Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Un taccuino di brevi riflessioni su vita, arte, societa'

domenica 10 febbraio 2019

Prospettive Musicali del 10 febbraio 2019.


Stanotte ascolteremo musiche tratte da:

VV. AA.
Black man's pride 2

MOSE
Film musik

MARK ISHAM
Arkangel original music

ART ENSEMBLE OF CHICAGO
A Jackson in your house

MARK TURNER/ ETHAN IVERSON
Temporary kings

WOLFGANG MUTHSPIEL
Where the river goes

MARCIN WASILEWSKI TRIO
Live.


Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.


Etichette:

5 Comments:

Anonymous L. said...

che magnifica copertina

giovedì, 14 febbraio, 2019

 
Blogger Fabio said...

Ciao L.!

E' di una fotografa italiana che si chiama Nadia Romanini. Credo viva in Germania. Ci seguiamo in Instagram:

https://www.instagram.com/nadiafromanini/.
http://www.nadiafromanini.com/.

giovedì, 14 febbraio, 2019

 
Blogger CICCILLO said...

ho letto i tuoi post della serie "la cura" mentre ascoltavo il podcast relativo a questo post.
poiché il mio xyz principale è il non essere riuscito ad andarmene da Milano, se non facendo il pendolare o il trasfertista o qualche tournée, mi colpisce il fatto che tu abbia deciso di ritornarvi.
sei proprio sicuro?
sei proprio sicuro di sapere cosa è diventata Milano in tutto questo tempo?
io ogni giorno scopro quanto sia diventata forse uguale a Londra, anche se non vado a Londra da più di 30 anni ma me la immagino molto simile all'originale di cui Milano è diventata una scimmiottatura (in parte anche dai tuoi racconti o da quelli di altri).
so che è una cosa un po' assurda da dire, in questo modo e in questo luogo, ma volevo dirtela così come mi è venuta.

martedì, 26 febbraio, 2019

 
Blogger Fabio said...

Sono sliding doors, caro Francesco.

Io mi sono domandato tante volte cosa sarebbe successo se fossi rimasto a Milano. Accettiamolo: non lo sapremo mai. So solo che mi sarebbe rimasto il desiderio di vivere all'estero.

So che venire via mi e' servito a capire tante cose. Pero' sai, forse restare mi sarebbe servito a comprenderne altre. Entrare in contatto con un'altra cultura serve, ma e' anche faticoso e si disperdono tante energie.

Londra e Milano sono parecchio diverse e te lo dico trascorrendo tempo in entrambe. E poi di Londra ne esistono due: quella dei locali e quella di tutti gli altri. Io conosco bene solo la seconda. E obiettivamente e' molto interessante.

Invece i pochi contatti che ho avuto in questi anni con la prima mi hanno lasciato molto perplesso. Gli inglesi, almeno quelli che ho conosciuto io, hanno un rapporto complicato con la loro sfera emotiva e un senso della privacy emozionale molto pronunciato. E io non ho alcuna pazienza per lo small talk.

In questi 18 anni sono successe davvero tante cose e ora sento un forte desiderio di tornare alle mie radici. Anche perche' in un certo senso l'ho gia' fatto: Giovanna e' "le mie radici". A marzo saranno 30 anni che ci conosciamo ed esserci ritrovati 10 anni fa ha trasformato il mio rapporto anche con Milano. Milano e' dove c'e' Giovanna e quindi Milano e' dove sto bene.

E poi si cambia, nel corso del tempo ed e' naturale sia cosi'.

Se guardo Milano da un punto di vista oggettivo, come un po' tutte le citta' e' un grande stagno piuttosto maleodorante e fangoso. Devi saltare da un sasso emergente all'altro cercando di non perdere l'equilibrio per non infangarti. La cultura mainstream e' allucinante sia li' che qui.

Si devono cercare luoghi e situazioni un po' di nicchia per stare bene, ma in fondo se si riesce a non avere troppe aspettative puo' essere divertente perche' nelle citta' le sorprese non mancano mai, non credi?

Pero' fai bene a mettermi in guardia, e di questo ti ringrazio.

martedì, 26 febbraio, 2019

 
Blogger CICCILLO said...

sei molto lucido, dunque mi hai rassicurato ampiamente!

:-)

e sì, sono sliding doors, io ne potevo proprio imboccare una per Londra, 35 anni fa, e non l'ho fatto, non so neanche bene perché.

mercoledì, 27 febbraio, 2019

 

Posta un commento

<< Home