Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

martedì 23 dicembre 2014

I dischi del 2014: # 3



GROUPER
Ruins
Kranky.

Album registrato in completa solitudine, con mezzi poveri e di fortuna, in una casa nell'Algarve, sud del Portogallo, affacciata sull'Oceano.

Le finestre aperte, i suoni dell'ambiente circostante che si imprimono su nastro, insieme a una voce fragile che sembra cercare riparo tra le note di un pianoforte e tra il fruscio in bassa fedelta' di sottofondo.

Poesia delle cose semplici, dell'estate, della natura, di serate trascorse a prendere il fresco in veranda mentre i nostri pensieri si confondono dolcemente con il canto dei grilli e della brezza.

Etichette:

3 Comments:

Blogger Paolo Gardinali said...

Sei il secondo che mi piazza questo album tra i migliori dell'anno... Dovrò proprio ascoltarmelo (quando ho finito con l'opera omnia di Joe Cocker :) )

mercoledì, 24 dicembre, 2014

 
Blogger Fabio said...

Ciao Paolo,

E' un disco molto "naturale", volutamente lasciato disadorno, e credo ti piacera'. Cliccando sul video lo puoi ascoltare dalla prima all'ultima nota.

Buon Natale (da un altro che 13 anni fa disse "torno quando voglio" :)

mercoledì, 24 dicembre, 2014

 
Blogger Paolo Gardinali said...

Molto interessante, sono davvero in vena di cose più tranquille questo Natale. Tanti auguri!

giovedì, 25 dicembre, 2014

 

Posta un commento

<< Home