Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

mercoledì 30 ottobre 2013

# 1480

Le notti autunnali sono l'atmosfera ideale per approfondire buoni ascolti di musica antica, classica e contemporanea. Mi sono in questi giorni procurato un bel volume di sonate di Ravel, Takemitsu e Messiaen. E' musica davvero visionaria, di poesia rarefatta, assai indicata per questa stagione malinconica.

Le esegue la pianista giapponese Momo Kodama, della quale vi propongo questo notturno di Chopin, che sembra sia stato composto proprio per essere ascoltato nel cuore di una notte silenziosa come questa.

lunedì 28 ottobre 2013

# 1479

Clerkenwell, ottobre 2013. La mia inseparabile e ormai molto vissuta borraccia svizzera, apprezzatissimo regalo di Natale della Gio' di qualche anno fa. Un baluardo contro l'assurdita' delle bottigliette di plastica.

L'acqua dei nostri acquedotti, sia qui che li' in Italia, e' sempre buonissima, e le condizioni igieniche sono molto controllate. E l'acqua del rubinetto e' pubblica (lo sapete gia': il mio aggettivo preferito), di tutti noi.

E' bello, anche quando si pranza fuori casa, chiedere acqua del rubinetto. Qui e' molto normale. In Italia invece ti guardano strano. Ma e' bello essere guardati in quel modo, quando si sta facendo un piccolo gesto di insubordinazione al consumismo e al padronato che pretende di rendere privato cio' che e' di tutti. E quando contemporaneamente stiamo contribuendo a tutelare l'ambiente, il nostro bene piu' prezioso, dalla proliferazione indiscriminata della plastica.

domenica 27 ottobre 2013

# 1478

Grazie, Lou.

venerdì 25 ottobre 2013

# 1477

Malpensa, ottobre 2013. Soffitto.

# 1476

Malpensa, ottobre 2013. Gate.

# 1475

Lissone, ottobre 2013. Distributore di carburanti.

# 1474

Lissone, ottobre 2013. Segnalazioni stradali.

giovedì 24 ottobre 2013

# 1473

Tutti i giorni apro i siti dei giornali italiani per sapere cosa succede li' da voi, e tutti i giorni mi tocca leggere un raglio di questo Brunetta.

Ora, e' umanamente comprensibile che avere la bocca all'altezza alla quale le persone normali hanno il buco del culo possa generare in lui un po' di confusione. Ma santa pace, giornalisti italiani, e' proprio necessario riportare tutto quello che dice?

Se si iniziasse finalmente a ignorarlo, sono sicuro che dopo un po' la smetterebbe di ammorbare la nazione con questo suo insopportabile rancore cupo e disperato, dettato dalla sua condizione disgraziata e che con la politica non ha nulla a che vedere.

domenica 20 ottobre 2013

Prospettive Musicali del 20 ottobre 2013

Tate Modern, settembre 2013. Mostra di Mira Schendel.

Prima del GR:

IASOS
Rainbow canyon
da Celestial soul portrait
Numero Group

ELVIS COSTELLO AND THE ROOTS
Walk us uptown
da Wise up ghost
Blue Note

ROKY ERICKSON
Don't slander me
da Don't slander me
Pink Dust

BOB DYLAN
Pretty Saro
da Another self portrait: the bootleg series vol. 10
Columbia

NEKO CASE
Night still comes
da The worse things get, the harder I fight, the harder I fight, the more I love you
Anti-

BOB DYLAN
Spanish is the loving tongue
da Another self portrait: the bootleg series vol. 10
Columbia

Dopo il GR:

NEKO CASE
Man
da The worse things get, the harder I fight, the harder I fight, the more I love you
Anti-

MAZZY STAR
In the kingdom
da Seasons of your day
Rhymes Of An Hour

JOHN ABERCROMBIE QUARTET
Vertigo
da 39 steps
ECM

MARC SINAN
Prolog
da Hasretim journey to Anatolia
ECM

KELLER QUARTETT
String quartet no. 2: I. Allegro nervoso
da Gyorgy Ligeti: String quartets/ Samuel Barber: Adagio
ECM New Series

ORLANDO CONSORT
Gaude caelestis domina
da Antoine Busnois: Mass o crux lignum
Harmonia Mundi

HUELGAS ENSEMBLE/ PAUL VAN NEVEL
Version I: Credo
da Annibale Padovano: Missa a 24
Harmonia Mundi

ORLANDO CONSORT
Resjois-toy, terre de France/ Rex pacificus
da Antoine Busnois: Mass o crux lignum
Harmonia Mundi.

Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22.00 su Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

domenica 13 ottobre 2013

Prospettive Musicali del 13 ottobre 2013

Tate Modern, settembre 2013. Mostra di Mira Schendel.

Prima del GR:

BOB DYLAN
Went to see the gypsy
da Another self portrait: the bootleg series vol. 10
Columbia

BILL CALLAHAN
The sing
da Dream river
Drag City

JULIA HOLTER
Maxim's I
da Loud city song
Domino

JULIANNA BARWICK
The harbinger
da Nepenthe
Dead Oceans

ROBERT PLANT/ ALISON KRAUSS
Polly come home
da Raising sand
Rounder

Dopo il GR:

ROBERT PLANT/ ALISON KRAUSS
Through the morning, through the night
da Raising sand
Rounder

ADRIAN CORKER
Circle song
da Raise
Village Green

ENSEMBLE BELCANTO/ DIETBURG SPOHR
Anima illa, pt. 1/ Scientia Dei ad animam illam/ Infelix anima - virtutes
da Hildegard Von Binger: Ordo virtutes
ECM New Series

HUELGAS ENSEMBLE/ PAUL NEVEL
Version I: Gloria
da Annibale Padovano: Missa a 24
Harmonia Mundi

KELLER QUARTETT
String quartet no. 1: Metamorphoses nocturnes
da Gyorgy Ligeti: String quartets/ Samuel Barber: Adagio
ECM New Series

GIDON KREMER/ KEITH JARRETT
Fratres
da VV. AA. Selected signs III
ECM.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 su Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

mercoledì 9 ottobre 2013

# 1470

Prima che si concluda questa giornata, lasciate che faccia gli auguri di buon compleanno a London Calling, che proprio oggi compie 9 anni. Potete dirmi che non sono sempre coerente, ma che abbandono i miei progetti, beh, quello non lo potete proprio dire (tra qualche giorno, il 14 ottobre, Prospettive Musicali di anni ne compira' addirittura 12).

Anche se continuo a non capire cosa London Calling sia (ogni tanto un blog musicale, ogni tanto un taccuino di pensieri, ogni tanto un album di fotografie), anzi forse proprio per questo, inizio a sospettare che questa copertina di Linus restera' con me per tutta la mia permanenza su questo pianeta.

A voi che ogni tanto avete ancora la gentilezza di passare a trovarmi in questo spazio che mi piacerebbe trovaste sempre accogliente dedico un brano che sto ascoltando spesso in questi giorni. E' una traccia di un disco uscito ormai qualche anno fa, nel 2008, per una piccola etichetta australiana, la Material. Musica che avrebbe potuto pubblicare la californiana Windham Hill nel 1978.

L'album si intitola From a dream, l'hanno inciso Ralph Towner (ex chitarrista degli Oregon) con altri due chitarristi, l'austriaco Wolfgang Muthspiel e il kazako Slava Grigoryan. Io lo consiglio molto, cosi' come consiglio il suo seguito, intitolato Travel guide e appena pubblicato da ECM.

Quella che vi propongo questa sera e' una traccia un po' malinconica, molto adatta a queste prime giornate autunnali.

Buon ascolto, e ci sentiamo alla radio domenica prossima: ricordate che adesso iniziamo alle 22.

martedì 8 ottobre 2013

# 1469

Tate Modern, settembre 2013. Mostra di Mira Schendel.

# 1468

Tate Modern, settembre 2013. Mostra di Mira Schendel.

lunedì 7 ottobre 2013

# 1467

"'Com'e' bello, com'e' bello vivere! E com'e' pericoloso! E' proprio pericoloso, ma tanto bello', penso'".

- Natalia Ginzburg, Le voci della sera.

# 1466

So bene cosa voglio e cosa non voglio: il problema e' che molto spesso si tratta delle stesse cose.

(Pensiero del giorno attraversando le ventose sopraelevate del Barbican. Sospetto pero' che pur essendo un pensiero che mi e' arrivato spontaneamente riflettendo su una cosa con la quale non mi va di annoiarvi inutilmente, sia un aforisma che posso aver letto o sentito da qualche parte. Se cosi' fosse, fatemelo sapere e lo accredito al legittimo proprietario. Peraltro sarebbe quasi perfetto per un tweet. Se riuscissi a vincere le mie resistenze nei confronti della modernita' dei social network, invece di guidare questa 127 arrugginita parlando da solo, sono sicuro che anch'io avrei tanti like e tanti amici).

# 1465

Una prospettiva davvero interessante sul tema della decrescita, anzi della a-crescita (crescita della qualita' del vivere mentre decrescono i consumi), la propone Mauro Gallegati su sbilanciamoci.com, ripreso oggi da Micromega.

Gallegati suggerisce di superare l'interpretazione della disoccupazione come tragedia individuale, grazie all'introduzione di un reddito di cittadinanza, finanziato con la fiscalita' esercitata sui proprietari dei mezzi di produzione e sui rentiers finanziari, colpendo pesantemente il consumo di beni voluttuari e non necessari.

L'erogazione del reddito di cittadinanza, secondo questa prospettiva, andrebbe condizionata al principio della produzione e del consumo socialmente utili, che seriverebbe a ri-indirizzare i consumi verso produzioni etiche e locali.

E conclude la sua riflessione con un invito ampiamente condivisibile: "Non guardiamoci indietro: e' poco interessante, se non altro perche' ci siamo gia' stati".

Ricordiamoci soprattutto che quella che stiamo vivendo non e' una crisi (termine improprio e che fa solo l'interesse della classe egemone), ma una ri-distribuzione della ricchezza prodotta a vantaggio di una classe di super-ricchi. Tale classe va eliminata attraverso l'imposizione di un'elevatissima fiscalita' sui beni di lusso, per riportare al centro dell'azione politico-economica l'interesse sociale e collettivo.

giovedì 3 ottobre 2013

# 1464

Apro i siti dei giornali italiani, per sapere cos'e' successo oggi (infatti il Guardian, giornale perfetto per avvolgere gli scarti di cucina e niente male anche per pulire i vetri, apre stamattina la sua edizione online con un bell'articolone sulle maglie dei calciatori, seguito subito sotto da un articolo il quale sostiene che ai bambini dev'essere consentito di giocare con il cibo a tavola. E voi avete ancora il coraggio di lamentarvi del TG1).

Vengo cosi' aggredito dalla notizia della tragedia di Lampedusa, e resto senza parole. L'unico che sa esprimere quello che si prova di fronte a quella tragedia e' ancora una volta papa Francesco: "Mi viene la parola vergogna: e' una vergogna".

Non c'e' altro da aggiungere, forse. Oppure vale la pena ricordare quello che quell'uomo autenticamente rivoluzionario ha detto parlando con il suo amico ateo Eugenio Scalfari, solo qualche giorno fa: "Il liberismo selvaggio non fa che rendere i forti più forti, i deboli più deboli e gli esclusi più esclusi".

Medito sulle sue parole, e su quello che Formenti su Micromega ha chiamato "il matrimonio tra capitalismo e schiavitu'" (matrimonio molto riuscito, perche' il capitalismo e' schiavitu': asservimento dell'uomo e della natura alle esigenze del capitale e del padronato), interrogando la mia coscienza.

martedì 1 ottobre 2013

# 1463

Radio Popolare, settembre 2013. Foto: Gio'.

Una buona notizia per chi segue Prospettive Musicali. Il settimanale di altre musiche di Radio Popolare e' stato confermato per la sua tredicesima stagione. Non solo. Quest'anno Prospettive Musicali si allunga di mezz'ora. Inizieremo alle 22 (non piu' alle 22.35) e termineremo come sempre alle 23.30, con una pausa di 5 minuti per gli aggiornamenti del  GR alle 22.30.

Il calendario di ottobre e':

6/ 10: Gigi
13/ 10: Fabio
20/ 10: Fabio
27/ 10: Alessandro.