Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

mercoledì 27 aprile 2016

Domenica a Prospettive Musicali


Domenica Prospettive Musicali vi portera' alla Liszt Academy di Budapest per ascoltare insieme alcuni estratti di un concerto del chitarrista ungherese Ferenc Snetberger.

Le improvvisazioni di Snetberger combinano la tradizione gitana dei campi Rom, dai quali proviene, con quella brasiliana, con il flamenco, con il jazz acustico, con il tango, con il patrimonio musicale barocco.

Riferimenti a Johann Sebastian Bach si mischiano con Django Reinhardt, Joao Gilberto, Astor Piazzolla, John McLaughlin, John Fahey, all'interno di una musica profondamente originale adatta alle ore notturne del nostro programma.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus.

Etichette:

Diventare amici del nostro passato, pur con tutti i suoi errori, e accettarlo per accogliere le possibilita' del futuro: in modo naturale, senza volere definire confini



"The live creature adopts its past; it can make friends with even its stupidities, using them as warnings that increase present wariness… To the being fully alive, the future is not ominous but a promise; it surrounds the present as a halo.

It consists of possibilities that are felt as a possession of what is now and here. In life that is truly life, everything overlaps and merges".

Art as experience.

martedì 26 aprile 2016

C'e' anche un'altra forza che guida le nostre azioni, e in genere e' sorprendente scoprire quanto ci fa agire davvero bene



"We are used to do most of our work with our brains — with a certain diplomacy, with a certain sharp calculation. But now fall in love, and look here, you will perceive to your astonishment that there is still another force that urges us on to action, that is the heart".

Ever yours: the essential letters.

lunedì 25 aprile 2016

Il punto di intersezione tra cio' di cui il mondo ha bisogno e l'unicita' dei nostri talenti



"- The search for a mission requires you to ask: among all the problems facing humanity, what are the ones that properly interest me? Be alive to the small-scale but authentic concerns.

- Having focused on a problem of humanity that feels right for you, you then need to take an honest look at your own aptitutes. What truly are your talents? What can you contribute? That may require a lot of introspection, career counselling and experimentation.

- Then, where your skills and aptitudes intersect with the needs of the world, that is your distinctive zone: that’s where your mission lies".

Finding a mission.

Clerkenwell, aprile 2016. 

I Partigiani ci hanno liberato da una dittatura politica. Ma la Liberazione dei lavoratori dalla dittatura del capitale non e' mai stata completata. 

Per un breve periodo, tra gli anni '50 e '70, grazie ai partiti comunisti nei Paesi dell'Occidente si sono affermati welfare e socialdemocrazie. A partire dagli anni '80 hanno pero' iniziato a prendere piede ideologie neoconservatrici liberiste che da principio progressivamente e poi sempre piu' precipitosamente hanno cancellato le conquiste delle classi lavoratrici. 

E' ora di riprendere cio' che ci e' stato sottratto. L'esigenza di una nuova Resistenza si fa ogni giorno piu' urgente. 

Il popolo ne ha abbastanza di banchieri e ricchi con capitali nascosti nei paradisi fiscali, di questa totale mancanza di sicurezza e solidarieta' sociale, di disuguaglianze salariali che danno scandalo. Lo dimostra il vasto consenso accordato a papa Francesco, Bernie Sanders, Jeremy Corbyn, Pablo Iglesias.

I tempi per sferrare l'attacco finale al capitale e porre le basi di una societa' basata sull'uguaglianza, la collaborazione, l'armonia con l'ambiente e la solidarieta' non sono mai stati piu' favorevoli.

venerdì 22 aprile 2016

Momenti di apertura della coscienza, occasionali e sfuggenti



"But there are moments when one’s own life feels less precious, or less crucial – and not in a despairing way. And without the support of any imagined afterlife. It might be that the fear of not-existing is – if only for a little while – less intense.

Perhaps looking out over the ocean at dusk or walking in woodland in winter, or listening to a particular piece of music Bach’s double violin concerto, that it would be alright not to exist; one can contemplate a world in which one is no longer present with some tranquility and still feel appreciative of life. 

In such rare moments of higher consciousness, one’s mortality is less of a burden; one’s interests can be put aside; you can fuse with transient things: trees, wind, waves breaking on the shore. From that higher point of view, status doesn’t seem important, possession don’t seem to matter, grievances lose their urgency; one is serene. 

If certain people could encounter you at this point they be amazed at the transformation.

