Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

sabato 20 febbraio 2016

Due ragioni per le quali non potrei piu' tornare a vivere in Italia



Per anni i miei vicini di pianerottolo sono stati una coppia gay, regolarmente sposata. Persone meravigliose, che mi mancano molto da quando hanno deciso di trasferirsi nel sud della Spagna. Si percepiva immediatamente che si volevano un bene pazzesco. Non inizio nemmeno a elencarvi le gentilezze che ci siamo scambiati in tutti questi anni. Quando mi serviva un medicinale che non avevo in casa, o quando dovevo spostare qualcosa di pesante: su loro potevo sempre fare affidamento. Condividevamo addirittura due gatti, che quando loro viaggiavano per il mondo (e capitava spesso: uno dei due e' un parrucchiere sempre in giro a seguire sfilate di moda) diventavano miei.

Uno dei miei piu' cari amici di qui e sua moglie (parlamentare della House of Lords) scoprirono alcuni anni fa di non potere avere figli. Prima adottarono 3 bambini di famiglie povere di East London e poi decisero di ricorrere a una maternita' surrogata. Dovreste vedere che bella e colorata e' la loro famiglia.

Tutto questo, qui e' assolutamente normale, nessuno si sognerebbe di metterlo in discussione senza sentirsi ridicolo.

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

D'accordo su tutto, tranne parecchi dubbi sulla maternità surrogata. Vabbe' l'ateismo e il materialismo, ma fabbricare un figlio su ordinazione mi sembra oltre le frontiere dell'umanità.

Massimo

mercoledì, 24 febbraio, 2016

 
Blogger Fabio said...

Ciao Massimo,

Il mio ragionamento e' molto istintivo e si basa su casi che conosco piuttosto bene. Non si tratta di essere atei o materialisti (non mi colloco in queste categorie, infatti).

Si tratta di chiedersi: hanno diritto le persone di fare scelte che aumentino la propria felicita' (bene cosi' raro e prezioso durante i nostri anni sulla Terra), nel caso in cui non danneggino nessuno (altri esseri, l'ambiente, ecc.)?

In piu', e citando papa Francesco (mio principale punto di riferimento in fatto di questioni etiche), chi sono io per arrogarmi il diritto di scegliere per un altro?

mercoledì, 24 febbraio, 2016

 

Posta un commento

<< Home