Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

lunedì 24 settembre 2012


La fine dell'estate ci coglie sempre impreparati, indecisi tra la sorpresa contemplazione dei cambiamenti (dell'aria, della luce, delle musiche che si scelgono come colonne sonore di queste giornate) e l'improvvisa consapevolezza che si sta avvicinando un altro inverno di muti colori. Tempo che trascorre, ci porta con se' dove vuole e non si puo' ignorare. E' accaduto tutto all'improvviso.  

Etichette:

2 Comments:

Anonymous Gio said...

Magari non è così, ma di tutte le stagioni, l'Autunno a me sembra quella che arriva più all'improvviso.
E' successo qualche giorno fa. Una mattina aspettando il treno ho guardato i piedi delle altre viaggiatrici. Fino al giorno prima tutte indossavano i sandali ed improvvisamente, al primo scroscio di pioggia, ero l'unica (proprio l'unica) a non aver cambiato scarpe.
Ricordo distintamente che la stessa cosa mi successe lo scorso anno.
Ecco, il primo giorno in cui sono l'unica con i sandali, è Autunno.
E succede da un giorno all'altro.
Gio

martedì, 25 settembre, 2012

 
Blogger Fabio said...

A me sembra che tutte le stagioni metereologiche arrivino all'improvviso, ma a dire il vero mi sembra accada anche con le stagioni della vita.

Non e' un'esperienza troppo inusuale sentire di stare camminando con i sandali nella neve.

martedì, 25 settembre, 2012

 

Posta un commento

<< Home