These higher states of consciousness are short lived. We have to accept that. We shouldn’t aspire to make them permanent – because they don’t sit so well with many of the very important practical tasks that we need to attend to.

We don’t need to be always in them. But we do need to make the most of them. We have to harvest them and preserve them so that we can have access to them when we need them most. The problem is that when we are in these higher states of mind we have highly important insights; but we lose access to them when we return to the ordinary conditions of life. 

And so we don’t get the benefit of the insight that was there in those special moments".

Know yourself.


I momenti di apertura della coscienza sono occasionali e sfuggenti. Ecco perche' e' importante avere sempre con se' il proprio Moleskine (a proposito di quello che dicevamo qualche giorno fa commentando un'osservazione di Emerson).

E intanto esplorare possibilita' in modo impaziente e attivo



"To have faith means to dare, to think the unthinkable, yet to act within the limits of the realistically possible; it is the paradoxical hope to expect the Messiah every day, yet not to lose heart when he has not come at the appointed hour.

This hope is not passive and it is not patient; on the contrary, it is impatient and active, looking for every possibility of action within the realm of real possibilities".

The anatomy of human distructiveness.


E' un pensiero radicale, che come Fromm spiega un po' di pagine dopo implica un certo amore per la vita. Per raggiungere il quale e' necessario spesso esplorare l'oscurita' fino a quando intravvediamo un filo di luce.

E quindi forse si tratta di generare un circolo attivo virtuoso, impedendo a noi stessi di lasciarci andare. Richiede, immagino, una disciplina consapevole e positiva.

Nella vita alcune persone e le buone letture, la buona musica, il buon cinema, le buone arti visuali sono sempre disponibili a darci ispirazione, per fortuna.

mercoledì 20 aprile 2016

Immergendoci nella natura, scopriamo la nostra natura



"Standing on the bare ground, my head bathed by the blithe air, and uplifted into infinite space, all mean egotism vanishes. I become a transparent eyeball-I am nothing; I see all; the currents of the Universal Being circulate through me-I am part or particle of God.

The name of the nearest friend sounds then foreign and accidental: to be brothers, to be acquaintances-master or servant, is then a trifle, and a disturbance. I am a lover of uncontained and immortal beauty. 

In the wilderness, I have something more connate and dear than in the streets or villages. In the tranquil landscape, and especially in the distant line of the horizon, man beholds somewhat as beautiful as his own nature".

Nature.


Credo che questo ritrovarsi nella natura abbia molto a che fare con il concetto di centratura che i praticanti di yoga e di tecniche di meditazione conoscono molto bene. 

Peraltro, ma e' un discorso un po' complesso e che richiede tempo, dopo aver sperimentato tante modalita' di meditazione, quando vivevo in Italia e poi qui, sono giunto alla conclusione che la meditazione non fa molto per me.

(In sintesi estrema: l'effetto che molti praticanti trovano nella meditazione, io lo ottengo piu' facilmente scrivendo pensieri sui miei Moleskine - generando, in modo che mi risulta piuttosto naturale, una specie di "dialogo non giudicante" con la parte profonda di me stesso - piuttosto che "svuotando la mente").

martedì 19 aprile 2016

Giardini veri e giardini immaginari



"The good life is lived best by those with gardens — a truth that was already a gnarled old vine in ancient Rome, but a sturdy one that still bears fruit. I don’t mean one must garden qua garden… I mean rather the moral equivalent of a garden — the virtual garden.

I posit that life is better when you possess a sustaining practice that holds your desire, demands your attention, and requires effort; a plot of ground that gratifies the wish to labor and create — and, by so doing, to rule over an imagined world of your own".

An absorbing errand: how artists and craftsmen make their way to mastery.


Non sempre mi ricordo di innaffiarlo e coltivarlo con cura, ma quando accade, come ad esempio questa sera, trovo che mantenere un giardino di pensieri sia un esercizio di disciplina molto appagante. Si mettono a dimora idee che forse, lasciando con pazienza trascorrere giorni, mesi e magari anche anni, ci consentiranno di vivere un'esistenza armoniosa e filosoficamente ricca.

E' bello e da' gioia condividere questi pensieri con voi.

La desiderabile capacita' di instaurare un rapporto di fratellanza con ogni essere vivente



"I’m no more modern than ancient, no more French than Chinese, and the idea of a native country, that is to say, the imperative to live on one bit of ground marked red or blue on the map and to hate the other bits in green or black has always seemed to me narrow-minded, blinkered and profoundly stupid.

I am a soul brother to everything that lives, to the giraffe and to the crocodile as much as to man".

Lettera.


Torna alla mente L'idiota di Dostoevsky, che abbiamo citato solo qualche giorno fa. Con il suo doloroso paradosso: e' pressoche' impossibile avvicinarsi al mondo e venire accettati e integrati se lo si fa con un'attitudine e valori profondamente diversi da quelli largamente condivisi. E' un abbraccio che a volte viene respinto e niente affatto apprezzato.

Le espressioni artistiche che amiamo e cio' che manca alle nostre vite



"We often love in art what we don’t have enough of in our lives. Our ‘taste’ is an indication of an area of need. For example, we love calm pictures because we are anxious or carefree music because we feel a bit trapped. Taste tells us not only who we are, but what we want to be more like".

Self-knowledge quiz.


E' un'osservazione semplice, ma che secondo me permette di conoscere abbastanza in profondita' noi stessi e le persone attorno a noi. Tra l'altro, facendo l'esercizio di pensare a uno stile musicale, a uno visuale e a uno letterario che sentite particolarmente vostri, vedrete che scoprirete delle interessanti connessioni che vi avvicineranno alla comprensione di voi stessi (e di quello a cui aspirate) in modo piuttosto immediato.

Regent's Canal (da Instagram).

giovedì 14 aprile 2016

Sentire il silenzio



"From pure sensation to the intuition of beauty, from pleasure and pain to love and the mystical ecstasy and death — all the things that are fundamental, all the things that, to the human spirit, are most profoundly significant, can only be experienced, not expressed. 

The rest is always and everywhere silence.

After silence that which comes nearest to expressing the inexpressible is music".

Music at night and other essays


E forse anche quella zona intermedia tra silenzio e musica che ci capita frequentemente di esplorare nella seconda meta' di Prospettive Musicali. Musica della quale concentrandosi un po' si puo' fare esperienza, ma che, vi assicuro, e' molto difficile commentare: perche' in alcune circostanze si ha l'impressione che le parole sottraggano invece di aggiungere.

Sento che capitera' anche nelle trasmissioni che andranno in onda nel mese di maggio e che sto preparando poco per volta in queste sere.

mercoledì 13 aprile 2016

L'insopprimibile bisogno di controllare le impressioni che suscitiamo



"As adults we long for others to understand us in the deepest way. But Lacan is preparing us to face a darker possibility that, in fact, other people will be resolutely stuck on the outside of us, assuming us to be pretty much as we seem, but heavily caricaturing us without meaning to.

We’re understandably reluctant to accept this loneliness – and are, consequently, very concerned to control the external appearances that we present. That’s what fashion trades on. We hope that if we could tinker sufficiently with what other people see externally of us (perhaps our hair or design of collar), we may eventually be properly understood.

Lacan suggests a more difficult, mature move: that we accept that other people simply won’t ever experience us the way we experience ourselves; that we will be almost entirely misunderstood – and will in turn deeply misunderstand".

Jacques Lacan.


Forse oggi all'interno della sua analisi Lacan aggiungerebbe alla moda i social networks, strumenti potentissimi per proporre un'immagine di noi e fornire al mondo una chiave interpretativa se non di chi siamo di chi aspiriamo ad essere. Da questo assunto credo dipenda il loro successo inarrestabile.

Le analisi di Lacan si confermerebbero quindi attualissime, al punto da fornire spiegazioni di fenomeni che si sono sviluppati molti anni dopo le riflessioni del filosofo francese.

martedì 12 aprile 2016

Votiamo SI', per un futuro di energie rinnovabili



Che senso ha mantenere in vita un blog se poi non lo si usa per cause nelle quali crediamo? Io che posso solo votare per posta ho gia' espresso il mio voto, appena mi e' arrivata la scheda. Il mio appuntamento con "il mare, le onde, i pesci, i gabbiani, le conchiglie" l'ho rispettato.

Ora tocca ai residenti in Italia.

Come scrive Greenpeace, "Partecipare al voto è un atto importante, di responsabilità democratica, oltre che un diritto. Partecipare per difendere il mare, una delle più grandi risorse di cui dispone l’Italia, è anche un atto d’amore verso la nostra terra, che speriamo coinvolga una larga maggioranza degli italiani".

