Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

domenica 7 dicembre 2014

Prospettive Musicali del 7 dicembre 2014

DON CHERRY
Modern art
Mellotronen

MARCIN WASILEWSKI TRIO W/ JOAKIM MILDER
Spark of light
ECM

KETIL BJORNSTAD
A passion for John Donne
ECM

JAN GARBAREK/ HILLIARD ENSEMBLE
Officium
ECM New Series

ANNA GOURARI
Visions fugitives
ECM New Series

Prospettive Musicali, settimanale di altre musiche di Radio Popolare, va in onda tutte le domeniche alle 22.00 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Stereo notte, indimenticabile!
Hrundi V. Bakshi

sabato, 13 dicembre, 2014

 
Blogger Fabio said...

E vogliamo parlare di Supersonic? Nel 1971 mio padre si ammalo' e trascorse alcune settimane all'ospedale.

Fu in quel periodo di immobilita' che, una sera, scopri' questo programma che inizio' a proporre alla mia famiglia. Ogni sera alle 20.10 sintonizzava la radio su quel programma magnifico che mi fece conoscere quella cosa che chiamiamo musica e che tu e io amiamo.

Grazie, Pierluigi Tabasso, dovunque sia in questo momento: per Stereo Notte e per Supersonic.

lunedì, 15 dicembre, 2014

 
Anonymous Anonimo said...

…probabilmente, per questioni puramente anagrafiche io non ho ricordi di Supersonic
Erano continue scoperte musicali invece le nottate intere all’ascolto di Stereonotte con i quattro conduttori che si alternavano fino alle 6 della mattina.

Quando iniziai a seguire il programma mi chiedevo in continuazione come facesse ad essere così “libera” (svincolata dal mercato discografico) la radio di stato;
più tardi mi sono risposto da solo: pura e semplice passione per la musica, e nient’altro!

Hrundi V. Bakshi

lunedì, 15 dicembre, 2014

 
Blogger Fabio said...

Paradossalmente, essendo svincolate da necessita' economiche legate alla raccolta pubblicitaria, alle radio di stato (qui nel Regno Unito e li' in Italia) e' consentita nel nome del pluralismo una quota di programmazione di qualita'. Addirittura, in alcuni casi, un intera stazione (come accade in Italia con Radio 3).

Pensa a Battiti: impossibile immaginare un programma simile in un network commerciale nazionale che vive di pubblicita'.

Straordinaria davvero la programmazione di Stereonotte. A me piaceva particolarmente un conduttore del quale non faccio il nome. Qualche anno fa lo incontrai qui a Londra e passai insieme a lui qualche ora peraltro trovandolo impossibilmente pieno di se' :)

Mi racconto' che all'interno del programma c'erano parecchie invidie e gelosie, poi chissa' se e' vero. Ma non e' importante: la cosa fondamentale era la qualita' musicale, spesso eccellente.

lunedì, 15 dicembre, 2014

 

Posta un commento

<< Home