Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

martedì 5 ottobre 2010

Bonjour tristesse (Otto Preminger, 1958)

E' una serata tranquilla di meta' settimana. Sullo stereo qui in soggiorno gira un vecchio classico immortale e io mi prendo un po' di tempo per aggiornare il nostro taccuino engadinese. Tra la cena e la preparazione della scaletta di Prospettive Musicali di domenica prossima (puntata a tema, collector's edition, come non facciamo da un po', ma non voglio anticiparvi nulla).

In questi giorni sto seguendo, quando riesco, l'enciclopedica (un mese e mezzo con proiezioni giornaliere) retrospettiva che il British Film Institute sta dedicando alla fascinosa Deborah Kerr. Sabato scorso sono riuscito a recuperare Bonjour tristesse, adattamento del romanzo della Sagan, fino ad ora la pellicola che ho preferito della rassegna.

Film sostanzialmente fedele al libro, recitato a mio parere benissimo, con la magnifica Jean Seberg (sulla cui vita, vi prego, qualcuno giri al piu' presto un film) nella parte della figlia ribelle che la futura matrigna intende correggere. Notevole la naturalezza con la quale la Kerr interpreta il suo personaggio, dall'iniziale algida compostezza fino alla finale caduta di ogni difesa. Tragica, non melodrammatica.

Indimenticabili il tema del film, cantato da Juliette Greco, e un cameo di Walter Chiari, che recita in inglese: geniale, come sempre.

Pellicola di impeccabile grazia visuale ed eleganza, di gusto assai francese nonostante il cast internazionale: girato nella villa della direttrice di Elle, e i titoli di testa (disegnati da quel maestro di Saul Bass, cosi' come il manifesto) precisano che i vestiti di Deborah Kerr sono di Givenchy, i gioielli di Cartier, gli accessori di Hermes...

Bonjour tristesse venne del resto apprezzato soprattutto dal pubblico d'oltralpe, dopo essere stato accolto da critiche tiepide in America.

Un bel profilo di Deborah Kerr si trova sull'ultimo numero di Sight & Sound e lo potete leggere qui. Un articolo molto ben scritto su Otto Preminger lo potete trovare qui. Il programma della seconda parte della retrospettiva e' questo.

18 Comments:

Blogger oceano said...

è uscito un numero speciale di repubblica.

a me la kerr ha sempre fatto un po' paura

giovedì, 07 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Io invece, a pensarci, vorrei che le persone che mi fanno paura fossero tutte come la Kerr...

Bello davvero questo R3: assai personale, come tutti i blog che mi piace leggere ma che non ho il coraggio di scrivere.

Chi scrive blog come il tuo riceve tutta la stima incondizionata di Engadina Calling.

Il blogroll qui a destra meriterebbe un bell'aggiornamento per essere davvero utilizzabile, ma per il momento accolgo con piacere La storia dell'Oceano Atlantico tra i blog che seguiro'.

giovedì, 07 ottobre, 2010

 
Blogger oceano said...

le donne che vedono nella kerr una musa e un modello sono belle.
cercherò di fare omeopatia kerriana finché spacciano dosi al BFI

venerdì, 08 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Ma ce ne sono secondo te? (Di donne che vedono Deborah Kerr come musa e modello intendo: io non ne conosco. Invece di donne che vedono come musa e modello Jean Seberg e' piena Shoreditch, anche se alcune non credo sappiano di cosa stiamo parlando).

venerdì, 08 ottobre, 2010

 
Blogger oceano said...

sono attratte da una reinterpretazione 2008 dell'interpretazione anni 80 dell'originale anni 50: ballerine, maglietta a righine (JeanPaulGautier?), pantacollantjeans. piace pure a me, ma a mio discredito dico che sono un'adoloescente (degli anni 80).

la kerr piace alle donne adulte. adulte dentro.

sabato, 09 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Sì beh, te ne sarai accorta se ci sei stata, considerando l'età media degli spettatori della rassegna su Deborah Kerr tu e io siamo adolescenti.

E comunque, a proposito di recuperi, sto scrivendo dalla redazione della radio, dove mi sono reso conto che il disco più nuovo che ho portato con me da trasmettere questa notte è del 1972... Eppure sembra musica modernissima.

E' come se gli anni tra il 1950 e il 1980 si fossero storicizzati, classicizzati, al punto di suonare assai più attuali di qualsiasi cosa sia successa dopo.

Nella musica, nel cinema, nella letteratura, nel design, nello stile.

(Le magliette a righine delle Jean Seberg di Shoreditch però, mi costringi a correggerti, arrivano dal negozio di Agnes B all'interno di Spitalfield).

domenica, 10 ottobre, 2010

 
Blogger oceano said...

la mia viene da M&S. sono povera. negli anni 80 erano di JPG.

alla rassegna kerriana non ci sono (ancora) andata ma dubito che sarei la più giovane. invece sabato mi sono rifatta le piante dei piedi con tre ore di gauguin e un incontro a mezza via tra psicanalisi e buddismo.

sai che non mi ero accorta del tuo ruolo a radiopop? è da ridere se ti dico che quest'estate ho fatto due dirette (penose) a patapalla con aleone e la cosa rossa (cristiano valli)?
con niccolò vecchia invece ho solo litigato su facebook.

se penso che cercavo solo una foto di Bankside.

domenica, 10 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

La mostra di Gauguin è superlativa, io non volevo più uscire. Ci voglio assolutamente tornare un sabato sera, quando la Tate è deserta, e diventa magica.

Radio Pop è un altro luogo magico secondo me. Il fatto che entri in quello studio, schiacci il bottone della diretta e i dischi che metti viaggiano nell'aria della notte, beh se ti fermi a pensarci un momento, è qualcosa di una magia che toglie il fiato. Per me la radio resta una cosa inspiegabile, come il fatto che gli aerei sono così pesanti e però volano.

Alone è proprio una bella persona (tra l'altro è stato il "fidanzato storico" di un'altra milan-londinese). Il programma non l'ho mai sentito però: erano le dirette dei mondiali vero? In quel periodo ero in Inghilterra.

Le Jean Seberg davvero povere le magliette a righine le comprano da Primark in Oxford Street durante i saldi. M&S è già piuttosto middle-class (anche se a me le signore che nel carrello hanno una confezione famiglia di yogurt, un set di posate e un reggiseno fanno un po' tristezza).

domenica, 10 ottobre, 2010

 
Blogger oceano said...

non vorrei darti una cattiva notizia ma sabato sera alle 9 era pieno come primark al 22 dicembre. meglio lunedì mattina forse.

sull'esperienza in radio avevo scritto. cristiano aveva rinominato il mio post "la radio è fatica" perché a me aveva dato l'idea di un lavoro faticoso, difficile e miracoloso, come i soffiatori di vetro di murano. una fatica che non si vede, si vedono solo le magie.

metti in dubbio la mia povertà o la mia middleclassitudine?

domenica, 10 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

E' un po' come quando prepari un buon piatto per i tuoi amici: richiede tempo, cura, ma quando lo lo condividi e lo assaggi tu stessa, la felicita' ti fa dimenticare ogni sforzo.

Credo che il segreto di un buon programma sia anche nel non fare percepire quello sforzo, ma ti assicuro che nulla viene davvero improvvisato: i programmi non preparati vengono inevitabilmente male. Sono prolissi, si perdono nel cazzeggio fine a se stesso, e la manopola si sposta su Radio 3.

La radio e' fatica come hai acutamente colto, tensione (soprattutto se non trasmetti spesso: ne parlavo proprio ieri sera con Vito War quando ci siamo dati il cambio), ma una fatica e una tensione molto piacevoli. Quando preparo un programma per Radio Pop il tempo vola. Mi trovo sepolto di appunti, libri e dischi e non so come sia successo.

La Tate piena il sabato sera e' una notizia che raggela: e' la mia oasi di asocialita' controllata.

Metto in dubbio la tua poverta', non la tua middleclassitudine. Gli italiani che vanno a vivere a Londra sono tutti middle class, anche se ben camuffati da boho metropolitani. Vivere a Peckham e Hackney puo' essere tres chic.

Le Jean Seberg belle e dannate di Shoreditch direi che sono middle-upper.

lunedì, 11 ottobre, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

"sono attratte da una reinterpretazione 2008 dell'interpretazione anni 80 dell'originale anni 50: ballerine, maglietta a righine (JeanPaulGautier?), pantacollantjeans."

praticamente una BB che è uguale alla Minogue d'inizio duemila. O meglio, il contrario...

JC FAshion Observer

martedì, 12 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Loro sono attratte e noi siamo attratti: le regole dell'attrazione sono in fondo semplici.

JC per espiare la citazione di Kylie Minogue dovrai consegnare domattina a Sentire Ascoltare 15 cartelle sui Black Flag, con discografia SST ragionata.

(E lo so che Nick Cave ecc. ecc.).

martedì, 12 ottobre, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

Basta un saggio sull'evidente influenza di "Slip It In" sui Soundgarden e di "The process of weeding out" sul math rock?

XOXO

;D

JC Reynolds

mercoledì, 13 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Vale, vale, ma solo se usi spesso l'aggettivo "seminale".

mercoledì, 13 ottobre, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

magari se accostato a "liquido"... oopppsssss (pun obviously intended)

;D

JC in an Alvaro Vitali mode

"belle... e quante so'... tutte nude..."

mercoledì, 13 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

La legge del contrappasso delle dodici cartelle sui Black Flag direi che vale anche per la citazione di Alvaro Vitali (che peraltro era presenza fissa a Blob quando mi era dato di vedere quel programma).

giovedì, 14 ottobre, 2010

 
Anonymous Anonimo said...

in realtà la quote (dal superclassico "l'infermiera di notte") è di Carotenuto: l'attore, non quell'altro, l'amico di Prestia.

ti ricordi che risate?

xoxo

JC Sheepesque

giovedì, 14 ottobre, 2010

 
Blogger Fabio said...

Mi ricordo le risate che ci facevamo tu e io, bei tempi felici.

Il film in realta' non credo di averlo mai visto (se non a pezzi a Blob).

Prestia per altro e' scomparso di nuovo. Per un po' abbiamo corrisposto a proposito di gatti. Di musica credo si curi ormai assai poco, il reverendo.

Fu un grandissimo, che non sopravvisse al cambiare dei tempi e dei valori.

giovedì, 14 ottobre, 2010

 

Posta un commento

<< Home