Il 17 aprile votiamo tutti SI' per un futuro di energie rinnovabili, e portiamo a votare almeno un indeciso (meglio se tanti!).

Come potra', chi sceglie di non votare, guardare il mare e sentirlo ancora amico?

***

Giovanna e io esprimiamo le piu' sentite condoglianze e mandiamo un forte abbraccio all'amica Sabina, a Davide e al piccolo Francesco per la scomparsa di Gianroberto Casaleggio, persona che ha creduto in un ideale di onesta' e di politica nuova e altra, e che e si e' messa in gioco per realizzarlo. Riposa in pace, Gianroberto.

lunedì 11 aprile 2016

The other art fair (da Instagram).

sabato 9 aprile 2016

Se solo imparassimo a vedere



"Dostoevsky’s next great book, The Idiot, takes off from his near-death experience before the firing squad. In the novel, he recounts what it was like. Three minutes before his expected death he is able to see life clearly for the first time.

He notices the gilded spire of a nearby church, and how it glitters in the sun. He’d never before realised how entrancing a glint of sunlight could be. He is filled with an immense, deep love of the world. 

You might see a beggar and think how you would love to change places with them so as to be able to continue to breathe the air and feel the wind – merely to exist seems (at that moment of final revelation) infinitely precious. And then the revised order comes and it is not over at all.

What would it be like to go through one’s whole life in such a state of gratitude and generosity? You wouldn’t share any of the normal attitudes. You’d love everyone equally, you’d be enchanted by the simplest things, you’d never feel angry or frightened. 

You would seem to other people to be a kind of idiot. Hence the title of the book.

It’s an extreme version of a very interesting step. We’re continually surrounded by things which could delight us, if only we saw them the right way, if only we could learn to appreciate them. Dostoevsky was desperate to communicate the value of existence before death would overtake him – and us".

Fyodor Dostoevsky.


E invece troppo spesso impariamo a conoscere il valore delle esperienze e delle persone quando le abbiamo perdute. Credo che solo rallentando i nostri ritmi di vita possiamo imparare a vedere davvero. Vedremmo, credo, tutto quell'invisibile che quando perdiamo ci viene a mancare terribilmente e che richiede a volte molti anni per essere ricostruito o ritrovato.

lunedì 4 aprile 2016

Bernard Jacobson Gallery. Alexander Calder, Blue flower, perforated red.

Si discuteva qualche giorno fa in Instagram (e si' lo so, non esiste un luogo reale o virtuale nel quale non riesca a intavolare una discussione, compresi i siti fotografici!) su quanto l'avanzare dell'eta' porti a diventare sentimentali.

A me e' successo con la musica che ascolto, con i film che vedo, con i libri che leggo, con le arti visuali che seguo. 

Le sculture di Calder non sono forse sentimentali, ma di certo le considero molto emozionanti. Oltre naturalmente alla loro leggerezza cosi' importante nelle nostre vite, personalmente mi comunicano un senso di nostalgia per una sera di quest'inverno, quando la Gio' e io andammo a visitare la sua mostra alla Tate Modern.

Durante le aperture serali del fine settimana, la Tate e' magnifica. Dalle 21 alle 22 e' praticamente deserta, con i guardiani delle sale che chiacchierano tra di loro o tengono gli occhi puntati sulla lancetta dei secondi dei loro orologi. Ti fanno fare quello che vuoi, compreso fotografare i lavori delle mostre temporanee se non lo fai troppo sfacciatamente.

In ogni sala incontri massimo un paio di persone, in genere coppie che si tengono per mano e commentano le opere a bassa voce, oppure persone per conto proprio, con matita e taccuino, nelle quali spesso rivedo un giovane me.

Da quella visita in una fredda sera invernale, ogni volta che mi capita durante le mie abituali passeggiate per gallerie del sabato mattina di imbattermi in una scultura di Calder (e sta capitando davvero spesso) penso a noi due seduti in silenzio in quelle grandi sale per cogliere la magia di quelle sculture sospese sopra di noi. Sorrido e mi commuovo. E' sicuramente l'eta' che avanza, non fateci caso.

Sabato e' successo a una mostra collettiva con un titolo molto bello: Bonheur de vivre. Una gioia di vivere che, con il passare degli anni, diventa sempre piu' legata a filo doppio alla malinconia del vivere. La quale, come un costante cono d'ombra sullo sfondo, rende la luce ancora piu' evidente e a volte meravigliosamente abbagliante.