Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

giovedì 18 aprile 2013

Ieri la Thatcher, oggi il PD, adesso pero' basta che troppa gioia puo' dare alla testa.

16 Comments:

Anonymous Anonimo said...

...il Mascetti,Veronica Lario, Valeria Marini...
- (il giornalista): Insomma la fantasia del grande elettore non ha confini.
- (io) i grandi elettori, non hanno ancora capito che noi, non ci stiamo divertendo per nulla!....ma così, solo per non essere volgare.
hrundi v, bakshi

giovedì, 18 aprile, 2013

 
Blogger CICCILLO said...

ammesso che anche la seconda cosa sia vera, in entrambi i casi è troppo tardi.
l'ostinazione con cui sono andati a questo esito si spiega solo con la paura.
stamattina Fassina a Radio Pop parlava di una scelta di pacificazione per mettere fine a una "guerra civile".
ora, si dice che Berlinguer abbia optato per il compromesso storico per paura che in Italia finisse come in Cile.
quindi la mia unica spiegazione plausibile è che loro abbiano informazioni certe su una qualche deriva violenta innescata da colui con il quale sono andati a trattare quando la maggior parte degli italiani vuole l'esatto contrario.
comunque oggi la mia colonna sonora da sovrapporre alle immagini provenienti dal parlamento (tutti quei nomi scritti sul tabellone luminoso per la "chiama" che ti pare incredibile che siano ancora quasi tutti lì) è stata il mix di youtube di Nick Drake.
che pace in quelle canzoni cantate nello spazio di poco più di un'ottava, un antidoto a tanta miseria umana, nei due sensi che tu dici.

giovedì, 18 aprile, 2013

 
Anonymous Anonimo said...

ma al funerale del PD dobbiamo voltare le spalle quando passa il feretro? e quale feretro, di Bersani, di D'Alema? certamente non avrei dubbi riguardo il feretro di Amato.
Più interessante: mi spieghi meglio la Love Series? tutte foto tue fatte in giro per Londra?
Escluso che tu possa avere un abbonamento a SkyHD, che mi rappresenta la foto?
(stasera sono in vena di domande)
ciao
Auro

giovedì, 18 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Hrundi -

Non ci divertiamo proprio per niente, come dimostrano i suicidi di operai licenziati, lavoratori autonomi, piccoli imprenditori, gli incidenti sul lavoro dovuti a orari sempre piu' lunghi e alla mancanza di tutele per i lavoratori in nero.

Ma al PD, piu' o meno L, cosa vuoi che interessi tutto questo? Loro preferiscono fare la spesa all'Ikea con la scorta pagata da noi a spingergli il carrello.

PD sta per Parassiti Defunti, lo hanno capito anche i bambini. Sono luridi privilegiati, mangiapane a tradimento alle spalle dei lavoratori e del popolo.

Chi li ha votati, anche solo una volta, dovrebbe farsi un bell'esame di coscienza.

Francesco -

Ma dai, hai davvero il coraggio di dare ascolto ai deliri di Fassina, il poliziotto buono? Poveretti, cosa sono costretti a inventarsi per salvarsi la poltrona e il culo. Che compassione fanno. Andare a lavorare onestamente senza prostituirsi per campare, tradendo gli interessi del proprio ingenuo elettorato, a quelli del PD proprio non gli passa per la testa.

Se Fassina fosse onesto, che e' come dire se mia nonna avesse le ruote, direbbe che hanno fatto un patto processo Ruby/ Mediaset/ ecc. contro processo MPS: assoluzione per tutti.

Almeno Beppe Grillo dice vaffa agli avversari politici. Questi lo dicono ai propri elettori.

Nick Drake e', come dici tu, un antidoto alla miseria umana, ma io credo che questa miseria umana vada anche denunciata e combattuta.

Sono piu giorni da Crass e Clash che da Nick Drake questi, almeno per me.

Auro -

Il feretro di Bersani, D'Alema, Finocchiaro, Bindi, Letta mi sembra gia' sotto terra da tempo, quelli che vediamo dire cose senza senso sono morti che camminano emamando fetore tutt'attorno. Di notte, subito dopo la farsa recitata da Vespa, non li vedi perche' tornano nelle bare.

Sulla Love series: recentemente andando in giro per Londra ho visto la parola Love su diversi muri, e ho iniziato a fotografarla. Se quelle scritte ci fossero anche prima, non saprei dire, ma io le ho iniziate a notare adesso, forse complice la primavera :)

La foto di questo post e' una pubblicita' vista martedi' sera attraversando la stazione di Charing Cross, e no, non ho un abbonamento a Sky.

Non ho nemmeno una televisione in casa, di pattumiera me ne basta una.

In un suo tweet recente, Haruki Murakami diceva che se leggi quello che leggono tutti, inizi a pensare come pensano tutti. La televisione e' proprio meglio non guardarla.

venerdì, 19 aprile, 2013

 
Blogger CICCILLO said...

il problema, caro Fabio, sono anche gli elettori del PD.
quanti ne vedo in questi giorni che spingono su Rodotà e si meravigliano del fatto che il loro (ex, forse) partito non lo voti.
delle due l'una, o sono in malafede oppure sono ignoranti oppure, concediamone una terza, hanno grossi problemi di memoria (è un'ipotesi da tenere in considerazione, vista l'età avanazata della maggior parte di loro e il dilagare dell'Alzheimer in Italia conseguente all'innalzamento della vita media della popolazione, su questo pare che noi si sia secondi al mondo solo dopo il Gappone).
ma restiamo ai giovani che la memoria dovrebbero averla, secondo me son proprio ignoranti, scrivono su facebook ma non sanno un cazzo e rispetto ai loro coetanei grillini ci fanno la figura dei pirla (e tralascio gli interventi degli intelletuali vari di mezza età, questi son proprio in malafede oppure sono degli intellettuali farlocchi, vedi Serra e tutti quelli che gli vanno dietro).
ma non la conoscono la posizione del loro partito su missioni militari, tav, acqua pubblica, beni comuni, legge elettorale, welfare state, scuola e sanità pubblica e via dicendo?
e non sanno che Rodotà su tutte queste cose ha posizioni diametralmente opposte a quelle del 90% del gruppo dirigente Piddino (per non parlare di quelli che hanno interessi personali in alcune di queste cose)?
la verità è che si riempiono la bocca della Costituzione e poi la violano continuamente, uno come Rodotà è evidente che non lo permetterebbe.
il buon Prodi, bello pacioso, sarà forse un pericolo per Berlusconi ma dubito che osi mettere bocca su tutto il resto.
amen.

venerdì, 19 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Oltre a quello che dici, giustissimo, credo che i poveri elettori del PD farebbero bene a domandarsi come mai un ineleggibile (ricordiamolo: per la legge 361 del 1957 secondo cui e' ineleggibile in Parlamento il beneficiario di una concessione statale “in proprio o come amministratore”) e' stato presidente del consiglio per quasi 20 anni, e potrebbe diventarlo ancora.

Il PD-PDL e' un partito unico, come dobbiamo dirlo ancora?

Il PD e' il migliore alleato di Berlusconi, ripetiamolo ancora una volta a chi si ostina a non capirlo, per ignoranza o pura coglioneria.

venerdì, 19 aprile, 2013

 
Anonymous laura a. said...

"Almeno Beppe Grillo dice vaffa agli avversari politici. Questi lo dicono ai propri elettori."
quoto.
Il problema è che il Pd non è affatto morto, ADESSO! è finalmente in mano a chi ha aspettato seduto sulla riva del fiume. E che ha tutte le carte per fare molto più danno della spompata nomenclatura cui va a sostituirsi.
se volete farvi due risate amare http://www.repubblica.it/politica/2013/04/22/news/intervista_renzi-57201702/?ref=HREA-1

lunedì, 22 aprile, 2013

 
Anonymous Anonimo said...

non nego che un vel "Vaffa" ogni tanto dia un po' di soddisfazione, ma passato quel momento cosa rimane?
i pentastellati non mi pare che siano molto più preparati della media degli altri parlamentari, tra uno che quando dorme è meglio e l'altra che non ha mai letto la costituzione. Anche loro hanno la memoria di un'ameba e non si ricordano cosa diceva Rodotà di Grillo. E della marcia su Roma, dei contatti con CasaPound che ne vogliamo dire?
anche votare a sinistra non dà molta soddisfazione, gente che litiga su tutto e prende il 2% fa solo il gioco del nano
andare al mare? non fosse che lo proponeva Craxi sarei quasi tentato..
Auro

lunedì, 22 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Laura e Auro-

Nel suo casino inimmaginabile di correnti e spifferi il PD e' convinto di potere sostituire la corrente delle Vecchie Scrofe (Bersani, D'Alema, Franceschini, Bindi, Finocchiaro, ecc.) con quella delle Prostitute Minorenni (Renzi, Civati, Orfini, ecc.).

