Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

mercoledì 2 novembre 2011

Kevin Henderson, Fin da laand ageen (Kevin Henderson, 2011)

Settimana scorsa sono stato particolarmente intransigente, proponendovi due pesi massimi, piuttosto impegnativi. Per compensare, questa settimana suggerisco di ascoltare insieme un disco leggero come una piuma.

Musica che arriva dalle isole Shetland, e che come un caldo maglione di lana ci fa sentire protetti dal freddo che sta per arrivare.

Fin da laand ageen (che vuol dire tornare a casa) e' una raccolta di 24 brani tradizionali di quelle belle e verdissime isole (dove spero di andare quest'estate: conosco piuttosto bene le Ebridi e le Orcadi per averle visitate con calma in bicicletta, facendo island hopping su vecchi traghetti, ma fino lassu' alle Shetland non sono mai arrivato).

A eseguirli per noi e' Kevin Henderson, erede della tradizione dei violinisti dell'arcipelago, e come loro capace di interpretare il particolare folklore delle Shetland, che combina musiche popolari scozzesi e norvegesi.

Fin da laand ageen e' un disco rasserenante, di naturale grazia, molto rilassato. Gioiose gighe da giornate di festa si alternano a brani piu' contemplativi, dal sapore gentilmente nostalgico, che sanno di scogliere e coste ventose e profumano di mare.

Per farvi venire voglia di scrivere una mail a Kevin e chiedergli di mandarvi il suo disco: c'e' una traccia che si intitola Stout's trip to Skea, dedicata a questo violinista vagabondo che si manteneva aiutando i contadini nei campi durante il raccolto. E per il resto, si godeva la vita, suonando il suo violino in riva al mare. Non pensate che la sua sia stata una vita semplicemente meravigliosa?

Sento che quest'autunno e inverno ascoltero' parecchio folk celtico, che se vorrete essere ospiti del mio blog mi fara' piacere condividere con voi. Musica da riscoprire, senza fretta, un disco alla volta: capace di donare un po' di grazia, sorrisi e serenita' alle nostre giornate.

Etichette: