Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

giovedì 10 aprile 2014

Diario di bordo

Ieri sera  la volevo dedicare a raccogliere un po' di materiale per la prossima puntata di Prospettive Musicali.

Ve l'ho gia' raccontato, in una notte particolarmente tranquilla alla radio, di quelle che invitano alla sincerita' e a lasciarsi un po' andare, quella volta che ho dovuto sostituire Vito War all'ultimo momento.

Prospettive Musicali lo considero un impegno ben superiore a quello che, alla fine, e' davvero. Raccolgo almeno 10 volte il materiale e le informazioni che effettivamente mi servono. Preparo una decina di playlist prima di arrivare a quella che ascolterete.

E, in questo laborioso (qualcuno dira' inutilmente laborioso) processo, mi distraggo, faccio altre cose.

Ieri sera a distrarmi e' stato proprio questo blog. Le puntate precedenti. Molto precedenti, tipo 2005 - 2006. Quanto scrivevo, all'epoca...

Mi ha colpito soprattutto lo spirito di diario di bordo, di desiderare raccontare le proprie giornate anche quando sono unremarkable (parola che purtroppo non so piu' tradurre in italiano), spirito che poi un po' e' andato perduto, per mille ragioni che sarebbe lungo elencare.

Questo blog e' una cosa piccolissima, che scrivo per pochi lettori che continuano a leggermi e che qualche volta mi regalano un prezioso commento. E per me, che non ho memoria e devo annotarmi tutto.

Ho sempre scelto di evitare hashtag, e di non pubblicizzarlo sui social network. L'ho fatto consapevolmente, per restare tra noi senza bisogno di introdurre una password. (Lo pubblicizzo alla radio, e' vero, ma solo alla fine di Prospettive Musicali, nella convinzione che, se siete arrivati fino in fondo, allora un po' simili potremmo esserli).

E insomma ieri sera mi sono trovato a pensare che quello spirito lo-fi che trovate ancora nelle prime puntate (accessibili dalla colonna qui a destra), fatto di piccole osservazioni e di appunti minimi e volutamente lasciati "grezzi", vada un po' recuperato, perche' e' un peccato si sia un po' perso.

Che ne pensate?

Etichette:

6 Comments:

Anonymous L. said...

mi sembra un'ottima idea. Quelle puntate che lessi a ritroso quando conobbi il tuo blog le ricordo come una lettura molto piacevole, e capace di trasportarti altrove.

giovedì, 10 aprile, 2014

 
Blogger Fabio said...

E' un po' come cercare di leggere sull'otto volante leggere i primi anni di London Calling, pero' e' divertente. E per me molto evocativo, ovviamente, come guardare vecchie fotografie. Ricordi un sacco di persone e cose successe.

Grazie per il riscontro L. Peraltro varrebbe anche per te, mi manca il tuo blog e quella serie infinita di commenti e discussioni nelle quali ci lanciavamo senza paracadute :)

giovedì, 10 aprile, 2014

 
Anonymous Anonimo said...

E' una cosa che ho sempre fatto. Ho "usato" il tuo blog quando mi trasferì a Londra 7 anni fa e cercavo un luogo che tu avevi menzionato, finendo puntualmente a leggere mille post senza trovare quello che cercavo...
Elena

venerdì, 11 aprile, 2014

 
Blogger Fabio said...

Anch'io, in fondo, ho scritto mille post senza trovare quello che cercavo.

Non trovare quello che si cerca e' bellissimo. In genere si trovano altre cose, e di solito si finisce per scoprire che le cose che troviamo cercandone altre ci fanno piu' felici di quelle che stavamo cercando.

venerdì, 11 aprile, 2014

 
Blogger CICCILLO said...

secondo me se riprendi lo stile diario di bordo devi reintrodurre anche i titoli o quanto meno qualcosa che separi un post dall'altro, altrimenti è davvero difficile leggere e identificare i singoli post che così paiono tutti uguali e non si capisce quali hai già letto e quali no.

sabato, 12 aprile, 2014

 
Blogger Fabio said...

Bravo come sempre Francesco. Ti ho risposto con i fatti. Grazie per il tuo consiglio.

domenica, 13 aprile, 2014

 

Posta un commento

<< Home