Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Un taccuino di brevi riflessioni su vita, arte, societa'

venerdì 27 aprile 2018

Dedicato a chi ha paura.



"Quando mi parla di queste decisioni" ha detto l'analista danese molto ECM "posso suggerirle che si sta ingannando da solo? Io credo che lei non abbia deciso proprio niente. E' stata la sua ansia a decidere per lei".

martedì 24 aprile 2018

A chi ha cercato la maniera e non l'ha trovata mai.



"Non e' mia intenzione criticare il suo sistema di valori" ha detto nella nostra sessione settimanale l'analista danese molto ECM.

"L'importante e' che comprenda che molti dei conflitti che fa di tutto per evitare li trasferisce dentro di se'. Se li porta dentro, ovunque vada. Anche se non ne e' consapevole. Il costo di compiacere il prossimo e' piuttosto alto, non crede?".

lunedì 16 aprile 2018

Il bivio.



"We are at a crossroads.

We can continue on the path we have been on, in this nation that privileges profit over people and land; or we can unite as citizens with a common cause — the health and wealth of the Earth that sustains us. 

If we cannot commit to this kind of fundamental shift in our relationship to people and place, then democracy becomes another myth perpetuated by those in power who care only about themselves".

The hour of land.

domenica 15 aprile 2018

Esercizi per praticanti esperti: considerare il tempo amico.



"La mia idea è che considerando il tempo amico, in una certa misura si riesce a controllarlo. 

Non bisogna lasciarsene dominare, insomma, altrimenti si finisce per assumere un atteggiamento passivo. ‘Il tempo e la marea non aspettano nessuno’, dice il proverbio, e visto che le cose stanno così, una volta ben compresa questa verità, possiamo soltanto adattarvi il nostro programma con la nostra volontà. 

Cioè non restare passivi, ma assumere un atteggiamento attivo”.

Il mestiere dello scrittore.

venerdì 13 aprile 2018

Minerali affascinanti ed enigmatici.



"Se aspirate a scrivere un romanzo, quindi, guardatevi attorno con attenzione – questa è la mia conclusione.

Il mondo ci sembra privo di valore, ma in realtà è pieno di minerali affascinanti ed enigmatici. Il romanziere è qualcuno che ha la capacità di vederli ed estrarli. Altra cosa straordinaria, è tutto gratis. 

Se siete dotati di due occhi che sanno osservare, di quei preziosi minerali potete sceglierne e prenderne quanti ne volete".

Il mestiere dello scrittore.

Ai miei pensieri, a com'ero ieri e anche per me.



Come spesso accade la mia analista, una signora danese molto ECM che con grande calma e eleganza di modi sa mettermi piuttosto a mio agio anche quando affrontiamo argomenti spinosi (cioe' sempre), ieri mi ha fatto una domanda molto aperta.

Mi ha chiesto di descriverle cosa ha causato il superamento della fase dell'eroe romantico che chi segue questo blog da molti anni magari si ricorda ancora. (Se ne ricorda bene, temo, chi l'ha subita).

Ci sono cose che accadono cosi' naturalmente che accadono e basta e fino a quando qualcuno non ti chiede di analizzarle non lo fai. Giri l'angolo e ti si apre un mondo che non sapevi potesse esistere e allora quello di prima te lo dimentichi perche' sei troppo impegnato a esplorare questo.

E invece, immaginatelo detto con tono ECM, dovremmo usare queste trasformazioni per capire che la paura di superare i nostri blocchi perche' su essi abbiamo fondato la nostra identita' e' solo una nostra costruzione mentale difensiva.

Dietro la curva c'e' sempre qualcosa, si aprono nuovi paesaggi, nuovi mondi che prima di rimuovere i nostri blocchi nemmeno riusciamo a immaginare. E' prima di tutto la paura del nulla che va rimossa.

martedì 10 aprile 2018

Perche' e' bellissimo non esserci (reprise).



"It’s hard, now, to be with someone else wholly, uninterruptedly, and it’s hard to be truly alone. 

The fine art of doing nothing in particular, also known as thinking, or musing, or introspection, or simply moments of being, was part of what happened when you walked from here to there, alone, or stared out the train window, or contemplated the road, but the new technologies have flooded those open spaces. 

Space for free thought is routinely regarded as a void and filled up with sounds and distractions".

The encyclopedia of trouble and spaciousness.

lunedì 9 aprile 2018

Non avendo compreso come imparare dall'esperienza.



"And while he aims for the greatest possible freedom from pain, the intuitive man, standing in the midst of a culture, already reaps from his intuition a harvest of continually inflowing illumination, cheer, and redemption — in addition to obtaining a defense against misfortune.

To be sure, he suffers more intensely, when he suffers; he even suffers more frequently, since he does not understand how to learn from experience and keeps falling over and over again into the same ditch. 

He is then just as irrational in sorrow as he is in happiness: he cries aloud and will not be consoled".

On truth and lies in a nonmoral sense.

sabato 7 aprile 2018

Le stelle (reprise).



"Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e accuratamente la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me.

Queste due cose io non ho bisogno di cercarle e semplicemente supporle come se fossero avvolte nell’oscurità o fossero nel trascendente fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le connetto immediatamente con la coscienza della mia esistenza.

Il primo comincia dal luogo che io occupo nel mondo sensibile esterno ed estende la connessione in cui mi trovo nell’infinitamente grande, con mondi sopra mondi e sistemi di sistemi, nei tempi illimitati del loro movimento periodico, nel loro inizio e nella loro continuità.

La seconda comincia dalla mia invisibile identità, la personalità, e mi pone in un mondo che possiede vera infinità, ma di cui si può accorgere solo l’intelletto, e con il quale (ma grazie ad esso anche con tutti quei mondi visibili) io non mi riconosco, come là, in una connessione puramente accidentale, ma in una necessaria e universale. 

Il primo sguardo di una innumerabile quantità di mondi per così dire annienta la mia importanza, che è quella di una creatura animale, che dovrà restituire ai pianeti la materia da cui è sorta, dopo essere stata dotata per breve tempo (non si sa come) di forza vitale.

Il secondo al contrario innalza infinitamente il mio valore, che è quello di una intelligenza, grazie alla mia personalità, nella quale la legge morale mi rivela una vita indipendente dall’animalità e anche dall’intero mondo sensibile, per lo meno quanto può essere dedotta dalla destinazione finale della mia esistenza attraverso questa legge, che non è limitata alle condizioni e ai confini di questa vita, ma si estende all’infinito".

Critica della ragion pratica.

venerdì 6 aprile 2018

Le stelle.



"No one was out on the water but me. It was a moonless night, and quiet. The only sound I could hear was the soft churning of the engine of my boat. Far from the distracting lights of the mainland, the sky vibrated with stars.

Taking a chance, I turned off my running lights, and it got even darker. Then I turned off my engine. I lay down in the boat and looked up. A very dark night sky seen from the ocean is a mystical experience.

After a few minutes, my world had dissolved into that star-littered sky. The boat disappeared. My body disappeared. And I found myself falling into infinity. A feeling came over me I’d not experienced before…

I felt an overwhelming connection to the stars, as if I were part of them. And the vast expanse of time — extending from the far distant past long before I was born and then into the far distant future long after I will die — seemed compressed to a dot.

I felt connected not only to the stars but to all of nature, and to the entire cosmos. I felt a merging with something far larger than myself, a grand and eternal unity, a hint of something absolute. After a time, I sat up and started the engine again. I had no idea how long I’d been lying there looking up".

Searching for stars on an island in Maine.

domenica 1 aprile 2018

Prospettive Musicali del I aprile 2018.


ALICE COLTRANE TURIYASANGITANANDA
World spirituality classics 1: the ecstatic music of Alice Coltrane Turiyasangitananda

MANDOL' IN PROGRESS
The dark side of the mandolin

SHINYA FUKUMORI TRIO
For 2 akis

CIRCLE
Paris-concert

KEITH JARRETT/ GARY PEACOCK/ JACK DEJOHNETTE
After the fall.

Un grazie speciale alla Gio' che ci ha letto in diretta una pagina di:

DUCCIO DEMETRIO
Raccontarsi.


Ascolta il programma.

Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.


Etichette: