Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

lunedì 12 luglio 2010





There's something wrong with a system that has people in Minneapolis drinking water bottled in Fiji, which has no public drinking system, and then leaving plastic in a Minnesota landfill. Good, clear, clean public water is almost a miracle - you can turn on your tap and great water comes out.

- RT Rybak intervistato da Monocle di Luglio/ Agosto 2010

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

In un momento della mia vita in cui sto facendo esattamente quello che mi pare e quello che mi ero promosso a inizio anno, trovo i tuoi ultimi post sulla mia stessa onda.

E mi mette una grande gioia passare di qua' a leggere i tuoi post.

Da una "accanita lettrice" del tuo blog,

Un abbraccio

Elena

martedì, 13 luglio, 2010

 
Blogger Fabio said...

Ti ringrazio per le tue parole Elena.

Non so quanto resistero' a postare cosi' tanto (anche perche' mi ritrovo a scrivere tra le 2 e le 3 di notte), pero' mi fa piacere che apprezzi.

(Sei Elena di Londra, giusto?).

martedì, 13 luglio, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

So cosa vuoi dire: anch'io ho ultimamente intrapreso una vita notturna parallela!!! Mi ritrovo anch'io a "fare e disfare" in piena notte anche se poi il giorno dopo si lavora!

E comunque si, sono "quella" Elena li'!

Elena

martedì, 13 luglio, 2010

 
Blogger Fabio said...

Come dovevasi dimostrare ti rispondo tra l'inizio di un nuovo giorno e il tempo del riposo...

Credo di si', che abbia senso usare il blog come un diario di bordo, per annotare scoperte.

Non mi sembra tempo sprecato, ma solo se si verificano due condizioni.

La prima e' la generazione di contenuti originali (scritti o immagini). Spostare contenuti da un punto all'altro della rete mi interessa assai poco.

La seconda e' che si instauri un dialogo con chi legge, un senso di condivisione.

Tu invece non hai un blog?

mercoledì, 14 luglio, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

Non ho un blog perche' sono ancora troppo legata alla carta. Possego quaderni e fogli sparsi pieni di appunti, ritagli, frasi prese da libri, ma quella rimane la mia dimensione.
Nonostante senta una forte voglia di comunicare (lo chiamerei addirittura un "bisogno fisico di esprimere"), non riesco a slegarmi dai miei personali e adorati fogli.

Elena

giovedì, 15 luglio, 2010

 
Blogger Myriamba said...

potresti scannerizzare i tuoi fogli e metterli in linea :)

giovedì, 15 luglio, 2010

 
Blogger Fabio said...

Elena -

Proprio a Londra, anni fa conobbi una persona la cui casa era letteralmente tappezzata di fotocopie e manoscritti di poesie e citazioni.

Che bello era leggere quei muri!

L'unico limite che vedo e' che quello che raccogli resta, immagino, quasi esclusivamente tuo.

A me sembra che la condivisione sia importante ("condivisione" e', come ho detto altre volte, insieme a "sobrieta'" e "comunita'" la mia parola preferita del vocabolario).

venerdì, 16 luglio, 2010

 

Posta un commento

<< Home