Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

sabato 27 giugno 2015

La quarta di copertina dell'ultimo volume di Kinfolk magazine, appena arrivato nella posta. Molto in linea con le mie riflessioni di questi giorni.

Coltivare la semplicita' per imparare a vedere



But if you cultivate a healthy poverty and simplicity, so that finding a penny will literally make your day, then, since the world is in fact planted in pennies, you have with your poverty bought a lifetime of days.

It is that simple.

Annie Dillard, Pilgrim at Tinker Creek.


E' una prospettiva interessante. Semplificare le nostre vite per vedere cio' che solo una volontaria semplicita', la liberazione da inutili e pesanti sovrastrutture, ci consente di cogliere.

Piccole cose: un gesto gentile, un volto disteso e sorridente, il sole che per un istante fa capolino tra le nuvole, il suono quasi impercettibile di una brezza di vento.

Piccole, forse, ma capaci di cambiare il colore di una giornata.

Una delle foto scattate a Mazzoleni Art di Mayfair, che sta dedicando una bella personale a Alighiero Boetti. Fino al 31 luglio. Per interrompere un po' il flusso di parole di questi giorni.

martedì 23 giugno 2015

Il sistema capitalista genera solo insicurezza, ansia, infelicita'



We have become a pyramidic society of the omnivorously acquisitive few, an insecure, dwindling middle class, and a multiplying number of ill-served, throwaway citizens and workers resulting in a kind of public breakdown, with symptoms along a spectrum from acute self-involvement to extreme anxiety to individual and group violence.

Adrienne Rich, Arts of the possible.


La rapidita' con la quale la minoranza acquisitiva e' riuscita ad assoggettare la maggioranza dell'umanita' fino a rendere aspirazionali i disvalori che la caratterizzano, e anzi fino ad averli trasformati nei pilastri sui quali poggia un sistema che propone una vita del tutto innaturale come desiderabile, e' stata probabilmente superiore alle proprie aspettative.

Cosi' come superiore alle attese della classe dominante e' la mancanza di consapevolezza, di unione e di resistenza, caratteristica del tempo presente: il nostro, limitatissimo e preziosissimo, tempo di vita.

lunedì 22 giugno 2015

Fare, fare, fare: competere, aggredire, acquisire



Capitalism presents itself as obedience to a law of nature, man's "natural" and overwhelming predisposition toward activity that is competitive, aggressive, and acquisitive. Where capitalism invokes freedom, it means freedom of capital.

Adrienne Rich, Arts of the possible.


La ragione per la quale siamo stati sconfitti e' molto probabilmente proprio il fatto che il sistema capitalista e' riuscito a rappresentare se stesso come una legge naturale, implicando che l'uomo e' per natura competitivo, aggressivo, acquisitivo.

Sappiamo che non e' cosi'. Nel bel volume I legami che ci aiutano a vivere (Feltrinelli) lo psicologo Domenico Barrila' spiega che in ogni essere umano esiste, insieme al desiderio di autoaffermazione, anche uno spirito collaborativo, empatico, sociale, e che in molti e' prevalente.

Per quelli di noi che sono per natura contemplativi e riflessivi, che cercano silenzio e bellezza e che non sopportano alcun tipo di competizione, il sistema capitalista e', molto semplicemente, l'inferno sulla Terra.

Non so se quello che ho appena espresso sia un giudizio politico. So solo che ne faccio esperienza ogni giorno.

sabato 20 giugno 2015

Queste stelle scintillano anche su altri campi



Una voce gli disse: "Perche' resti qui a vivere questa vita misera e ingrata, quando sarebbe possibile un'esistenza gloriosa? Queste stelle scintillano anche su altri campi". Ma come uscire da questa condizione ed emigrarvi davvero?

Tutto cio' cui riusciva a pensare era praticare qualche nuova forma di austerita', consentire alla sua mente di discendere nel corpo per redimerlo, e di trattarsi con rispetto sempre crescente.


Mi sto prendendo tempo per rileggere con calma Walden, meditando alcuni suoi passi. Il senso del capolavoro di Thoreau e' questo continuo rimando a una semplicita' volontaria che doni chiarezza di intenti.

Condivido in particolare l'associazione tra essenzialita' (la parola austerita' e' del tutto inadatta e anzi controproducente, e infatti credo che se Thoreau fosse un nostro contemporaneo si guarderebbe bene dallo scriverla), rispetto di se' e finanche redenzione (se per redenzione si intende liberarsi di un modo di pensare che seppure non condividiamo e' cosi' martellante che qualche traccia in noi finisce per lasciarla).

mercoledì 17 giugno 2015

L'Authion, luglio 2014. E dopo quest'ultima serie di scatti che se proprio non riuscite a farne a meno potete andare a vedere di la' in Flickr, prometto che si torna al presente.

sabato 13 giugno 2015

Saint Paul de Vence, luglio 2014.

Momenti di solitudine che ci fanno sentire meno soli



Leggere sembra una perdita di tempo, ma in realtà è un enorme risparmio, perché ti presenta un ventaglio di fatti ed emozioni che impiegheresti anni o secoli a vivere.

Leggere ti fa sentire meno solo, perché ti fa capire che quei tuoi strani pensieri li hanno avuti anche altri, che hanno saputo metterli per iscritto con parole che ti descrivono ancora meglio di quanto tu riusciresti a fare.

Leggere ti prepara a ciò che la crudeltà del mondo moderno definisce “fallimento”, mostrandoti la falsità e la banalità di ciò che questo mondo chiama “successo”.

Martin Caparros, Internazionale.

giovedì 11 giugno 2015

Fondation Maeght, luglio 2014.

venerdì 5 giugno 2015

Fondation Maeght, luglio 2014.

Semplicita' volontaria



"Most of the luxuries, and many of the so-called comforts of life, are not only not indispensable, but positive hindrances to the elevation of mankind. With respect to luxuries and comforts, the wisest have ever lived a more simple and meagre life than the poor.

The ancient philosophers, Chinese, Hindoo, Persian, and Greek, were a class than which none has been poorer in outward riches, none so rich in inward. [...]

The same is true of the more modern reformers and benefactors of their race. None can be an impartial or wise observer of human life but from the vantage ground of what we should call voluntary poverty".

Henry David Thoreau, Walden.

giovedì 4 giugno 2015

Fondation Maeght, luglio 2014.

martedì 2 giugno 2015

Fondation Maeght, luglio 2014.