Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

venerdì 22 agosto 2014

Il gavettone


Beh, se non altro se fino a poche ore fa mancava la prova scientifica che il figlio di Silvio Berlusconi e Wanna Marchi fosse un mentecatto, oggi e' arrivata.

Ricordo che il gavettone nasce come alternativa a un'offerta di beneficienza, in questo caso alle associazioni che si occupano di assistenza e ricerca per i malati di SLA.

Pensate al potere che un Presidente del Consiglio avrebbe per promuovere con serieta', competenza e equilibrio attivita' di solidarieta', e pensate a come questo pagliaccio usa invece il potere a sua disposizione.

E soprattutto pensate al livello di disperazione di un Paese nel quale per 80 euro la gente e' disposta a votare questo povero idiota.

Etichette:

8 Comments:

Blogger CICCILLO said...

io non la definirei disperazione, è cinismo e opportunismo.
i disperati o non votano o votano altro.

lunedì, 25 agosto, 2014

 
Blogger Fabio said...

Probabilmente hai ragione Francesco.

Se per capire che Monti era un fanfarone bisognava possedere alcune conoscenze di economia, per comprendere che quello di adesso e' un cretino basta sentirlo parlare 5 minuti: dice solo sciocchezze, infarcendole con citazioni di canzonette e di personaggi della televisione spazzatura del suo idolo Silvio Berlusconi, al quale non dimentica di leccare ogni giorno il rudo dei piedi.

Anche un bambino di 10 anni lo giudicherebbe troppo puerile.

E quindi molti di quelli che lo votano lo fanno con consapevolezza del danno sociale che stanno provocando, percio' come dici tu si comportano con cinismo.

martedì, 26 agosto, 2014

 
Anonymous L. said...

per quello che è il mio punto di osservazione non sono stati i beneficiari degli 80 euro a votarlo, anzi. In lui hanno creduto (o finto di credere)soprattutto liberi professionisti, commercianti.

giovedì, 28 agosto, 2014

 
Blogger Fabio said...

Pero' dobbiamo tutti ammettere che nel 40% degli italiani che l'hanno votato ci sara' un po' di tutto: non possono essere solo professionisti e commercianti.

Ci saranno certamente loro, ma io conosco anche per esempio gente (lavoratori salariati, pensionati) che votava PCI, PDS, DS e adesso vota Renzi, e che fa finta di essere ancora convinta della contrapposizione tra Democratici (buoni) e Berlusconi (cattivo).

A queste persone di immensa pigrizia intellettuale si sono uniti gli ex-elettori del PdL, assai piu' mobili dell'elettore tipico del PD. E tra questi come dici tu ci sono tanti commercianti e professionisti che hanno capito che Renzi e' il piu' efficace interprete del modello neo-liberista all'italiana che permette di evadere il fisco, sottopagare e precarizzare i lavoratori salariati, imporre affitti da usura, ecc.

La saldatura tra questi due segmenti di elettorato ha permesso al PD di raddoppiare i propri consensi. Non me lo spiego altrimenti.

giovedì, 28 agosto, 2014

 
Anonymous L. said...

d'accordissimo nel distribuire le colpe tra le varie categorie...era il nesso causa-effetto tra gli 80 euro e il voto a Renzi che contestavo :-)

venerdì, 29 agosto, 2014

 
Blogger Fabio said...

Scusa se mi permetto di insistere un pochino Laura, ma io credo che nelle attuali condizioni di disperazione di tante famiglie italiane, prosciugate da una pressione fiscale e da un'incertezza senza precedenti, non siano pochi quelli che si aggrappano a tutto. E quindi anche alla promessa degli 80 euro.

Trovo assolutamente inquietante che non siano stati spesi. Si sono messi da parte per far fronte all'incertezza.

Al tema dell'incertezza devo assolutamente dedicare un post al piu' presto, perche' sono sicuro che e' uno dei principali elementi di fragilita' dell'economia italiana.

Per esempio, qui la tassa sulla casa e' una sola, ed e' sempre stata la stessa da quando sono arrivato qui nel 2001.

Si chiama council tax, ed e' una tassa sui servizi. Si divide in 2 componenti, una strettamente locale e una comunale.

A ogni abitazione viene assegnata una categoria (o banda, come le chiamano qui), che se non apporti modifiche strutturali puo' solo passare da una alta a una piu' bassa (e quindi paghi progressivamente meno all'invecchiare dell'immobile).

Le variazioni della council tax sono minime, e per esempio io sto pagando lo stesso ammontare da 3 anni. Paghi mensilmente se ti va, direct debit.

Questo e' un elemento di forte certezza: so gia' piu' o meno cosa paghero' l'anno prossimo e tra 2 anni, ecc.

Tu non devi calcolare nulla, ti mandano loro una comunicazione una volta all'anno.

In Italia, santa pace, e' una Babele. Sulla casa di Milano, che hai visto e sai quanto e' piccola, pago uno sproposito. Ma soprattutto non so quanto paghero', con tutti questi nomi assurdi: IMU, TARSU, TARES, TIA, TRISE, IUC...

In queste condizioni come ci si puo' stupire se le persone anziche' spendere gli 80 euro li mettono sotto al materasso, in attesa del prossimo cambiamento e inasprimento legislativo?

venerdì, 29 agosto, 2014

 
Anonymous L. said...

3questo (che li hanno messi da parte) è quello che ci dicono. La realtà, sempre dal mio vicinissimo punto di osservazione, è forse anche peggio: ci han pagato qualcuno di quegli esami medici che non avevano più potuto fare da tempo. O, al limite, il "lusso" di un dentista.

lunedì, 01 settembre, 2014

 
Blogger Fabio said...

Credo che tu abbia ragione. Un esame medico, una visita dal dentista, una piccola riparazione che permetta di estendere la vita della macchina e della caldaia (mentre un tempo si sarebbero cambiate facendo girare l'economia).

L'evasione fiscale e la corruzione ringraziano il rivoluzionario baby premier per non essere state disturbate.

lunedì, 01 settembre, 2014

 

Posta un commento

<< Home