sua storia è la storia del Paese e merita rispetto». Poi non ha retto all’emozione ed è scoppiato in lacrime".

Sono io che ho capito male, vero? Un ministro degli Interni che dichiara di dimettersi se glielo chiede un condannato in terzo grado per frode fiscale. Con tutto il mio spirito critico nei confronti del Paese che mi ospita, di certo qui una cosa del genere sarebbe inconcepibile.

Credo peraltro che il titolo di cavaliere decada automaticamente con la condanna. Sarebbe auspicabile che i media ne terminassero immediatamente l'uso e iniziassero a chiamarlo ufficialmente per quello che e': un delinquente truffatore, come e’ stato accertato dalla magistratura.


PS: Sarebbe stato bello se le dimissioni di Alfano le avesse chieste il PD, ma si sa che i cadaveri in avanzato stato di putrefazione non parlano piu'.

# 1428

giovedì 1 agosto 2013

# 1427

"Morrissey was the complete opposite. He could just as easily have been an ECM jazz musician, very esoteric" [...]

Io l'ho sempre detto che il mio percorso musicale e' stato estremamente coerente :)