Probabilmente su consiglio di Berlusconi, vero leader del PD, che come si sa predilige la carne fresca e da anni e' ovvio a tutti che desidera Renzi a capo del suo secondo partito.

L'unica cosa che non mi torna e' come sia possibile che gli elettori del PD, persone generalmente per bene, non abbiano ancora compreso il ruolo per parlare forbito ancillare e per parlare chiaro di sguatteri che il PD rappresenta per il PDL.

Il voto PD e il voto PDL sono la stessa cosa, come lo stomachevole inciucio di questi giorni ha dimostrato.

Sul Movimento 5 Stelle i giornalisti servi del Giornale, di Repubblica, di Libero, il cui destino e legato a quello dei loro padroni PD-PDL (non vorrei trovarmi nei loro panni) sparano a zero.

Avendo paura, anzi non paura ma terrore, del cambiamento, si aggrappano a balle colossali, come il resort di Beppe Grillo in Costa Rica, mai esistito, e qualche esitazione sulla conoscenza dei regolamenti parlamentari.

Tali giornalisti servi mi sembra abbiano, professionalmente, i giorni contati, dato che la vendita dei loro fogliacci e' in caduta libera. Per fortuna, fatta salva magari la nostra generazione e quelli piu' anziani di noi, non li ascolta ormai piu' nessuno.

martedì, 23 aprile, 2013

 
Anonymous laura a. said...

dico solo una cosa, Fabio:
non offendere le prostitute :-)

mercoledì, 24 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Verissimo Laura, potrebbero risentirsi nell'essere paragonate a Renzi e D'Alema.

Chiedo anche scusa a tutti i lettori per aver dimenticato di citare Enrico Letta tra le Vecchie Scrofe, come ho potuto dimenticarmi di lui?

Dal suo discorso di accettazione dell'incarico: "Domani nelle consultazioni parleremo con tutti, con il PDL in primis". In questo blog non abbiamo mai avuto dubbi in proposito.

mercoledì, 24 aprile, 2013

 
Blogger CICCILLO said...

io credo che il governo non si farà e che si andrà alle elezioni.
in quel caso, mi duole dirlo, con questa legge elettorale e la prevedibile debacle Piddino-Sellina (o la loro separazione che è la stessa cosa) l'alternativa sarà fra altri 5 anni di Berlusconi e votare 5 stelle sperando che siano il primo partito alla camera.

giovedì, 25 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Io credo che un governo Frankenstein alla fine lo metteranno insieme. Durera' 2 mesi e poi si andra' alle elezioni, con la stessa legge elettorale perche' fa comodo ai rappresentanti di quel governo.

Si votera' ancora, spendendo altri 400 milioni. Il PD scomparira'. Il Giornale, Repubblica e Libero distruggeranno mediaticamente il Movimento 5 Stelle, togliendogli forza.

Berlusconi avra' la maggioranza al Senato e alla Camera.

Primo Ministro sara' Berlusconi, ministri saranno Gelmini, Brunetta, Minetti, Santanche', Sallusti, Began, Letizia, Romano, Cosentino, Storace, Meloni.

Verranno riformati nell'ordine: la giustizia, la scuola, il lavoro, la sanita'.

Si procedera' alla privatizzazione di tutti i beni pubblici e si varera' un piano energetico basato sulla costruzione di dieci nuove centrali nucleari.

La costruzione della TAV procedera' a velocita' record, senza tenere conto che terminera' al confine, dato che la Francia avra' discontinuato il progetto.

Alla morte di Napolitano, Berlusconi abdichera' il ruolo di Primo Ministro a Angiolino Alfano e diventera' Presidente della Repubblica.

Gli italiani all'estero ringrazieranno tutte le sere gli dei altissimi per aver lasciato il Paese.

venerdì, 26 aprile, 2013

 
Anonymous Anonimo said...

Fabio, dimmi che non è vero!
Hrundi v. bakshi

venerdì, 26 aprile, 2013

 
Blogger CICCILLO said...

Accidenti! E io che pensavo di essere il più pessimista qui dentro preconizzando che il prossimo "voto utile" fosse ai 5 stelle...

venerdì, 26 aprile, 2013

 
Blogger Fabio said...

Brunetta stavolta l'abbiamo scampato, ed è già molto. Peccato per la caduta di stile di Dario Fo. A Brunetta va tutta la solidarietà di London Calling. Nel valutare le sue parole bisogna sempre tenere presente che tra la bocca e il buco del culo ci sono 10 centimetri scarsi.

domenica, 28 aprile, 2013

 

Posta un commento

<< Home