Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

venerdì 29 luglio 2005

Quello che non ho (contiene: riceviamo e volentieri pubblichiamo # 2)


Ci scrive un noto musicista italiano:

"Ieri sono andato a vedere una mia ex fiamma nella sua nuova casa vicino lugano. 600 franchi al mese per una casa di 3 piani in sasso, pavimenti in legno.. guarda una cosa fantastica. vivono tutti insieme e hanno fatto una band, lei con i suoi due ex fidanzati, davvero bello".

Scriveva un noto scrittore italiano:

"Leo cammina solitario lungo i portici del paese. E' costretto a salutare quasi ogni persona che incontra, poiché conosce tutti e tutti lo conoscono. Non si ferma, fa un breve cenno del capo agli amici di suo padre, alle amiche di sua madre, a qualche parente, ai fratelli o alle sorelle degli amici, alle commesse dei negozi del centro, all'orologiaio, al barista, al farmacista, a un suo professore di liceo, al suo vecchio allenatore di basket, al vicesindaco, all'impiegato della biblioteca comunale, a un gruppo di ragazzini di un complesso rock, a una sua compagna di scuola, alla madre di questa compagna che segue a distanza di qualche metro".

Cioe', ecco, queste sono cose che mancano qui a Londra. Non ci sono case di pietra da affittare per 600 franchi, non si incontrano i volti che fanno parte della nostra storia personale.

Questo per rispondere a chi qualche post fa mi chiedeva cosa mi manca da queste parti.

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Non per essere venale, ma 600 franchi per una casa così sono una vera rarità da queste parti. La regola a Lugano è 1000 franchi per un monolocale. La ragazza ha avuto parecchia fortuna.
Saluti
Matteo

venerdì, 29 luglio, 2005

 
Anonymous Anonimo said...

Scusami Fabio, ma mi sembra assurdo che siano mesi che continui a pensare a queste cose.
Non sarebbe meglio concentrarsi su quali sono in motivi che ti tengono a Londra, cosa ti piace di quella città e delle situazioni che ti offre?
Oppure andarsene, anche se non hai aperto tutte le porte...del resto se è con questo spirito che vivi il rapporto con quello che ti circonda adesso, dietro ad ogni porta probabilmente ti aspetteranno solo nuove delusioni...
non so, però dopo aver letto quel che hai scritto oggi ho avuto un piccolo moto di fastidio. Basta pensare a quello che ti manca, pensa a quello che hai e se non ti piace, focalizza su quello che vorresti, e agisci di conseguenza.
scusami ancora, ma mi sembrava giusto dirtelo....
un abbraccio
raffaella

venerdì, 29 luglio, 2005

 
Blogger Myriamba said...

continuo a dire..che le scelte non sono facili nella vita.
Ahime' bisogna anche tener conto delle possibilita' professionali che Londra offre..e penso che sia una delle cose che ti tenga piu' legato a Londra, o sbaglio? Poi se riesci a farti dei week-end in Italia ogni tanto non e' poi tanto male..

lunedì, 01 agosto, 2005

 
Blogger Fabio said...

Matteo -

Ah gia' che London Calling si fregia anche di lettori dalla Svizzera. Che io adoro, te l'ho mai detto? Penso alla Svizzera e mi vengono in mente, calma, silenzio, le montagne, i laghi. Sei fortunato, immagino tu lo sappia.

Raffaella -

Ecco io l'avevo previsto che vi sareste stancati di post come questo, ricordate? "Fabio, ma perche' ti lamenti sempre, siamo stanchi dei post con questo tono lagnoso, dicevano a gran voce i lettori del blogghino". Allora, dato che sono sul banco degli imputati provo a difendermi. Intanto devo dire che il tono del post che ti ha dato fastidio, forse non si capiva tanto bene ma voleva essere "dolcemente malinconico", un po' come se avessi assaggiato una madeleine e mi fosse tornato in mente un passato che, appunto, appartiene a un tempo "altro da ora". Anzi, "molto altro da ora". E, come sai bene anche tu, del tempo "molto altro da ora" si puo' avere nostalgia, perche' col tempo lo trascolori, lo trasformi, selezioni i ricordi, ecc. Tornare in Italia in tempi brevi e' un po' fuori discussione. Ho finalmente trovato una casa che mi piace e sto comprandola, prevedendo di fermarmi qui qualche altro anno. A Londra ho dedicato uno spazio a Radio Popolare, e a Londra ho dedicato questo blog. E' una citta' che amo, piena delle cose che mi piacciono (musica, arte, culture di tutto il mondo, parchi, ecc). Pero' tu mi conosci e sai che persona torturata sono (se non lo fossi pensi che esisterebbero Prospettive Musicale e questo blog). Non sono felice, non lo saro' mai per piu' di qualche isolato raggio di Sole (ieri per un istante lo sono stato e ho voluto subito comunicarlo alla mia amica con la quale stavo camminando verso il centro: "Vedi, a volte anch'io sono contento"). Ma sono momenti abbastanza rari. E il tono del blog rispecchia il mio carattere e i miei sati d'animo. Cerchero' di scrivere soprattutto quando momenti come quello di ieri si manifestano, sperando che accada piu' spesso.

