Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

mercoledì 27 giugno 2007

Where romantic love and divine love meet

Chissa' dov'e' adesso Judee Sill. Me lo domandavo ieri sera, ascoltando le sue splendide, romantiche, purissime canzoni nelle versioni essenziali per piano e chitarra acustica contenute in questo "Live in London: the BBC recordings 1972 - 1973", appena pubblicato dalla Water di San Francisco. L'etichetta, ricordiamolo, che ha da poco ristampato anche il superlativo "Amore e non amore" di Lucio Battisti, fondamentale acquisto per tutti i lettori di London Calling.

Chissa' quale delle sue personalita' ha prevalso nel giudizio divino di questa cantautrice dolcissima e donna infinitamente travagliata: che nella sua breve vita fu eroinomane, si prostitui', fu condannata per rapina a mano armata. E che nelle sue infinitamente dolci poesie cantava di redenzione attraverso un amore romantico che forse non conobbe mai.

La musica la salvo' da una vita completamente caotica, ma fu una salvezza momentanea. Dopo avere inciso due incredibili album per la Geffen (che in quegli anni pubblicava Crosby Stills & Nash, Joni Mitchell, America...), si scontro' con lo stesso David Geffen, che non si fece problemi a scaricarla all'istante. Come non bastasse, Judee, senza piu' un lavoro e coperta di debiti, ebbe un grave incidente che la costrinse a una serie di dolorose operazioni.

Per il suo passato di dipendenza, i medici le rifiutarono analgesici di qualsiasi genere. Per calmare i dolori, Judee ricorse ancora una volta alle droghe. Che ebbero la meglio sulla sua fragile persona. Judee Sill mori' di overdose nel 1979, povera e sola.

Ci resta la sua musica. "Where romantic love and divine love meet", come canta in "Down where the valleys are low". Musica intensamente spirituale eppure cosi' semplice. Fragile come era fragile lei.

Ascoltatela qui, e poi, vi prego, cercate questo disco. E fatelo ascoltare a piu' persone possibili. Ne sono certo: il mondo sarebbe un luogo pieno d'amore se fossimo in tanti ad ascoltare Judee Sill.

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Ciao mio caro, ho visto che hai visitato il blog che ti avevo suggerito...nuovo post stupendo che non credo tu abbia letto, la leggo e non posso non pensare che siete sulla stessa linea d'onda, capacita' culinarie a parte ;-)

un abbraccio, F

mercoledì, 27 giugno, 2007

 
Blogger lucia said...

Mi ispira.
Lo cercherò...
Ho amato tanto Crosby Stills & Nash, Joni Mitchell e gli America.
Forse amerò anche Judee

giovedì, 28 giugno, 2007

 
Anonymous Anonimo said...

Riesci sempre a spiazzarmi con le tue "chicche", recenti e d'annata, e a farmi scoprire cose che non conoscevo. Ho trascorso gli ultimi 25 anni della mia vita ad ascoltare musica, tanta, di ogno genere. Scopro che è bello sapersi ignoranti, ed emozionarsi ancora.
Grazie.
Nicola

giovedì, 28 giugno, 2007

 
Blogger Fabio said...

F -

Vero, grazie per la segnalazione. Comunque la pizza margherita di Tesco non e' cosi' male, davvero.

Lucia -

Me lo auguro, e secondo me ti piacerebbe molto. Inizia magari pero' con i suoi due album in studio: "Judee Sill" e "Heart food". Una volta, prima che chiudesse Fopp, prima qui si trovavano a 5 sterline, magari li trovi a prezzo ridotto anche in Italia.

Nicola -

Sono lieto di farti conoscere musica che ti emoziona. Bentornato, spero tu stia bene.

venerdì, 29 giugno, 2007

 

Posta un commento

<< Home