Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

giovedì 27 febbraio 2014

Whitechapel Gallery, febbraio 2014. Archivi della Acme Gallery (1976 - 1981).

Whitechapel Gallery, febbraio 2014. Archivi della Acme Gallery (1976 - 1981).

Courtauld Gallery, febbraio 2014.

Courtauld Gallery, febbraio 2014. Vertigo.

venerdì 21 febbraio 2014

Blackfriars Bridge, febbraio 2014. Blue.

Essendo ancora cittadino italiano, oggi non posso esimermi dal farmi alcune basilari domande, alle quali mi piacerebbe che voi che vivete in Italia poteste darmi una risposta:

1) Perche' e' caduto il governo Letta? Un governo si presume che cada per qualche ragione concreta, ad esempio per essere stato sfiduciato dalla maggioranza che lo sosteneva su un qualche provvedimento importante per il Paese. Ma questo non e' accaduto. E quindi, perche' e' caduto il governo Letta?

2) In base a quale investitura popolare Napolitano ha conferito l'incarico di formare un nuovo esecutivo a Renzi? Renzi non si e' presentato alle ultime elezioni politiche (che peraltro il PD di Bersani ha miseramente perduto). E quindi come e' stato scelto quale potenziale primo ministro? La vittoria alle primarie del PD forse? Ma alle primarie del PD non hanno forse votato solo gli elettori di tale partito? E gli elettori di tutti gli altri partiti (che sono la larga maggioranza del Paese) per Napolitano non contano nulla?

3) Nel 2013 si sono svolte in Italia elezioni con una legge elettorale dichiarata dalla Corte Costituzionale incompatibile con i principi sanciti dai nostri Padri Costituenti. Perche' non si e' approfittato di questa misteriosa caduta del governo Letta per tornare al voto con il Mattarellum (ultimo sistema elettorale prima dell'incostituzionale Porcellum, quindi attualmente in vigore)?

4) Essendo la maggioranza che sostiene il governo Renzi la stessa che sosteneva il governo Letta, e dato che 9 ministri su 16 del governo Renzi erano gia' componenti del governo Letta, per quale ragione dobbiamo aspettarci discontinuita' nell'azione di governo? E quindi torniamo al punto 1: perche' e' caduto il governo Letta?

Grazie anticipatamente a chi eventualmente vorra' rispondere.

martedì 18 febbraio 2014

Da NAZIONE INDIANA:

Come al solito però quello che può apparire un limite può svelarsi una opportunità. Quella di scoprire – quasi con una perseveranza tignosa, dal vago sapore antimoderno, di chi vive in un mondo governato dalla velocità -, anzi, di riscoprire il ritmo, il passo umano. 

Siamo animali strani noi. Non veloci, non potenti. Ma costanti. Possiamo camminare, fin dalla notte dei tempi, per giorni. Quattro, cinque chilometri l’ora. Più o meno tutti. L’abbiamo dimenticato, ma è così, dall’alba dei tempi, che abbiamo colonizzato il mondo. 

A piedi. E quindi, sì, facciamola pure un po’ di filosofia: non ho la patente non perché bocciato all’esame di guida, ma per scelta. Di vita, potrei dire vagamente tronfio. Scelta che negli anni ha assunto sempre più connotati etici, politici. 

Abbiamo dimenticato il paesaggio che ci circonda, l’abbiamo lasciato sullo sfondo, come una cartolina, come un album di fotografie stereotipate e nel frattempo abbiamo permesso lo sciupio del territorio. 

Ma in un viaggio, ogni autentico viandante lo sa, quello che conta non è mai la meta, quella magari immortalata dalle Polaroid (o Instagram che sia). È il percorso. Da farsi a piedi. È solo così che si scoprono tesori inattesi.

domenica 16 febbraio 2014


A casa riscoprirò il piacere di dovere riempire ore di vuoto. Mani sui fianchi, mi piazzerò davanti alla libreria in cerca di un libro da leggere o da rileggere. Rivedrò qualche vecchio film. Tornerò alle gioie del monotasking. 