Myriam -

In effetti sbagli questa volta. E' proprio l'ultima delle cose che mi legano a Londra. Anzi, appena prima che partissi, 4 anni fa, in Italia mi avevano fatto offerte di lavoro parecchio interessanti, ma me ne sono andato lo stesso. A me Londra piace, lontano di qui mi manca. Sai che a pensarci non riesco esattamente a dire perche' sto qui? E' una combinazione di fattori diversi, c'e' la giusta distanza dall'Italia (non troppa e non troppo poca), sono comunque affezionato ad alcune persone di qui... Tutto questo e altro ancora che trovo difficile esprimere a parole.

lunedì, 01 agosto, 2005

 
Anonymous Anonimo said...

Fabio, la nostalgia è un sentimento che riempie il cuore e la mente, dal quale anche a me piace moltissimo lasciarmi trasportare, e l'estate è proprio la stagione in cui maggiormente si risveglia,
in cui anzi mi sembra di vivere continuamente nella nostalgia di qualcosa che non so neanche se ho vissuto oppure no.......
Non ho la minima intenzione di condizionare in alcun modo quello che scrivi qui, ci mancherebbe altro!
ma il fatto che tu senta la necessità di comunicare con gli altri attraverso London Calling prevede anche che ogni tanto ci si senta autorizzati a darti una piccola scrollata,
in un momento in cui ho avuto l'impressione che, proprio come dicevi poco tempo fa, stessi girando attorno, come ipnotizzato, senza vedere via d'uscita.
Se scrivessi solo quando sei contento sarebbe forse ugualmente 'fastidioso'...
e poi, io credo che avere a che fare con gli altri sia indispensabile anche perchè sono per noi uno specchio di noi stessi, e quindi rendono evidenti cose che ci riguardano,
ma che su di noi non riusciamo a vedere.
a volte quindi le cose che ci infastidiscono ci fanno riflettere su atteggiamenti che sono anche i nostri.
un bacio!
raffaella

lunedì, 01 agosto, 2005

 
Blogger Fabio said...

Il fatto che io senta la necessita' di comunicare attraverso London Calling (e dici bene, in qualche modo e' una necessita') prevede infatti un dialogo, uno scambio. Se non trovassi i vostri commenti, sono sicuro che mi stancherei e fare qualcos'altro. Quando poi i commenti sono sinceri e sentiti come i tuoi, capisco fino in fondo perche' questo blog e' diventato, appunto, una necessita'. Ti racconto una cosa. Da un po' di giorni dove lavoro la stampante non c'e' verso di farla funzionare. Abbiamo qui un tecnico in pianta stabile, un genovese simpatico, ma cosi' simpatico che ormai con lui scherziamo tutti e oggi, quando finalmente dopo giorni di operazioni a cuore aperto dalla stampante e' uscito un foglio di carta con qualche timido segno di inchiostro, il mio collega Bhav, un indo-inglese pieno di entusiasmo per tutto, ha regalato al tecnico genovese (il quale, intercala l'inglese con "belin", non sto scherzando) una barretta di cioccolato. Tecnico genovese che oggi magnificava la cafeteria qui sotto, alla quale noi non rivolgiamo altro che critiche. Insomma devo imparare dal tecnico genovese a vedere il mondo in modo un po' piu' positivo. Ne guadagnerei serenita' e barrette di cioccolato. Vero quello che dici, "nostalgia di qualcosa che non so neanche se ho vissuto oppure no", stessa cosa qui. Non credo pero' che tu abbia un senso di nostalgia proprio come il mio, mi sembri piu' equilibrata di me, e secondo me hai trovato la tua dimensione molto piu' di quanto ammetti anche a te stessa. Grazie ancora per avere scritto e i tuoi commenti sono sempre benvenuti naturalmente. Baci!

lunedì, 01 agosto, 2005

 
Blogger St Louis Cardinals BUFF said...

Prenota oggi gli ingressi per i musei di Roma
vinitaly

mercoledì, 05 ottobre, 2005

 

Posta un commento

<< Home