Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Osservazioni e ascolti

mercoledì 9 settembre 2009

Tartaruga 2.0

Il nuovo lavoro di Douglas McCombs, realizzato insieme a David Daniell (chitarrista con Rhys Chatham), e' la cosa migliore pubblicata dai Tortoise (update del 10/ 9: che, ho appena scoperto, mentre tornavo dall'edicola con Wire nuovo e stavo per essere messo sotto da Boris Johnson lanciato in bici a folle velocita' in Goswell Road, chiuderanno il London Jazz Festival, Domenica 22 Novembre) da un bel po' di tempo in qua. E' pero' molto diverso dallo stile del collettivo di Chicago (anche se, oltre a McCombs, troviamo Herndon e McEntire accreditati tra i collaboratori), prossimo casomai alla new weird America psychedelica di Sunburned Hand of the Man, No-Neck Blues Band, Matt Valentine & Erika Elder, ecc.

Nasce dall'editing di oltre sette ore di improvvisazioni free form e fa venire in mente i tempi dilatati di Antonioni: le panoramiche desertiche di Zabriskie Point, l'interminabile piano sequenza finale di Professione reporter, cosi' carico di attesa.

Psychedelia moderna che pero' affonda le radici nel secondo, astratto disco di Ummagumma. Ascolto di quelli difficili, che richiedono dedizione e tempo, ma se siete lettori di Engadina Calling e magari ascoltatori di Prospettive Musicali, immagino vi colpira' come ha colpito me.

4 Comments:

Blogger Viola said...

I Tortoise li conoscevo da un po'...ma non ero a conoscenza di questo nuovo lavoro...mi informo subito.Thank's...

venerdì, 11 settembre, 2009

 
Blogger Myriamba said...

boh gli ultimo tortoise, sono pallosissimi. Hanno suonato al Garage ad Agosto, e non mi sono nemmeno presa la briga di uscire di casa. :)

venerdì, 11 settembre, 2009

 
Blogger Myriamba said...

pero' questo lo ascoltero' ..oltre ad essere una gran fan dei Tortoise dell'inizio ero anche una grande fan degli 11th dream day ;)

venerdì, 11 settembre, 2009

 
Blogger Fabio said...

Ascolta anche il disco di Doug McCombs a nome Brokeback, Field recordings from the Cook County water table: capolavoro minore, bellissimo e sconosciuto, da riscoprire assolutamente.

Dell'unica volta che lo incontrai, nel loft di West Chicago dove i Tortoise stavano registrando TNT, ricordo che con grande gentilezza dopo avere trascorso la serata insieme mi accompagno' alla fermata dell'autobus e rimase ad aspettarlo con me, dicendomi che la zona non era tanto sicura. Un gentleman il buon Doug.

venerdì, 11 settembre, 2009

 

Posta un commento

<< Home