Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

domenica 22 febbraio 2015

Prospettive Musicali del 22 febbraio 2015


Questa notte abbiamo ascoltato musiche tratte da:

VV. AA.
I'm just like you: Sly's Stone Flower 1969 - 70
Light In The Attic 2014

JESSICA PRATT
On your own love again
Drag City 2015

ALASDAIR ROBERTS
Alasdair Roberts
Drag City 2015

MAGGIE BJORKLUND
Shaken
Bloodshot 2014

KENNY WHEELER
Songs for quintet
ECM 2015

VIJAY IYER TRIO
Break stuff
ECM 2015.



Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

venerdì 20 febbraio 2015

Bush Hall, febbraio 2015. Hiss Golden Messenger.

Etichette:

White Cube, febbraio 2015. Thurston Moore, eterno ragazzo.

Etichette:

Anteprima Prospettive Musicali


Ci sentiamo domenica 22 alle 22 a Radio Popolare.

Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Verona, Radio Popolare Salento e sul web.

Etichette:

venerdì 13 febbraio 2015

PD: il nuovo Partito Fascista



Dopo l'agguato violento squadrista di questa notte ai rappresentanti di SEL, e con la decisione di procedere alle riforme della Carta Costituzionale senza la partecipazione al dibattito delle opposizioni democratiche, il partito del bullo da luna park Matteo Renzi finalmente getta la maschera e si qualifica per quello che e': la riproposizione (macabra, grottesca, anacronistica) del disciolto Partito Fascista.

Si e' passato il segno: nell'ambito dei propri poteri e doveri il Presidente della Repubblica faccia sentire la propria voce a difesa dei principi democratici, e ai sensi della XII disposizione finale della Costituzione della Repubblica Italiana verifichi se esistono gli estremi per l'immediato scioglimento di una formazione politica che ha ormai assunto connotati eversivi, che la pongono fuori dal perimetro istituzionale nato dalla Resistenza e voluto dai padri costituenti.

Etichette:

martedì 10 febbraio 2015

Dall'ultima lettera di Kayla Mueller



"Mi sento grata. Ho capito che c’è del buono in ogni situazione, a volte dobbiamo solo cercarlo. Prego ogni giorno che se non altro abbiate sentito un certo senso di vicinanza con me e che vi arrendiate a Dio anche voi, e che abbiate formato un vincolo d’affetto e sostegno tra di voi… 

Mi mancate tutti, come se ci tenessero separati forzatamente da dieci anni. Ho avuto molte lunghe ore per pensare, per pensare a tutte le cose che farò con Lex, alla nostra prima gita di famiglia in campeggio, al primo incontro all’aeroporto. 

Ho avuto molte ore a cui pensare a come soltanto in vostra assenza, a 25 anni, ho finalmente capito il vostro posto nella mia vita, il dono che ciascuno di voi è per me, la persona che sarei e che non sarei se non foste parte della mia vita, la mia famiglia, il mio sostegno. 

IO NON voglio che i negoziati per la mia liberazione siano un vostro dovere, se c’è qualsiasi alternativa coglietela, anche se richiede più tempo. Questa cosa non sarebbe mai dovuta diventare un peso per voi".

Il mio pensiero oggi e' per Kayla, per il suo idealismo candido e puro come un fiore. E per quei ragazzi morti di freddo mentre cercavano di fuggire via mare dalla fame e dalle guerre verso un futuro di speranza.

Che riprenda l'operazione Mare Nostrum che i luridi fascisti del PD hanno cancellato "per ragioni economiche". Si aumentino le tasse al padronato e ai detentori di grandi patrimoni, e si aiuti finalmente chi ha bisogno procedendo a una rapida politica di ridistribuzione equa. La vita non ha prezzo.

Etichette:

lunedì 2 febbraio 2015

Prima lettura



Stavo pensando di introdurre nelle mie conduzioni a Prospettive Musicali qualche lettura, come si faceva tanti anni fa a Tropici e Meridiani. Vi anticipo le prime righe di una cosa che ho messo da parte da leggere la prossima volta che vado in onda:

Purtroppo la societa' del benessere, del consumo e dello spreco ha fatto dell'"essere fuori di se'" il fine ultimo da proporre e imporre mei modi piu' subdoli per potersi autoalimentare. Di fatto, proponendo i suoi valori, ci ha schiavizzato con uno stile di vita che fa dello status sociale, del potere, del successo, del denaro, della bellezza artificiosa o esteriore, dei beni imprescindibili.

Cosi', grazie ai media, alla pubblicita' e al marketing ci troviamo a rincorrere l'avere invece dell'essere, il fare invece del vivere".

Poi prosegue per alcune pagine parlando del mondo illusorio proposto dalla pubblicita', di bisogni indotti artificialmente, della proiezione del soddisfacimento di bisogni reali (socialita' per esempio) sul possesso illusorio di oggetti (compro quel telefonino/ vestito/ auto per appartenere a quel gruppo aspirazionale), dello stordimento in dosi crescenti (alcol, shopping, Facebook, lavoro, ecc.), del falso sollievo ottenuto essendo sempre online (e quindi allontanandoci sempre piu' dal dialogo profondo con noi stessi).

Una buona lettura.

Etichette: