Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

domenica 4 settembre 2005

The only disadvantage of leaving London for the summer is having to come back and pick up where you left off


MARGARET BOURKE-WHITE Gandhi with spinning wheel, 1946

Per quale ragione sarebbe uno svantaggio di Londra in particolare (a me sembrava uno svantaggio anche quando stavo a Milano) chiedetelo all'editorialista dell'Independent che ha iniziato un suo pezzo con questa frase.

Mi aiutano in questi giorni post-vacanze e pre-autunno Trampin' e soprattutto questo brano, che mi mette i brvidi ogni volta che lo riascolto.

"Flowers fell burning From the young girls' hair"...

7 Comments:

Anonymous Kit said...

Margareth Bourke-White è la mia fotografa preferita e una fonte d'ispirazione inesauribile. Sei stato alla mostra alla National Portrait Gallery? C'è anche, tra le altre stupende di vari fotografi, la foto che decora il tuo post.

domenica, 04 settembre, 2005

 
Blogger Henry said...

il bello di lasciare Londra per me e' sempre stato il poterci tornare...e anche quest'anno e' l'unico aspetto positivo che riesco a trovare nella fine di un'altra estate

lunedì, 05 settembre, 2005

 
Blogger Fabio said...

Kit -

Devo assolutamente lasciare un messaggio nel tuo blog, il tuo post di oggi su Londra mi ha messo i brividi. Soprattutto: "Ma Londra mi ha anche appesa per i piedi e ha fatto cadere tutte le cose che avevo in tasca e neppure mi rendevo conto che mi pesavano. Mi ha obbligata ad guardarle negli occhi, ad essere fragile e a cominciare a cercare risposte ai miei dubbi.
Londra è davvero come una lente d'ingrandimento. Ha evidenziato i miei difetti, i limiti, ma anche i miei sogni e le speranze.
Un'esperienza straniante e intensa, dritta al cuore". Che e' proprio quello che e' successo a me.

Proprio come dici, la foto fa parte della mostra attualmente al piano terreno della NPG, ed e' in assoluto lo scatto che ho preferito. Mostra abbastanza banale peraltro, non so se condividi il mio giudizio.

Henry -

Intendi dire che vivi qui anche tu o che vieni in vacanza da queste parti?

lunedì, 05 settembre, 2005

 
Blogger Henry said...

ci vivo (e ci lavoro) cinque giorni a settimana...

lunedì, 05 settembre, 2005

 
Anonymous Kit said...

Fabio grazie per i brividi. :-)

A me la mostra è piaciuta (adoro le facce e il bianco e nero in genere), ma l'ho trovata un pò safe come soggetti, fatta per i gusti del grande pubblico. Notevoli comunque le fotografie di Muhammed Alì, che non conoscevo. Sulle altre nessuna sorpresa in effetti, a parte una foto minore di Audrey che non conoscevo e che mi sono partata a casa in formato card.

martedì, 06 settembre, 2005

 
Blogger Fabio said...

Henry -

L'ho fatto per un pochino anch'io prima di trasferirmi qui. Se ti va, mandami qualche informazione in piu' a fabiobarbieri@radiopopolare.it, se non siamo troppo lontani potremmo un giorno pranzare insieme no?

Kit -

Ho avuto la stessa impressione, e del resto il pubblico era un po' quello dei blockbusters, almeno quando sono andato io, gente che sembrava essere stata mandata li' dal tourist information. A me e' piaciuta davvero tanto anche questa: http://www.mundofree.com/cine_nordico/Greta_Garbo.html.

martedì, 06 settembre, 2005

 
Anonymous Kit said...

Sì bella.
("Leaving London is never easy" comunque :-)

mercoledì, 07 settembre, 2005

 

Posta un commento

<< Home