La mia attenzione recupererà la capacità di concentrarsi su un’unica attività, invece di schizzare in mille direzioni diverse e saltare da un ipertesto all’altro, riempiendomi la memoria a breve termine di nozioni che dopo cena avrò già dimenticato. 

Uscirò di casa. Farò di nuovo lunghe passeggiate solitarie e senza meta. Comprerò un giornale (di carta!) e lo leggerò tutto da cima a fondo. Non ce lo voglio l’internet a casa, e non lo avrò.

Dopo una settimana, oggi pomeriggio sono finalmente uscito un po', grazie al bel sole e al fatto che la febbre e' scesa.

Sono stato in un piccolo caffe' silenzioso che amo, una panetteria, a leggere, anche perche' comunque non mi fidavo a stare troppo all'aperto: non mi va proprio di fare la seconda ricaduta, una basta e avanza.

Ho portato con me un taccuino per rileggere dei pensieri che ho scritto una sera di settimana scorsa nella casa di Milano. Nella casa di Milano, non ho un collegamento Internet. Vivere senza collegamento e' semplicemente divino. E' VITA, finalmente, ancora naturale. Leggi un libro, ascolti un disco, scrivi per ore, telefoni a un amico.

Purtroppo qui a Londra non posso disdire l'abbonamento a Internet, perche' da casa lavoro. Ma voglio impormi un limite e rispettarlo. Alle 20, da domani, stacco tutto e inizio a vivere davvero. Esco a passeggiare, leggo riviste di carta, vado al cinema o a sentire un concerto, metto dischi veri e, soprattutto, mi concentro su quello che sto facendo senza distrazioni.

Proprio come si faceva prima dell'avvento di quello strumento di distrazione di massa e di disintegrazione di tempo che impedisce di concentrarci, di pensare, di sentire il vuoto e di riempirlo in modo bello, vero e creativo.

domenica 9 febbraio 2014

Prospettive Musicali del 9 febbraio 2014

BRUCE SPRINGSTEEN
High hopes
da High hopes
Columbia

BRUCE SPRINGSTEEN
American skin
da High hopes
Columbia

STEPHEN MALKMUS & THE JICKS
Planetary motion
da Wig out at jagbags
Domino

STEPHEN MALKMUS & THE JICKS
Houston Hades
da Wig out at jagbags
Domino

J Smoov
da Wig out at jagbags
Domino

Dopo il GR:

Dawn of a new day
da Walk the distance
Tapete

CLARA HILL
Dripstone cave
da Walk the distance
Tapete

Lost winter
da Walk the distance
Tapete

Sail away
da Sail away
Reprise

RANDY NEWMAN
Last night I had a dream
da Sail away
Reprise

Phantasiestucke
da Cello recital
Naxos

Scherzo
da Cello recital
Naxos

Guitarra, op. 45, no. 2
da Pablo Sarasate: Music for violin and piano 4
Naxos.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22.00 su Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

domenica 2 febbraio 2014

Prospettive Musicali del 2 febbraio 2014

COURTNEY BARNETT
Out of the woodwork
da The double EP: a sea of split peas
Milk!

COURTNEY BARNETT
Avant gardener
da The double EP: a sea of split peas
Milk!

COURTNEY BARNETT
Anonymous club
da The double EP: a sea of split peas
Milk!

CHRIS FORSYTH
Solar motel part I
da Solar motel
Paradise Of Bachelors

Dopo il Gr:

CIAN NUGENT & THE COSMOS
Grass above my head
da Born with the caul
No Quarter

CIAN NUGENT & THE COSMOS
Double horse
da Born with the caul
No Quarter

DEREK AND THE DOMINOS
Bell bottom blues
da Layla and other assorted love songs
Polydor

RALPH ALESSI
Chuck Barris
da Baida
ECM

AARON PARKS
Toward awakening
da Arborescence
ECM

AARON PARKS
Elsewhere
da Arborescence
ECM.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22.00 su Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette: